Home Interviste Al via il Master in Comunicazione Musicale… sentiamo il responsabile

Al via il Master in Comunicazione Musicale… sentiamo il responsabile

325
SHARE

Cosa vi ha spinto a organizzare anche quest’anno il Master?\r\n\r\nC’è molta gente che vuole imparare questi mestieri – ogni anno abbiamo sempre più domande che posti disponibili; soprattutto vediamo che c’è spazio per entrare in questo settore: ogni anno attiviamo almeno uno stage per ogni studente e le nostre percentuali di placement dopo il Master sono ottime.\r\n\r\nQuali sono i vostri obiettivi, le vostre aspettative e quali sono le prospettive di lavoro che offrite ai vostri studenti?\r\n\r\nIl nostro obiettivo e la nostra aspettativa è di formare una nuova generazione di professionisti nella musica, sia attraverso una formazione culturale in aula, con la riflessione e l’analisi di quello che è stato e quello che sarà l’industria musicale, sia attraverso una formazione alle professioni che poi effettivamente sono richieste dall’industria stessa. Ai nostri studenti offriamo l’incontro con professionisti affermati che sono anche ottimi insegnanti e la prospettiva di avere delle carte reali da giocarsi per entrare stabilmente in questo settore. Il Master NON è un ufficio di collocamento, ma un luogo dove formarsi e avere un primo contatto con il mondo del lavoro: le prospettive di lavoro sono reali, però, perché in 14 anni abbiamo una serie di rapporti consolidati con le aziende, che ci conoscono e conoscono la qualità dei nostri studenti, e ci chiamano quando hanno bisogno di inserire nuove figure nei loro organici.\r\n\r\nQuali sono i principali criteri di selezione che applicate?\r\n\r\nCriteri basati sul voto di laurea e sul curriculum (per esempio avere fatto la tesi su settori affini al Master). E soprattutto un colloquio motivazionale, in cui cerchiamo di capire le aspettative delle persone e se siamo il posto giusto per soddisfarle.\r\n\r\nQuali sono, se ce ne sono, le differenze con gli anni precedenti?\r\n\r\nLa struttura del Master è consolidata, ma già dall’anno scorso e di ancora di più l’anno prossimo portiamo ex studenti come docenti in cattedra. Ora sono stimati professionisti e passano dall’altra parte della barricata.\r\n\r\nQuale dei vostri ex-studenti vi ha regalato la sorpresa più bella?\r\n\r\nDifficile sceglierne uno, ce ne hanno regalate tante. Per me è sempre una soddisfazione trovarmi a collaborare con i miei ex studenti, che nel frattempo sono diventati uffici stampa o promoter o discografici  e mi chiamano per il mio altro lavoro, quello di giornalista musicale.\r\n\r\nIntervista di: Leyla Lenzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.