Home Musica “pop rock jazz…e non solo” Victoria and The Winemakers I’m Into...

“pop rock jazz…e non solo” Victoria and The Winemakers I’m Into That

157
SHARE

Victoria and The Winemakers
I’m Into That
(Extended Play)
(Phony Art Records/Believe Digital)

  Sono attivi da oltre dieci anni, i pugliesi Victoria and The Winemakers: ovvero Vittoria Impedovo (voce), Alessandro Accardi (chitarre), Antonio Vinci (tastiere) e Mino Petruzzelli (batteria). E in questo decennio il quartetto, che si definisce “pop-soul” ma in realtà mesce efficacemente anche sprazzi blues, rock ed elettronici, ha saputo soprattutto segnalarsi per l’ampia attività dal vivo: che li ha condotti persino nei pub di Londra, a mettersi in gioco affrontando la scena britannica e la lingua che hanno scelto per scrivere canzoni, ossia l’inglese.

Ora l’EP “I’m Into That” è il loro primo biglietto da visita discografico, un concept di cinque brani a ricostruire una storia femminile di sentimenti e realtà, fotografata dal fuggire la famiglia (“In the Family”) al ripensare i propri valori, sino a convincersi della bontà di farsi coinvolgere solo da quelli con la maiuscola (“Work For You”, “I’m Into That”).

E bisogna dire che quanto i quattro propongono convince abbastanza, fra abrasioni sonore interessanti, un bell’andamento equilibrato fra Oltremanica e Mediterraneo, una cifra sonora dal piglio molto preciso e sicuramente di buon impatto: forse c’è solo da approfondire e quadrare il complesso sul piano ritmico, giacché l’assenza del basso si sente e impedisce alla ritmica d’essere profonda come l’insieme meriterebbe.

Però la voce di Victoria c’è, scartavetra quando serve e ha diverse sfumature, le più convincenti quelle “aggressive” ma ci sono pure le altre; la chitarra ha guizzi di valore e le tastiere rendono coeso l’insieme con personalità e gusto, dentro arrangiamenti ben pensati. Il caleidoscopio della proposta compositivo-testuale, certo, su cinque brani è limitato; anche perché certe buone intuizioni come quelle di “Work for You” non paiono sviluppate appieno, e la morbidezza melodica di “Bring Me Back” rappresenta una sorta di pausa dell’insieme.

Insieme però composto anche dall’intrigante sviluppo di “In the Family” e dall’interessante brunitura di “I’ve Been a Fool”: oltre che dalla title-track che è sicuramente il pezzo più forte e compiuto, del concept-EP.
Ora Victoria and The Winemakers si attendono alla frontiera d’un album intero, magari con più frequenze di scrittura e anche altre tematiche da osare: però, per essere un primo passo “fisico” nel mondo del disco, questo loro Extended Play è comunque rivelatore. D’una band dalle molteplici possibilità, e come raramente accade già muscolarmente forgiata (non è poco) dalla gavetta della pratica live.

Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare, “I’m Into That” official video:
https://www.youtube.com/watch?v=toD-InqDFzQ

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.