Home Arte Diego Marcon, Esercizi di stile

Diego Marcon, Esercizi di stile

539
SHARE

 \r\n\r\nVenerdì 20 febbraio 2015, al Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano, si terrà il nuovo appuntamento di E-STRAORDINARIO, il programma ideato dalla Fondazione Ermanno Casoli per portare l’arte contemporanea nel mondo dell’impresa, utilizzandola come strumento didattico per la formazione aziendale. L’incontro, dal titolo Esercizi di stile, è a cura di Marcello Smarrelli direttore artistico della Fondazione Casoli, e vedrà come protagonisti l’artista Diego Marcon e Luca Varvelli, trainer specializzato in formazione e sviluppo delle risorse umane. Il workshop – ideato per un gruppo di imprenditori del territorio fabrianese, ma anche delle province di Pesaro-Urbino e Macerata – si svolge nell’ambito di “CultLab – Spin off di impresa culturale”, promosso da Meccano spa, Università di Urbino “Carlo Bo” e Università di Macerata, progetto che si propone come occasione di network fra progetti culturali e mondo delle imprese, incoraggiando le opportunità di sviluppo che possono scaturire da questo incontro. Per E-STRAORDINARIO la Fondazione Ermanno Casoli ha ottenuto importanti riconoscimenti, quali il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e il premio Cultura + Impresa 2014.\r\n\r\n \r\n\r\nEsercizi di stile, come suggerisce il titolo, si presenta come un esperimento di scrittura. Prendendo spunto dal libro omonimodi Raymond Queneau, ai partecipanti sarà fornito un breve “aneddoto di base” dal quale sviluppare tre variazioni, relative al registro linguistico, al genere letterario e al supporto fisico sul quale riscrivere il testo. I partecipanti – un gruppo misto di manager di lungo corso e giovani imprenditori del territorio – lavoreranno in gruppi; al termine del workshop tutti i contributi, rielaborati dall’artista, andranno a formare una rivista/fanzine, che verrà consegnata ai partecipanti e costituirà un’opera d’arte a tutti gli effetti. Un progetto pienamente in linea con la poetica di Diego Marcon, il cui lavoro interroga costantemente le nozioni di realtà e realismo, e il ruolo che hanno i linguaggi nel definirle – indagando così lo statuto dell’immagine nell’epoca della comunicazione di massa.\r\n\r\n \r\n\r\nUtilizzando come metodologia didattica la metafora dell’arte, Luca Varvelli, guiderà i partecipanti in un’esperienza tesa a rafforzare il pensiero innovativo, lavorando sul valore del cambiamento e della rottura degli schemi.\r\n\r\n \r\n\r\n”La Fondazione Ermanno Casoli, grazie ad E-STRAORDINARIO – dichiara Francesco Casoli – punta alla contaminazione tra arte ed impresa. L’arte intesa come forma di creatività diventa fonte di innovazione. Importante che questo progetto coinvolga più imprese del nostro territorio; infatti, sono da sempre convinto, che dalla condivisione nascano i progetti migliori e più duraturi.”\r\n\r\n \r\n\r\nFondazione Ermanno Casoli\r\n\r\nLa FEC nasce nel 2007 a Fabriano (AN), in memoria del fondatore dell’impresa Elica. La Fondazione è da sempre impegnata nell’ideazione e promozione di progetti grazie ai quali l’arte contemporanea incontra il mondo dell’impresa. In tutte le attività, la FEC assume il ruolo di mediatore – in collaborazione con le società di formazione – garantendo agli artisti piena autonomia e libertà di espressione e all’azienda coerenza e compatibilità delle iniziative con le proprie esigenze e i propri obiettivi. Gli artisti contemporanei entrano direttamente nel cuore delle aziende, dialogando coi dipendenti nel contesto di workshop e laboratori che stimolano creatività, innovazione, spostamento dei punti di vista, contribuendo a migliorare gli ambienti di lavoro. Con E-STRAORDINARIO la FEC ha messo a punto un progetto di formazione che porta l’arte contemporanea nel mondo industriale: attraverso un ciclo di incontri teorici e di workshop, in cui artisti di fama internazionale vengono messi al centro dell’attività formativa e lavorano ad un progetto artistico con i dipendenti di un’azienda. L’iniziativa viene realizzata in collaborazione con un trainer specializzato in formazione manageriale. Tra le aziende e istituzioni per le quali la FEC ha realizzato E-straordinario si segnalano, oltre a Elica: ACRAF – Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco, Confindustria Ancona, Gruppo Sole 24 ORE, Bricocenter, MSD, Biotronik, Jungheinrich. Per E-STRAORDINARIO la FEC ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.\r\n\r\n \r\n\r\nDiego Marcon\r\n\r\nDiego Marcon, (Busto Arsizio, IT 1985) è un artista e filmmaker attualmente residente a Parigi. La sua ricerca si occupa della relazione tra realtà e rappresentazione, indagando l’ontologia dell’immagine in movimento e della sua possibilità di essere uno strumento per investigare il reale.\r\n\r\nNel 2006 si laurea in montaggio alla Scuola Civica di Cinema, Televisione e Nuovi Media di Milano e nel 2012 consegue un BA in Arti Visive e dello Spettacolo all’Università IUAV di Venezia. Nel 2009 partecipa al Corso Superiore in Arti Visive della Fondazione Antonio Ratti e prende parte al programma di residenze della Dena Foundation for Contemporary Art a Parigi. Nel 2010 ottiene uno studio alla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, nel 2013 è artista in residenza al Centre International d’Art et du Paysage Île de Vassivière e alla Cité Internationale des Arts a Parigi per il 2013/2015. I suoi lavori sono stati proiettati in festival di cinema sia in Italia che all’estero e sono stati mostrati in istituzioni e spazi quali Whitechapel Gallery (Londra, UK), Fondation d’entreprise Ricard (Parigi, FR), De Vleeshal (Middelburg, NL), National Architecture Institute Rotterdam (Rotterdam, NL), PAC – Padiglione Arte Contemporanea (Milano, IT), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino, IT), Fondazione Merz (Torino, IT), MAGA – Museo Arte Gallarate (Gallarate, IT), Fiorucci Art Trust (Londra, UK), Peep-Hole e Gasconade (Milano, IT). Info: https://www.diegomarcon.net\r\n\r\nFonte: Davis & Franceschini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.