Home Libri Cinzia Leone con Cellophane (Bompiani) vince la prima edizione del Premio Letterario...

Cinzia Leone con Cellophane (Bompiani) vince la prima edizione del Premio Letterario Margherita Rosa.

268
SHARE
\r\n

Cinzia Leone con Cellophane (Bompiani) vince la prima edizione del Premio Letterario “Margherita Rosa”. Gli altri finalisti del Premio  erano Luca Bianchini con Io che amo solo te (Mondadori) e Alessandra Appiano con Solo un uomo (Garzanti). La giuria, presieduta da Carlo A. Martigli, è composta da Alessandra Casella, Valentina Fortichiari e da Piergiorgio Nicolazzin. La cerimonia si è svolta sabato 8 marzo a Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure (Genova).

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

CINZIA LEONE

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Cellophane

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Bompiani

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

“È quasi un giallo, ma si legge come un romanzo di formazione” – Cristina Nadotti, la Repubblica

\r\n

\r\n

“Tutto si mescola, in quei sacchetti ispezionati ossessivamente da Aurora: ma la vita è così, mescolata, confusa e disordinata” – Pierluigi Battista, Corriere della Sera

\r\n

\r\n

“I rifiuti dicono della vita di chi li produce più di quanto dica la vita stessa” – Ritanna Armeni, Il Foglio

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

 

\r\n

“Cinzia Leone, un Beckett nelle scorie dell’esistenza” Giorgio Pressburger, Avvenire

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

“Cinzia Leone indaga le vite degli altri attraverso la loro spazzatura. Dalle discariche nasce un genere che, tra saggi e racconti, invade arte, politica, filosofia” – Gianluca Veneziani, Libero

\r\n

\r\n

“Un romanzo che conserva l’ironia, la velocità e la facilità di lettura di un fumetto” – Angiola Codacci-Pisanelli, L’Espresso

\r\n

\r\n

“Racconta la Sicilia degli anni ’80 e la vita di una disinfestatrice ossessionata dai rifiuti e alla ricerca del senso della sua esistenza, tra dita mozzate e rose gialle” – Anna Mazzone, Panorama

\r\n

\r\n

“Bisogna fare severamente i conti con il passato. Come scopre Aurora, una ragazza dal nome leggero e dal lavoro pesante” – Antonio Calabrò, Il Mondo

\r\n

\r\n

Aurora non doveva nascere. È venuta al mondo per rimpiazzare la sorella inghiottita da un’onda: una vita da sostituta. Da rifiuto. Ha una mania: setaccia i sacchetti della spazzatura per ricostruire vite di sconosciuti. Non raccoglie i rifiuti, li ispeziona e basta. Fino a quando un dito mozzato, un grumo di sangue e segatura trovato in un sacchetto la trascina in una caccia all’uomo. Un dito non si abbandona in un cassonetto: si sotterra, si distrugge, si cancella. Cercando il bandolo della matassa, scopre un traffico di rifiuti. Una storia pericolosa nella quale ruotano, strozzini, imprenditori senza scrupoli, un greco affascinante e un pianista disperato. Fino alla grande discarica dove sono nascoste scorie radioattive. Intorno una Sicilia degli anni ’80 invasa dalle televisioni a colori, dai soldi inspiegabili e dalle cambiali: un’Italia che corre verso brulicante di immagini fasulle.

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Aurora è una ragazza speciale, dominante. Ha ereditato un’azienda: caccia topi, blatte e parassiti, tutto quello che il genere umano odia. Il suo mestiere con lo sporco c’entra, e soprattutto con le paure. Il gioco lo conduce lei: in ditta e con i sacchetti. E anche con gli uomini. Molti uomini. Le braccia di Stavros la eccitano nei vapori di una piscina termale: ha quarant’anni più di lei, è l’amico-nemico di suo padre. Legata a una benna da Sebastiano o in un pick up con Salvatore, Aurora domina i suoi maschi, forte della sua solitudine e del suo singolare mestiere.

\r\n

Cellophane ruota intorno a una domanda: è più importante quello che conserviamo o quello che gettiamo? Per Aurora tutto sarebbe stato più semplice se i sacchetti della spazzatura fossero stati trasparenti come il cellophane. Se non avesse avuto bisogno di frugare nei rifiuti delle vite degli altri per reinventarsi la sua. A salvarla, a insegnarle ad amare, saranno Tito, un cagnolino preso controvoglia e un mazzo di rose gialle avvolto nel cellophane.

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Cinzia Leone, giornalista e autrice di graphic novel, tra i fondatori del settimanale satirico “Il Male” e del quotidiano “Il Riformista”, collabora con l’“Espresso” e il “Foglio”. Il suo romanzo d’esordio è Liberabile (Bompiani 2009). Ha pubblicato le graphic novel Il diamante dell’Haganah (Rizzoli), Hotel Habanera (Editori del Grifo), Atelier David (Editori del Grifo), Quel fantastico treno (AdnKronos), e Come conquistare le donne (Comix). Ha vinto il Premio Yellow Kid Immagine nel 1999.

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Ufficio stampa Bompiani: Alba Donati /Davis & Franceschini

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.