Home Da conoscere Due chiacchiere con Rosamaria Tempone alias Rosmy

Due chiacchiere con Rosamaria Tempone alias Rosmy

150
SHARE

Rosmy, nome d’arte di Rosamaria Tempone, è una cantautrice italiana, attrice, interprete e erede della famiglia Trichitella, musici e girovaghi di arpa e violino, che hanno portato a New York e Parigi la tradizione “dell’arpa Viggianese”. Il suo percorso musicale come cantautrice inizia nel 2016. Proprio in quell’anno con Un istante di noi”, si aggiudica il Premio Mia Martini “Nuove Proposte per l’Europa 2016” e il premio “Miglior brano radiofonico”. Da questo momento molte sono state le soddisfazioni per Rosmy come la partecipazione alla finale del Premio Lunezia 2018 con il singolo “Inutilmente

A gennaio 2019 esce il suo disco d’esordio, Universale, il cui singolo Addormentarsi insieme” le permette di arrivare in Finale a Sanremo Rock 2019. “Fammi credere all’ eterno” è il brano che non solo vanta, nel video, la presenza di Giovanni Storti, del noto trio di comici Aldo, Giovanni e Giacomo ma che ha visto Rosmy tra i protagonisti nelle tappe di Jesolo e Mestre del Festival Show, il festival itinerante dell’estate italiana.

Nel 2019 è stata tra i protagonisti a Faenza della 25° edizione del MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti). Ha recitato nel film “Donne Lucane” diretto da Nevio Casadio e il suo brano “Ho scelto di essere libera” è parte della colonna sonora. Grande successo ha ottenuto l’omaggio a Mango che Rosmy ha fatto in occasione de L’anno che verrà, la trasmissione del Capodanno di Rai Uno, accompagnata dall’Orchestra diretta dal Maestro Stefano Palatresi.

Il 30 giugno 2020 Rosmy ha pubblicato un nuovo brano intitolato “Ho tutto tranne te”. Scritto da Rosmy e prodotto da Cristian Milani e Michele Clivati, “Ho tutto tranne te” è un brano dalle sonorità pop rock con un arrangiamento caratterizzato da suoni elettronici. In un periodo di distanziamento fisico imposto dalle circostanze, Rosmy invita a non perdere mai di vista l’altro e mostrare supporto e vicinanza nei confronti di tutti, soprattutto dei più deboli. Per questo nel videoclip della canzone, girato da Beppe Gallo, la vera protagonista non è la Milano vuota e desolata ma l’associazione di volontariato City Angels, che nel video girato da Beppe Gallo, si prende cura di un senzatetto.

Ciao Rosmy innanzitutto complimenti per il tuo ultimo progetto “Ho tutto tranne te”. Vogliamo farti delle domande per farti conoscere meglio ai nostri lettori:

Iniziamo subito con un argomento che ancora fa paura a motli: Come hai vissuto il periodo del lockdown? ti ha dato modo di pensare a nuovi progetti, alla tua vita?

Durante il lockdown le riflessioni che facevo erano spesso legati a momenti vissuti prima della pandemia che rivivevo nella memoria con malinconia. Tutte queste riflessioni però mi hanno fatto rendere conto che in un momento così surreale un tempo sospeso, come spesso lo definisco io, ci ha aiutato a sentire l’esigenza di avvicinarci all’altro e di vivere di tutto, senza però trascurare i momenti insieme alle persone care, alla famiglia, come accadeva prima per diversi motivi.

Nonostante questo periodo però hai composto un nuovo singolo. Ho tutto tranne te”, ci parli di questo nuovo brano? 

Se penso che questo brano “Ho tutto tranne te” non era nei miei programmi e che mi sta dando tanto mi vengono i brividi, vuol dire che la musica non è finita, come dicono, ha solo bisogno di maggiore spontaneità perché il pubblico è attento e sente se qualcosa è vera. Questo brano è nato da mille riflessioni e immagini che mi passavano davanti agli occhi. Questo tempo,infatti, ha fatto riemergere in ognuno di noi l’importanza dell’altro. Siamo niente senza l’altro, senza l’amore e il rispetto per chi vive intorno a noi. Questo ha fatto scattare in me la voglia di valorizzare la solidarietà, un tema spesso toccato con leggerezza.

Girato al Belvedere del Palazzo Lombardia di Milano, il video descriveresti una Milano apparentemente desolata, ci racconti il video?

Ho voluto, ispirandomi al film “il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders, far parlare i luoghi, dare voce alle strade, alle piazze, ai cieli capovolti e tutto questo attraverso la musica. Il video di “Ho tutto tranne te” è un messaggio sociale di solidarietà, che valorizza lo straordinario impegno dei City Angels, associazione di volontariato nata a Milano nel 1094. La città di Milano, vuota e desolata, che guardo dall’alto è volutamente in contrasto con la musica e le mie parole che cercano, invece, di comunicare sostegno e sollievo. La vera protagonista, quindi, è la Milano solidale che nel videoclip è rappresentata dai volontari dell’associazione i quali aiutano e confortano un senzatetto.

Il 5 luglio hai avuto l’occasione di partecipare all’evento “Aspettando Contaminafro: Daniele Durante Taranta” organizzato al Castello sforzesco di Milano. Com’è stato tornare a suonare dal vivo?

Mi sono sentita un’artista fortunata a salire su quel palco il 5 luglio, poi in un luogo speciale come Il Castello Sforzesco di una città meravigliosa, che ha bisogno di tornare alla normalità. Dopo il messaggio forte fatto da tutti gli artisti e dagli addetti ai lavori sul silenzio della musica, io credo che ora sia arrivato il momento di reagire, per quel che si può, senza abbattersi per ricominciare da qui.

Intervista di: Matilde Alfieri

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.