Home Da leggere Marietti 1820 pubblica in digitale le opere di Franco Ferrarotti

Marietti 1820 pubblica in digitale le opere di Franco Ferrarotti

298
SHARE


MARIETTI 1820 PUBBLICA ANCHE IN DIGITALE LE OPERE DI FRANCO FERRAROTTI, PADRE DELLA SOCIOLOGIA ITALIANA. IN 14 EBOOK OLTRE 5 MILA PAGINE SULL’ITALIA, GLI USA, L’AMAZZONIA, ADRIANO OLIVETTI E CESARE PAVESE

Dai fondamenti teorici della sociologia alle indagini sulle periferie, la mafia e il terrorismo. Dal racconto dei viaggi negli Stati Uniti e in Amazzonia al ricordo degli amici e maestri Cesare Pavese, Nicola Abbagnano, Felice Balbo e Adriano Olivetti.

Quattordici ebook, disponibili da mercoledì 15 aprile nel sito dell’editore Marietti 1820 (www.mariettieditore.it), mettono a disposizione anche in formato digitale i sei volumi di oltre 5 mila pagine complessive dedicati alle principali opere di Franco Ferrarotti, 94 anni, intellettuale poliedrico, primo professore italiano di Sociologia, diplomatico e deputato indipendente al Parlamento italiano dal 1958 al 1963. 

I quattordici ebook raccolgono, con introduzioni inedite, l’imponente “Trattato di sociologia”, i “Lineamenti di storia del pensiero sociologico”, le riflessioni sull’identità dialogica, l’empatia creatrice, la conoscenza partecipata e la critica della sociologia contemporanea contenuta nel testo “L’ultima lezione”.

Nel campo delle Ricerche sono inoltre disponibili in formato digitale anche da “Roma da capitale a periferia”, “Vite di baraccati” il “Rapporto sulla mafia”, il “Rapporto sul terrorismo” e le indagini su giovani e droga, mentre tra gli scritti autobiografici si possono ritrovare i racconti dei viaggi negli Stati Uniti e in Amazzonia, i ricordi delle esperienze nella diplomazia e nella politica e gli omaggi agli amici e maestri Pavese, Abbagnano, Balbo e Olivetti.

Nato a Palazzolo Vercellese (Vercelli) nel 1926, Ferrarotti è professore emerito di Sociologia all’Università di Roma “La Sapienza” e direttore della rivista “La Critica sociologica”. Con Nicola Abbagnano ha ideato nel 1951 i “Quaderni di sociologia”, che ha diretto fino al 1967. È stato tra i fondatori, a Ginevra, del Consiglio dei Comuni d’Europa, responsabile della divisione Facteurs sociaux dell’Ocse a Parigi e deputato indipendente al Parlamento italiano dal 1958 al 1963. Nominato Directeur d’études alla Maison des Sciences de l’Homme di Parigi nel 1978, è stato insignito del premio per la carriera dall’Accademia nazionale dei Lincei nel 2001 e del titolo di Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica dal presidente Ciampi nel 2005. Ha insegnato a Chicago, Boston, New York, Toronto, Mosca, Varsavia, Colonia, Tokyo e Gerusalemme.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.