Home Interviste A TU PER TU IL TENORE SIMONE MUGNAINI, OSPITE DI SCENA IN...

A TU PER TU IL TENORE SIMONE MUGNAINI, OSPITE DI SCENA IN SIENA

490
SHARE

Simone Mugnaini è un tenore  nato nel  1969 a Viareggio (Lucca). Studia canto sotto la guida del M° Graziano Polidori,   si perfeziona con il M° Paolo Washington.\r\n\r\nNel 1996 debutta nell’opera “Il matrimonio segreto” di Domenico Cimarosa, messo in scena presso il Teatro dei Rassicurati di Montecarlo (Lucca), e debutta nel ruolo di Mamma Agata al Teatro di Bagni di Lucca nell’opera “Le convenienze e inconvenienze teatrali” di G. Donizetti. Sempre nel 1996 interpreta il ruolo di Fiorello ne “Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini al Teatro dell’Opera Buffa di Arezzo.\r\n\r\nNel 1997 canta insieme al tenore Andrea Bocelli nel concerto di chiusura della stagione lirica del Festival Pucciniano. Sempre lo stesso anno  canta nell’opera “La rondine” di G. Puccini (ruolo Perichaud) sotto la guida del M° Gabriele Bellini al Teatro del Giglio di Lucca.\r\n\r\nAl Teatro di Adria (Rovigo) canta ne “Il paese dei campanell”.\r\n\r\nNel 1999 prende parte alla rassegna Francia ’900 organizzata dal CEL di Livorno, interpretando il ruolo di Son Ami nell’opera “Le pauvre Matelot” di Darius Milhaud.\r\n\r\nSempre nel 1999 entra a far parte dell’Accademia Lirica di Katia Ricciarelli, cantando al concerto di chiusura tenutosi al Teatro Regio di Parma.\r\n\r\nNel marzo 2000 debutta al Teatro Verdi di Salerno nel ruolo del Sagrestano in “Tosca”, sotto la guida del maestro Nicola Luisotti.\r\n\r\nNel giugno 2000, nell’ambito della rassegna Tosca 2000, partecipa (per il Teatro dell’Opera di Roma) al “Te Deum” di Domenico Puccini, sotto la guida del M° Herbert Handt, alla chiesa di Sant’Andrea della Valle a Roma.\r\n\r\n \r\n\r\nIl 12 maggio sarà fra i protagonisti di Siena in Scena, una rassegna di eventi che accompagnerà la splendida città di Siena da primavera inoltrata a fine anno.\r\n\r\nParlare con lui oltre che un piacere è un onore, è disponile e simpatico, ci prende per mano e ci accompagna nello spledido mondo della lirico domanda dopo damanda risposta, dopo risposta.\r\n\r\n \r\n\r\nCome si è avvicinato alla lirica?\r\n\r\nMi sono avvicinato alla lirica a 11 anni….rimasi folgorato dal finale della Boheme, l’edizione con Tebaldi, Bergonzi e l’immenso Ettore Bastianini.\r\n\r\n \r\n\r\nUn cantante uomo deve studiare con un docente uomo o donna? Oppure a parer suo il sesso è irrilevante?\r\n\r\nDomanda spinosa… Partiamo dal presupposto che la tecnica è unica e sottolineo unica… C’è da fare poi un’altra considerazione….se si parla di studio da impartire ad un allievo alle prime armi, che si avvicina al canto come prima esperienza, preferirei che il Maestro fosse dello stesso sesso per un discorso “fisiologico”…. Se si parla di studio da impartire ad un allievo che è “consapevole” della tecnica,  il sesso del Maestro non ha importanza….ha importanza l’ascolto, l’orecchio del Maestro.\r\n\r\n \r\n\r\nQuanto è importante il conservatorio per un aspirante cantante lirico?\r\n\r\nIl conservatorio non ha secondo me rilevanza sulla preparazione tecnica del cantante ma sulla base musicale.. su quella si!\r\n\r\n \r\n\r\nIn base all’esperienza raccolta in tanti anni di carriera , secondo lei qual è il ruolo più difficile da cantare?\r\n\r\nIl ruolo più difficile da cantare è quello che si affronta senza studio appropriato e senza la giusta vocalità. Una regola fondamentale è conoscere i propri limiti.\r\n\r\n \r\n\r\nSe potesse tornare indietro cosa non farebbe?\r\n\r\nNon rimarrei in Italia….purtroppo!\r\n\r\n \r\n\r\nSecondo  lei  quali sono i tre requisiti principali che deve assolutamente possedere\r\n\r\nun aspirante cantante lirico?\r\n\r\nMusicalità, dote canora e passione!\r\n\r\n \r\n\r\nSecondo  lei  quali sono i tre requisiti principali che deve assolutamente possedere\r\n\r\nun aspirante cantante lirico?\r\n\r\nLa discrepanza fra l’arte e la realtà… Un cantate ha sempre la testa fra le nuvole…quando scende da quella nuvola non trova mai il “paradiso” ma una dura realtà fatta di malignità e di lotta continua per far valere i propri diritti.\r\n\r\n… e il motivo opposto?\r\n\r\n….il motivo opposto?..la musica, l’arte di esprimere sensazioni uniche che non tutti hanno la capacità di esternare e provare…. Sensibilità, sensibilità pura chiamata musica.\r\n\r\n Quali sono le paure più frequenti di un artista lirico durante la sua carriera?\r\n\r\nLe paure….di alzarsi la mattina e non aver più la voce….di alzarsi la mattina e non avere un palco su cui cantare.\r\n\r\n \r\n\r\nFra i suoi impegni futuri SIENA IN SCENA. Cosa pensa di questa manifestazione?\r\n\r\nUna bellissima manifestazione che rende lustro ad una delle città più belle del mondo e per questo ringrazio Fabbrica d’Opera che ha reso possibile questo col suo impegno e ringrazio la mia collega ed Amica Silvia Pacini che mi ha chiamato a partecipare.\r\n\r\nGrazie di cuore per il tempo che ci ha dedicato, che ci ha permesso di entrare nel magico mondo della musica.\r\n\r\nLorenzo Chiaramonti\r\n\r\n \r\n

\r\n

Intervista di: DANIELA LOMBARDI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.