Home Da conoscere “Il demone dai capelli bianchi” ne parliamo con Diego Cucinelli

“Il demone dai capelli bianchi” ne parliamo con Diego Cucinelli

286
SHARE

Il demone dai capelli bianchi novità in libreria, è un libro che va letto, che si sia appassionati o meno di storie gotiche, se il Giappone ci affascina. Un romanzo che illustra i sentimenti, le idee, le tradizioni di un popolo che più studiamo più ci sfugge. L’unica controindicazione sulla lettura è che si deve fare in un momento che non abbiamo impegni perché come si comincia, sarà impossibile posare il libro.

De ” Il demone dai capelli bianchi” ne parliamo con Diego Cucinelli che ha curato la traduzione, le note al testo e la postfazione.

Quale è il percorso che porta Diego Cucinelli fino a “Il demone dai capelli bianchi”?

Da sempre amo i lavori di Ranpo, quella patina oscura che avviluppa le maglie del suo narrato. Un amico giapponese un giorno mi consigliò di leggere “Il demone dai capelli bianchi” e rimasi affascinato sia dallo stile sia dal retroscena, ovvero il legame con il gotico inglese e con gli adattamenti di opere occidentali dell’era Meiji.

Perché la scelta di questo titolo?

Presentare in Italia un romanzo come “Il demone dai capelli bianchi” è una occasione per far conoscere la grande maestria stilistica di Ranpo e il ponte che esiste tra lui e la letteratura straniera, oltre che quello con un grande letterato di era Meiji, Kuroiwa Ruikō, una figura chiave nella formazione artistica di Ranpo.

Quanto è difficile, in un romanzo come questo, riuscire a tradurre le atmosfere da una lingua, quella giapponese, così differente dalla nostra?

“Il demone dai capelli bianchi” è dei primi anni trenta del novecento e rispecchia gli usi linguistici del tempo nonché la sensibilità. Per il traduttore è una sfida, in quanto deve ricostruire un mondo linguistico distante in modo credibile e omogeneo. Si deve operare con la mente un salto nel tempo e mettersi di continuo in discussione per entrare in sintonia con quel mondo.

Quali sono le peculiarità stilistiche di Edogawa Ranpo?

Ranpo è molto teatrale e ciò viene fuori molto chiaramente in “Il demone dai capelli bianchi”. Ha una tavolozza ricca di ombre, che lui giostra in maniera magistrale. E poi, tra le maglie del mistero, si riscontra di continuo una forte sensualità che emerge nei dettagli e nelle sfumature.

Una storia senza pietà fino alla fine. Vince il bene o il male secondo te?

Come molti altri lavori di Ranpo, il finale risulta sfumato e la distinzione tra bene e male non è chiara. Anche la frase del protagonista che chiude l’opera, lascia il lettore interdetto poiché contiene una carica ironica che lo svia.

Quanto un romanzo del genere può affascinare un lettore moderno e perchè?

Credo che sia molto attuale e descriva temi sempre vivi: più l’amore è forte e più l’odio che lo segue è violento. Anche il messaggio che la ricchezza materiale non conduca sempre alla felicità, è uno dei pilastri dell’opera e che dovrebbe far riflettere anche oggi.

Prossimo impegno?

Al momento sto curando un’antologia di storie fantastiche e aneddoti buddhisti del Giappone antico e medievale; a breve, poi, inizierò invece a tradurre un romanzo della fine degli anni Venti scritto da Miyamoto Yuriko. Stavolta, una storia tutta al femminile…

Intervista di: Luca Ramacciotti

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.