Home Libri Angela Davis E la sua storia in libreria per Ponte alle Grazie

Angela Davis E la sua storia in libreria per Ponte alle Grazie

630
SHARE

ANGELA DAVIS Icona globale e attivista Leader del Partito Comunista e dei Black Panther in USA

MITICA

Le hanno dedicato canzoni:
il quartetto Cetra
John Lennon
i Rolling Stones
Francesco De Gregori

È ritratta, tra le varie figure del comunismo, nel quadro di Renato Guttuso I funerali di Togliatti

ATTUALITISSIMA

Ottobre 2017
È stata acclamatissima ospite del festival di Internazionale a Ferrara

Febbraio 2018
L’università di Harvard ha acquisito l’archivio di Angela Davis
https://www.smithsonianmag.com/smart-news/harvard-new-home-angela-davis-papers-180968191/

DALL’8 MARZO sarà IN LIBRERIA

Angela Davis
La libertà è una lotta costante

«Il femminismo implica molto di più che non la sola uguaglianza di genere»: tutte le lotte di liberazione – dalla povertà, dalle discriminazioni – e per la difesa dell’ambiente dovranno unirsi in una lotta costante e globale per la libertà.
Dalla più amata rivoluzionaria della nostra epoca, un’analisi limpida, un monito chiarissimo.

«Le parole che Angela Davis spende per la giustizia sono formidabili… Non si possono negare la potenza delle sue considerazioni storiche e la dolcezza del suo sogno».
NEW YORK TIMES

«Un’analisi incisiva, urgente e completa… Questi saggi ci riportano indietro nella storia fino agli iniziatori delle lotte rivoluzionarie e antirazziste, ma ci offrono anche la prospettiva di una solidarietà attuale tra le tutte le forme di lotta. Angela, con le sue lucide parole, chiama a raccolta la nostra storia luminosa per un promettente futuro di libertà».
JUDITH BUTLER

IL LIBRO

Angela Davis, figura centrale e simbolica delle lotte di libertà e per i diritti civili in tutto il mondo, ben oltre il movimento di liberazione afroamericano, torna dopo oltre dieci anni con un libro di riflessione e di militanza politica. Negli interventi qui raccolti, Davis mette l’accento su un punto fondamentale: tutte le lotte di liberazione sono interdipendenti: da quelle che prendono a oggetto le discriminazioni di classe, di genere, di razza, in base alla nazionalità, all’orientamento sessuale o alle abilità fisiche e mentali, fino all’ambientalismo e persino all’animalismo. Il nome di questa idea è complicato («intersezionalità») ma la sostanza è molto semplice: «è impossibile raccontare davvero quella che si ritiene la propria storia senza conoscere le storie degli altri. E spesso scopriamo che le storie degli altri in definitiva sono le nostre», scrive Davis; scopriamo cioè che i meccanismi dell’oppressione, dell’esclusione e dello sfruttamento sono gli stessi, sia che si parli di donne, di lavoratori, di etnie, di gay o trans ecc., e le lotte possono essere efficaci solo se si uniscono.
Tenendo fede alla sua intuizione fondamentale, Davis affronta qui un’ampia gamma di fenomeni – la violenza domestica e di genere, la violenza della polizia statunitense sui neri, le speculazioni delle multinazionali, l’occupazione dei territori palestinesi, la situazione delle carceri… – e li collega in un auspicio, anzi in un vero programma di lotta globale per i diritti essenziali: a un’adeguata alimentazione, all’istruzione, alla salute, alla casa, al lavoro, alla libertà dalla violenza: in definitiva, alla libertà.

L’AUTRICE

Angela Yvonne Davis (1944) è una delle principali esponenti delle lotte per i diritti civili negli Stati Uniti e uno fra i maggiori simboli dei movimenti femminista e marxista a livello mondiale. Nasce a Birmingham, in Alabama, dove forte è lo scontro razziale. Si iscrive in seguito, a 14 anni, alla Little Red School House, nel Greenwich Village di New York, per divenire poi studiosa di filosofia e allieva di Adorno e Marcuse. Militante del Partito Comunista Americano e del movimento delle Pantere Nere, la dura e ingiusta detenzione cui fu sottoposta negli anni Settanta la fece diventare un’icona delle lotte di liberazione in tutto il mondo. Nel tempo ha affiancato all’attività politica anche l’insegnamento accademico, scrivendo numerosi saggi che spaziano dalla storia sociale alla denuncia politica. Attualmente insegna Storia della coscienza all’università della California, dove dirige anche il Women Institute. Fra i suoi libri pubblicati in Italia ricordiamo Autobiografia di una rivoluzionaria (minimum fax, 2007) e Aboliamo le prigioni (minimum fax, 2009).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.