Home Libri In libreria “I lati oscuri della mente” di Cecilia Smeraldi

In libreria “I lati oscuri della mente” di Cecilia Smeraldi

159
SHARE

Per poter accettare ogni parte di noi, è opportuno poter accogliere, senza paura e pregiudizi, i pensieri e le emozioni apparentemente più inconfessabili e “sbagliate”, valutandoli per quello che sono: qualcosa che non ci può essere estraneo, semplicemente perché siamo umani. 

I LATI OSCURI DELLA MENTE di Cecilia Smeraldi  

Dal 19 novembre in tutte le librerie! 

È strano pensare che la mente possa avere dei lati oscuri. Pochi campi della scienza hanno avuto uno sviluppo rapido e massivo paragonabile alle neuroscienze; tutto sembra essere stato investigato, misurato e spiegato. Ogni comportamento ha cause ipotizzabili, linee di sviluppo prevedibili ed è riconducibile a una classificazione, almeno in apparenza. La parola d’ordine è accettazione, verso qualsiasi pensiero o impulso possa sorgere nella nostra mente. 

Eppure qualcosa ancora non torna. La cronaca è quotidianamente riempita da episodi che sembrano suscitare una reazione unanime di rifiuto (“come è possibile? Non è umano” e cosi via); la prassi clinica si occupa ogni giorno della sofferenza di chi non riesce a tollerare i propri lati oscuri, integrandoli in una coerente e globale visione del sé. 

Si corre lungo un doppio binario: a livello pubblico tutto può essere esplicitato, anche spettacolarizzato, e di conseguenza tollerato; a livello intimo permane una grande sofferenza e una distorsione nella visione di sé e dell’altro. Accettare che idee ed emozioni negative siano parte della vita e della natura umana sembra apparentemente sdoganato sin dai tempi di Freud e della scoperta dell’inconscio, tuttavia ancora oggi rimane una zona di confine, tra costume, clinica e devianza a cui ci si accosta sempre con una curiosità timorosa. 

Il fascino del lato oscuro influenza arte e letteratura nel corso dei secoli, rimanendo inalterato al cambiare delle condizioni socioculturali. La sublimazione connessa alla creazione artistica permette forse di poter riflettere con maggior distacco e serenità su aspetti propri e altrui che possono apparire inaccettabili. 

Cecilia Smeraldi, nata e cresciuta a Milano, è dottore di ricerca in Neuroscienze e disturbi del comportamento. Si occupa da anni di sostegno e riabilitazione delle principali patologie psichiatriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.