Home Interviste Havoc & Lawn ospiti del nostro format musicale

Havoc & Lawn ospiti del nostro format musicale

104
SHARE

Quando avete iniziato a fare musica?

Riccardo (Havoc) fin da piccolo suonava la chitarra e si è appassionato alla produzione verso i 15/16 anni mentre io, Simone (Lawn), non ho mai suonato strumenti ma già intorno ai 12 anni mi sono avvicinato all’utilizzo di DAW e alla musica elettronica.

Con quali artisti siete cresciuti?

Siamo cresciuti a cavallo tra hip hop, rap e rock per poi avvicinarci alla musica house ed elettronica solo in età adolescenziale. Dovendo fare alcuni nomi inserirei sicuramente:

2Pac, Biggie, Dr Dre e tutta la sfera g-funk, Eminem (insomma ci siamo capiti…J)

Come nasce la vostra musica? Quali sono le vostre fonti d’ispirazione?

La nostra musica nasce da un minimo suono, da un minimo Sample che ci permette poi di sviluppare un’idea.

Insomma siamo sempre attenti a tutto ciò che ci circonda.

Qual è il messaggio che volete mandare con la vostra musica?

Con tutti i nostri brani cerchiamo di far divertire e ballare la gente, creare un prodotto che si possa ascoltare in ogni occasione e che possa dare “serenità”

Cosa avete deciso di raccontare con il vostro progetto?

Cerchiamo sempre di dire chi siamo e cosa pensiamo anche se con molti dei nostri brani più club è complesso, in generale proviamo a inserire elementi che ci rappresentano.

Qual è il momento in cui avete scoperto che avreste voluto intraprendere la strada della musica?

In età adolescenziale tutti hanno una passione, chi lo sport, chi le macchine, chi le moto, noi avevamo la musica quindi già intorno ai 14/15 anni avevamo le idee chiare.

Quali sono i generi in cui spaziate nella vostra produzione?

Le nostre produzioni partono da una base tech house che poi prende sonorità da musica house più classica a suoni più techno, ma abbiamo molti suoni e sample provenienti da altri generi, hip hop in primis.

Cosa significa lavorare nella musica oggi?

Nel 2019 è sicuramente molto difficile riuscire a farsi notare ed emergere, è un ambiente molto complesso con tante sfumature,ma poter vivere di una passione è veramente gratificante.

Cosa ne pensate dei social e del web in generale come mezzo per farsi conoscere?

I social e il web sono molto utili per riuscire a raggiungere un ampio numero di persone e farsi notare, però ovviamente anche il numero di persone che ci prova è più ampio e c’è rischio di “perdersi”.

In generale però li vediamo come una cosa positiva anche per creare contatti con altri artisti e fan.

Cosa non deve mai mancare in un brano che ascoltate e in uno che realizzate?

Quando ascoltiamo musica, sembra banale, ma l’importante è che sia orecchiabile, che abbia un bel movimento e che scorra liscia.

Per questo in generale ascoltiamo musica molto ritmata.

Per un brano che produciamo sicuramente la cosa più importante è il groove, cioé la parte di batteria percussioni basso che dàmovimento alla traccia e fa ballare per intenderci.

Cosa ne pensate dei talent show? Avete mai pensato di parteciparvi?

Non siamo grandi fan dei talent show, in generale crediamo che se un’artista ha talento riesce a sfondare o a farsi notare senza usare i talent come mezzo, nonostante siano certamente una grande opportunità e siano nati grandi talenti da essi.

Diteci dieci cose che vi piacciono e dieci che vi fanno arrabbiare.

Sushi, fotografia, orologi, serie TV, scarpe, viaggiare, inverno, informatica, le lingue, la pasta

Ipocriti, mentalità chiuse, traffico, aerei in ritardo, spoiler, rumore, perdere tempo

Prossimi appuntamenti dal vivo?

Quest’estate ci muoveremo per l’Italia, a fine mese saremo a Parma mentre ad inizio luglio porteremo il nostro format Habitat in tour.

Progetti?

Tanta musica in uscita e collaborazione con ottimi artisti e cantanti.

Contatti

www.instagram.com/havocandlawn/

www.facebook.com/HAVOCANDLAWN

spotify.com/Havoc&Lawn  

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.