Home Libri Incontro con Daša Drndić

Incontro con Daša Drndić

313
SHARE

 \r\n\r\nTRIESTE 28 gennaio\r\n\r\nMuseo Revoltella, ore 18\r\n\r\nInterviene Mauro Covacich modera Alessandro Mezzena Lona\r\n\r\nletture di Lučka Počkaj\r\n\r\nIn collaborazione con il Comune di Trieste e il Museo della Risiera di San Sabba\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nROMA 29 gennaio\r\n\r\nFeltrinelli, Piazza Colonna, ore 18\r\n\r\nInterviene Luciana Castellina, Paolo di Paolo modera Diego Zandel\r\n\r\nCon un saluto dell’Ambasciatore della Repubblica di Croazia, Damir Grubiša\r\n\r\nTrieste è stato accolto ovunque come un capolavoro, e posizionato sulla stessa strada di Sebald e Don DeLillo. Troviamo la protagonista, Haya Tedeschi,  seduta da sola a Gorizia, circondata da una cesta di fotografie e ritagli di giornali. Ha 62 anni e cerca disperatamente suo figlio, avuto da un ufficiale delle SS e rapito dalle autorità tedesche per far parte del programma segreto di Himmler: il progetto Lebensborn. Era nato nel 1944 da una relazione con Kurt Franz, giovane ufficiale tedesco alto e biondo di cui si era innamorata,  senza sapere che era già a capo del campo di lavoro di Treblinka. Haya riflette sulle esperienze della sua famiglia ebrea convertita al cattolicesimo, e sul massacro degli ebrei italiani nella Risiera di San Sabba, il campo di concentramento di Trieste. La ricerca ossessiva di suo figlio la conduce verso fotografie, mappe, frammenti di versi, verso le deposizioni durante i processi di Norimberga e le interviste con gli ebrei di seconda generazione, e ai racconti dei testimoni oculari delle atrocità avvenute sulla sua porta di casa. Da questo ampio collage di materiale e memoria emerge la sconcertante cronaca dell’occupazione nazista nel nord Italia. Ci sono 9000 nomi elencati nel libro, sono i nomi degli ebrei italiani che hanno trovato la morte nei campi di concentramento nazisti durante la seconda guerra mondiale.  Scritto con un linguaggio di immensa forza e utilizzando una gamma di incredibili dispositivi concettuali, Trieste è un romanzo come nessun altro. Daša Drndić ha realizzato uno sconvolgente contributo alla letteratura del XX secolo.\r\n\r\nDaša Drndic è nata in Croazia. Laureata all’Università di Belgrado – Facoltà di Filologia presso il Dipartimento di lingua e letteratura inglese, con una borsa di studio Fullbright, continua il suo corso di studi in Teatro e Comunicazione negli Stati Uniti, conseguendo infine il dottorato con una ricerca su Sinistra e Protofemminismo, presso la Facoltà di discipline umanistiche e Scienze sociali all’Università di Reika (Fiume), Croazia. Ha scritto una trentina di sceneggiati radiofonici, pubblicato prose e poesie. E’ scrittrice di romanzi tradotti in inglese, francese, polacco, sloveno, tedesco, slovacco.\r\n\r\nUfficio stampa: Alba Donati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.