Home Libri Rabih Alameddine Io, la divina

Rabih Alameddine Io, la divina

616
SHARE
\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

“Commovente e memorabile.” Boston Globe

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

“Sarah è un personaggio avvincente, che lotta tra culture diverse per la propria identità.” Publishers weekly

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

“Un romanzo che emoziona, triste, divertente e commovente.” Michael Chabon

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Io, la divina è un romanzo di 45 capitoli primi. Sarah Nour el-Din,la protagonista, soprannominata “La Divina” da suo nonno, in omaggio a Sarah Bernhardt, scrive e riscrive la sua vita, da un capo, da un’altro, sempre ripartendo da zero e da un altro punto di vista. Nata a Beirut, cresce negli anni difficili della guerra civile. Eppure lei non si abbatte, non perde mai, anche nelle situazioni più difficili, la sua smagliante voglia di vita e il suo desiderio di piacere. Romanzo delle identità linguistiche, Sarah si muove tra il Libano e l’America, tra cristiani maroniti, ebrei, drusi, in mezzo a impossibili pacificazioni, odi e guerre familiari e storiche. Romanzo di una ribelle, di una che non rispetta mai nessuna regola  e osa: dalla prima sigaretta, al gioco del pallone, alla scoperta dell’eros. Io, la divinaè un esempio straordinario di come un uomo possa dare voce a una donna, raccontando il fallimento di matrimoni, perdite inaccettabili, e la vita che nasce sulle rovine di tutto. 

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Dopo il successo di La Traduttrice finalista al National Book Award, Rabih Alameddine firma un altro ritratto straordinario di  figura femminile, e un romanzo che è anche una bella metafora del blocco dello scrittore, e una raffinata messa in scena della teoria delle interpretazioni. 

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

RABIH ALAMEDDINE è nato in Giordania nel 1959 da genitori libanesi. Dopo aver vissuto in Kuwait, Libano e Inghilterra, ora si divide tra San Francisco e Beirut. Ha già pubblicato una raccolta di racconti, The Perv, e il romanzo Koolaids. Presso Bompiani ha pubblicato Hakawati. ll cantore di storie (2009) e La traduttrice (2013) con cui è stato finalista al National Book Award.

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Fonte: Ufficio Stampa Bompiani Alba Donati \ Davis & Franceschini

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.