Home Ambiente Ecodom presenta il suo viii Rapporto di Sostenibilità

Ecodom presenta il suo viii Rapporto di Sostenibilità

324
SHARE

OLTRE 68.700 TONNELLATE DI MATERIE PRIME RICICLATE IN UN ANNO, \r\n\r\nGRAZIE ALLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI: \r\n\r\nUN PASSO CONCRETO A SOSTEGNO DELL’“ECONOMIA CIRCOLARE”\r\n\r\n \r\n\r\nIn corso oggi, a Milano, la presentazione dell’ottavo Rapporto di Sostenibilità di Ecodom, il più importante Consorzio italiano attivo nella gestione dei RAEE, che nel 2015 ha gestito 78.265 tonnellate di RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche\r\n\r\n(con un incremento di oltre 3 punti percentuali rispetto al 2014), consentendo il riciclo di una ingente quantità di materie prime seconde, come il ferro, il rame, la plastica e l’alluminio, che sono state reimmesse nei processi produttivi \r\n\r\nnel pieno rispetto dell’ambiente (più di 810.000 tonnellate di CO2 evitate) e con un notevole risparmio di energia (pari a oltre 321.000 GJ).\r\n\r\n \r\n\r\n24 Maggio 2016 – Sono 78.265 le tonnellate di RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, come frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, forni e cappe) trattate, nel corso del 2015, da Ecodom, il più importante Consorzio operante in Italia nella gestione di questa tipologia di rifiuti.\r\n\r\nQuest’attività ha consentito, in un anno, il riciclo di 68.715 tonnellate di materie prime seconde, tra le quali 47.076 tonnellate di ferro (ovvero quanto necessario per la costruzione di 6 Tour Eiffel); circa 1.657 tonnellate di alluminio (pari alla quantità utile a produrre 103,5 milioni di lattine); più di 1.489 tonnellate di rame (equivalenti a 16 Statue della Libertà) e 8.000 tonnellate di plastica (sufficiente alla realizzazione di 3,2 milioni di sedie da giardino).\r\n\r\n \r\n\r\nSono questi i numeri più importanti che emergono dalla presentazione del “Rapporto di Sostenibilità 2015” di Ecodom, che quest’anno ospita volti noti del mondo del food, del riciclo, della green economy, del no-profit, per raccontare storie di “economia circolare”: esperienze positive, di uomini e di donne, che hanno ridefinito il loro modo abituale di fare business, superando il tradizionale modello “usa e getta” ed offrendo una “nuova vita” alle cose e alle persone…\r\n\r\n \r\n\r\nPresenti all’incontro, moderato dalla giornalista Marica Di Pierri: Davide Oldani, Chef del Ristorante “D’O” di Cornaredo; Massimo Parisi, Direttore del carcere di Bollate; Antoine Roy, della Federazione “Envie”; Franco Fontana, Vice-Presidente della Cooperativa Sociale “Insieme” di Vicenza; Stefano Ciafani, Direttore Generale di Legambiente.\r\n\r\n \r\n\r\n“Il 2015 è stato un anno complicato per il settore dei RAEE – ha sottolineato Giorgio Arienti, Direttore Generale di Ecodomper due diversi motivi: innanzitutto, la mancata implementazione, a distanza di due anni dall’entrata in vigore del D.Lgs. 49/2014, di numerosi decreti attuativi necessari ad assicurare il corretto funzionamento del sistema RAEE; in secondo luogo, il repentino e vertiginoso crollo del costo delle materie prime (in particolare del ferro, ma anche della plastica), che ha messo a dura prova l’intero settore del riciclo”.\r\n\r\n“In queste condizioni – continua Arienti  non è stato semplice mettere in pratica il concetto di ‘economia circolare’: infatti, è già difficile fare impresa in assenza di un quadro normativo definito e stabile; diventa pressoché impossibile, se l’incertezza normativa contribuisce anche allo sviluppo di un ‘mercato parallelo’, che sfrutta a proprio vantaggio questa situazione. Nonostante tutto, però, il nostro Consorzio ha ottenuto ottimi risultati e anche nel 2015 abbiamo assicurato gli obiettivi di eccellenza ambientale ed efficienza economica previsti dalla nostra mission”. \r\n\r\n \r\n\r\nLo scorso anno il Consorzio ha infatti gestito in modo ambientalmente corretto il 31,4% di tutti i RAEE generati in Italia. In particolare, il 49,3% dei rifiuti del Raggruppamento R1 (“freddo e clima”, ovvero frigoriferi e condizionatori) e il 62,4% dei rifiuti del Raggruppamento R2 (“grandi bianchi”, ovvero lavatrici, lavastoviglie, cappe, forni, scalda-acqua).\r\n\r\n \r\n\r\n“L’importanza del riciclo dei RAEE – commenta il Direttore Generale di Ecodomnon sta solo nel ‘valore’ delle materie prime seconde che ne derivano, quanto soprattutto nella riduzione degli impatti ambientali causati dal rilascio in atmosfera delle sostanze inquinanti contenute nei RAEE e nel risparmio sui ‘costi energetici’ di estrazione delle materie prime vergini”.\r\n\r\nNel 2015, grazie alla corretta gestione dei RAEE operata da Ecodom, è stata evitata l’immissione in atmosfera di 810.469 tonnellate di CO2, pari alla quantità di anidride carbonica assorbita in un anno da un bosco esteso quanto la provincia di Lecco (810 Kmq), e si è riusciti a risparmiare 321.500 GJ di energia elettrica, equivalente al consumo annuo di una città di oltre 75.000 abitanti.\r\n\r\n \r\n\r\nDalla cucina ai rifiuti: storie concrete di “Economia Circolare”…\r\n\r\nNel corso della presentazione del “Rapporto di Sostenibilità 2015”, Ecodom ha voluto ospitare cinque testimonianze, provenienti da “mondi” differenti (dal food al no-profit), per far sentire la voce di chi ha costruito e vissuto, negli anni, importanti storie di economia circolare.  Come quella di ANTOINE ROY, di “Envie”, la Federazione francese che ha fatto del ricondizionamento degli elettrodomestici un’esperienza di “riabilitazione sociale”. O quella di Davide Oldani, chef del Ristorante “D’O” di Cornaredo, sostenitore di una cucina innovativa, in grado di dare valore a tutti gli ingredienti, anche a quelli più “popolari”, perché l’eccellenza può nascere dalla semplicità. O ancora il racconto di Franco Fontana, Vice-Presidente della Cooperativa Sociale “Insieme”, una onlus impegnata da oltre trent’anni a trasformare gli “scarti” in “risorse”, coniugando sostenibilità e solidarietà. Particolarmente d’impatto l’esperienza di Massimo Parisi, Direttore del carcere di Bollate, dove è nato “InGalera”, il primo ristorante creato all’interno di una struttura carceraria italiana, per consentire a molti detenuti di “ricominciare a vivere” attraverso il lavoro. Infine, esemplare l’esperienza dei “Comuni Ricicloni”, raccontata da Stefano Ciafani, Direttore Generale di Legambiente: un’iniziativa che, ogni anno, premia l’eccellenza di comunità locali, amministrazioni pubbliche e cittadini che ottengono i migliori risultati nella raccolta differenziata dei rifiuti… milioni di Italiani che quotidianamente alimentano l’industria virtuosa del riciclo realizzando così una vera “economia circolare”.\r\n\r\nEcodom – Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici – è il sistema collettivo nazionale che gestisce, senza fini di lucro, il trasporto e il trattamento degli elettrodomestici a fine vita (RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). Costituito nel 2004 su base volontaria dai principali produttori di grandi elettrodomestici, cappe e scalda-acqua operanti nel mercato italiano, Ecodom ha l’obiettivo fondamentale di evitare la dispersione di sostanze inquinanti nell’ambiente e massimizzare il recupero dei materiali da reinserire nel ciclo produttivo, nel rispetto della normativa in materia di trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (D. Lgs. 49/2014). Ecodom gestisce i RAEE provenienti dai nuclei domestici dei Raggruppamenti R1 (frigoriferi e condizionatori), R2 (lavatrici, lavastoviglie, cappe, forni, scalda-acqua), R3 (TV e monitor) e R4 (piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo, informatica, apparecchi di illuminazione). \r\n\r\nFonte: Elena Mastroieni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.