Home Interviste Incontro con Stefano Cavada

Incontro con Stefano Cavada

533
SHARE

La prima cosa che ti colpisce di Stefano Cavada è il sorriso aperto, solare e spontaneo.. La seconda è la gentilezza unita ad una solida preparazione di base.

Chi è Stefano Cavada.

Stefano Cavada è un grande appassionato di cucina. Ho iniziato a cucinare quando avevo 7 anni e da lì la passione è cresciuta piatto dopo piatto. Sono nato e cresciuto in Alto Adige, terra che ho saputo apprezzare e valorizzare solo dopo alcuni anni di vita all’estero fra Londra e Parigi. Sono rientrato e ho visto tutto con occhi diversi decidendo di voler raccontare la mia terra e le sue tradizioni.

Il tuo canale su youtube. 20.231 iscritti! Come e perché decidesti di aprirlo.

Ho iniziato con un canale Youtube di cucina. Ho scelto di iniziare con le video ricette in quanto il video era per me il mezzo di comunicazione più diretto e completo. Volevo condividere le tradizioni, le ricette e le specialità gastronomiche della mia terra. E così è stato. Ho sempre dato molta importanza al mio territorio e ho voluto raccontare anche i prodotti e i loro produttori. Questa caratteristica è stata molto apprezzata dal pubblico.

Consigli di beauty (barba) e cucina come nasce l’abbinata.

Tre anni fa quando avviai il canale di YouTube mi ero fatto crescere la barba. Siccome richiedeva parecchia manutenzione e su Youtube ancora non trovavo tutorial che mi spiegassero bene la sua routine ho deciso di farli io stesso in base alla mia esperienza e confrontandomi con Mirco, il mio barbiere di Bolzano.

Partiamo dalla barba, come si diviene esperto? Come ti districhi tra tutte le offerte di mercato? Oli, shampoo, balsami, cere etc?

Non mi definirei un esperto di barba. Mi ero appassionato amatorialmente e ho creato solo quei pochi contenuti che ora sono sul mio canale. Non era la mia strada o la mia passione quindi ho deciso di concentrarmi sulla cucina.
Per quanto riguarda i prodotti ho i miei brand di riferimento che ho conosciuto tramite il mio barbiere e a quelli mi sono fidelizzato.

Cucina, a vedere il quantitativo di video la tua vera passione. Quando hai iniziato a cucinare e un ricordo piacevole legato a questa arte.

Come dicevo prima, ho iniziato a cucinare quando avevo circa 7 anni. Grazie ai miei genitori e alla mia nonna che mi avevano insegnato tantissimo. Poi con i primi programmi tv di cucina, libri e reality mi sono avvicinato sempre di più a questo mondo sperimentando e curiosando sempre più sui ricettari e fra le varie ricette tradizionali italiane.
Dopo le scuole superiori ho anche frequentato dei corsi serali professionali di cucina che mi hanno aiutato tantissimo ad apprendere tecniche nuove di cottura o di preparazione delle pietanze.
Quei mesi nella scuola alberghiera sono un bellissimo ricordo.

Cucina e tv. Come è iniziata questa bella avventura su La 7d?
L’avventura è iniziata per una serie di coincidenze. Il produttore Riccardo Pasini aveva notato dei miei video su Facebook e si era incuriosito. Grazie alle attività fatte con il mio ufficio stampa ci siamo incontrati alcune volte e da lì è nata l’idea di portare in tv SelfieFood. Riccardo e la rete tv hanno creduto in me e hanno voluto osare con qualcosa di nuovo e molto smart. Un’esperienza di sicuro nuova e molto stimolante.

Cosa farà (e come) Stafano da grande?

Al momento sto lavorando ad un nuovo spazio a Brescia che sarà dedicato a corsi di cucina, eventi, incontri ma sarà anche in realtà il mio spazio quotidiano di lavoro.
Un grande sogno nel cassetto è pubblicare alcuni libri di cucina e ci sto lavorando.

 

Articolo di: Luca Ramacciotti

Foto di: Maria Martus

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.