Home Arte SPAZIO A Pietro Carlo Pellegrini ospite del ciclo di incontri COSTRUIRE...

SPAZIO A Pietro Carlo Pellegrini ospite del ciclo di incontri COSTRUIRE L’ARCHITETTURA

222
SHARE

Allo Spazio A, in lungarno Benvenuto Cellini 13a, prosegue il ciclo di incontri “Costruire l’Architettura”, che ogni venerdì invita singoli architetti o studi di architettura a confrontarsi su esperienze di progettazione e realizzazione delle più varie opere architettoniche. L’ospite di questa settimana, il 21 novembre alle 17.15,Pietro Carlo Pellegrini. Titolo dell’incontro “Riusi”.\r\n\r\nCostruire nel costruito attraverso interventi morbidi e leggeri che rispettano la memoria dei luoghi e valorizzano gli spazi regalati dalla storia delle città al contemporaneo. Quest’eredità rappresenta una risorsa e uno stimolo per i progettisti, solo così si potrà riuscire a tramandare e a non sovrapporre la storia dei vecchi edifici. Un modo di vivere dove la modernità si coniuga con l’antico, riscoprendolo ed integrandolo con tutto quello che è ritenuto necessario per il nostro ambiente domestico. Il progetto prima e il cantiere poi, assumono all’interno del processo teorico e costruttivo del recupero del patrimonio esistente il ruolo di un sistema unico di dialogo tra il disegno architettonico e la verifica dello stato dei luoghi. Valorizzare gli edifici attraverso una diversa destinazione rispetto alla funzione originale, è molte volte necessario per poter dare una nuova vitalità e contemporaneità all’intervento. Un progetto realizzato attraverso quello che può dirsi un “restauro creativo” può indicare un nuovo metodo di lettura dove i segni e i racconti della storia si sovrappongono ai segni e ai racconti del contemporaneo.\r\n\r\nAnche per questo incontro lo Spazio A ha avviato la procedura, presso il CNAPPC, per il riconoscimento ai partecipanti di 2 Crediti Formativi CFP. I posti disponibili sono 50. Le iscrizioni saranno accettate in ordine di arrivo. Per iscriversi è necessario inviare una mail all’indirizzo info@spazioafirenze.it, specificando oltre ai dati anagrafici, l’ordine di appartenenza e il numero di matricola. Al fine del riconoscimento dei crediti formativi, l’iscritto dovrà essere presente dall’inizio del convegno fino alla sua effettiva conclusione attestando la presenza con le firme di entrata ed uscita su apposito registro.\r\n\r\n \r\n\r\nPietro Carlo Pellegrini (Lucca 1957) ha compiuto i suoi studi a Roma e Pescara, dove si è laureato in architettura nel 1983. Tornato a Lucca, ha fondato il suo studio nel 1985 e da allora realizza interventi nei quali la modernità del progetto non prescinde da una profonda sensibilità per il preesistente. È stato professore di Architettura presso le Università di Genova, Delft, Napoli, Venezia, Ferrara e Perugia.\r\n\r\nAttualmente è Direttore Scientifico del master post-laurea “MASP – Progettare spazi pubblici”, con sede a Lucca, in collaborazione con Celsius e la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa. Nel 2002 ha partecipato alla VIII Biennale di Venezia all’interno della mostra Lonely Living; ha preso parte anche alla IX Mostra Internazionale di Architettura per la sezione Archetipo/Prototipo del Padiglione Italia e i suoi progetti sono stati esposti anche nelle edizioni XII e XIV della Biennale di Venezia e nel 2013 alla Triennale di Architettura di Oslo.\r\n\r\nHa ricevuto vari premi tra cui il Premio Andil Opera Prima, il Premio Dedalo ed il primo premio internazionale ECOLA Award European Conference of Leading Architects. É stato invitato al Premio Piranesi, ha ricevuto la Menzione D’Onore della Triennale di Milano del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura.\r\n\r\nTra i suoi lavori realizzati sono da ricordare: il restauro e l’allestimento del Museo della Cattedrale di Lucca, l’ampliamento di un chiostro, la casa di accoglienza per i pellegrini e l’Ossario – Muro della Memoria nel Monastero di Santa Gemma a Lucca, l’edificio “Palex” a Segromigno in Monte, il complesso residenziale “Le Gemelle” e l’“Edificio Blu” a Lucca, la Fondazione Lazzareschi a Porcari, il Museo Nazionale del Fumetto e dell’Immagine a Lucca, il Museo Storico della Resistenza di S. Anna di Stazzema e il Memoriale Giuseppe Garibaldi a Caprera.\r\n\r\nL’opera di Pellegrini è pubblicata su riviste e libri in Italia e all’estero ed inoltre parzialmente documentata nei volumi monografici: Hotel San Marco a Lucca (Edizioni Editoriale d’Architettura, 1995), Il Museo della Cattedrale di Lucca (Allemandi, 1995), Pietro Carlo Pellegrini – Architetture (Libria, 2000), Architettura e progetti 1992-2007 (Skira Editore Milano, 2007), Il Memoriale Giuseppe Garibaldi a Caprera – il restauro e l’allestimento (Libria, 2012).\r\n\r\n \r\n\r\nInformazioni\r\n\r\nSpazio A\r\n\r\nlungarno Benveuto Cellini 13a, 50125 Firenze\r\n\r\nTel. + 39 366 8605159 – e.mail info@spazioafirenze.it\r\n\r\nwww.spazioafirenze.it\r\n\r\n \r\n\r\nUfficio stampa\r\n\r\nDavis & Franceschini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.