Home Interviste Da conoscere Vaniggio

Da conoscere Vaniggio

338
SHARE

Quando hai iniziato a fare musica?

Ho cominciato a far musica all’età di 14 anni, dopo le scuole medie decisi di andare a fare l’apprendista idraulico, il moi unico scopo era quello di guadagnare abbastanza per comprarmila mia prima chitarra… e così fu !

Con quali artisti sei cresciuto?

Essendo nato negli anni 70, per quel che riguarda la buona musica, c’era l’imbarazzo della scelta. Il primo brano in assoluto di cui m’innamorai fu “private investigations” dei Dire Straits, poi arrivò “Falco” i “Talk Talk”,“Man At Work”, “Pink Folyd”, ”Depeche Mode” e via dicendo. All’età di 12 anni andai in vacanza da mio zio in provincia di Padova e li scoprii che mio cugino aveva una collezione infinita di vinili, tutti rigorosamente di musica Metal… fu la fine della mia innocenza e l’inizio di un percorso lastricato di metallo. Tutt’ora ascolto Metal e mi districo con estrema facilità dagli “Slayer” ai “Depeche Mode”.

Come nasce la tua musica? Quali sono le tue fonti d’ispirazione?

La mia musica nasce nel mio home studio e non mi do regole nel comporre, ascolto e ho suonato parecchi generi musicali. Di formazione sono bassista e sono stato più un gregario che un leader, con questo lavoro ho preso in mano la situazione e ho messo in musica le mie idee. Mi ispiro a ciò che succede durante le mie giornate e fortunatamente non ho una vita noiosa J

Di cosa parla la tua nuova avventura musicale “Solo un sogno”?

Parla di me e di chi mi sta attorno, delle mie rabbie e delusioni, delle mie gioie e delle mie emozioni. Parla di relazioni nel tempo dei Social e di come stiamo perdendo i valori. Parla di AMORE ma a modo mio…

Qual è il messaggio che vuoi mandare con la tua musica?

Il bello della musica è che ogni uno può interpretare un brano e farlo suo. Con questo lavoro ho dato voce alle mie idee, esprimendomi in modo semplice e deciso, sia nei testi che nella musica. 

Cosa hai deciso di raccontare con il tuo progetto?

“ A volte Basta “ – è un discorso tra me e la vita, vuole essere una riflessione sul prendere le occasioni al volo, senza però dimenticarsi che a volte è meglio fermarsi un attimo a valutare le situazioni

“ Amoreuncazzo “  – Parla d`amore ma a modo mio, ovvero: 

L’amore si dimostra con i fatti e con il coraggio di affrontare i problemi di tutti i giorni e nonripetendo fino allo sfinimento: 

Ti amo 

“ Ogni Vestito “ – Descrive le mille maschere che ogni uno di noi indossiamo, come vestiti da portare a dipendenza delle situazioni Se non siamo sinceri soprattutto con noi stessi non lo saremo mai con gli altri

“ Dai Un Nome Alle Cose ”- Oggi le parole hanno perso valore e di conseguenza la vita ha perso valore, troppo spesso per pulirci la coscienza usiamo giochi di parole che depistano l’attenzione su cosa sia realmente importante.

“ Solo Un Sogno “ – è la vera storia di una persona che, per colpa delle sue scelte sconsiderate, si è bruciato i migliori anni della sua vita ma con una gran voglia di rivalsa nei confronti della stessa.

“ Mai Come Sembra “ – Mai giudicare una persona senza averla prima conosciuta, mai incolpare qualcuno senza aver indagato fino in fondo, se non rispetti la vita degli altri probabilmente non rispetti la tua.

“ Una Carezza Non Vuol Dire Amore“ Non è necessario dover urlare per poter farsi ascoltare. Una carezza è si un gesto d’amore verso gli altri, ma anche verso se stessi. Una frase Buddhista recita : Perdona gli altri, non perché meritano il perdono, ma perché tu meriti la pace.

“ Favole ”- Descrive il mondo di oggi, quello dei social. Favole raccolte in rete orfane di ANIMA .

“ Stessi Sbagli“ – In Sintesi… Prendi in mano la tua vita senza farti troppe pippe mentali, fidati delle persone che vogliono fare con te un percorso di vita e smettila di commettere sempre gli stessi sbagli, impara !

Qual è il momento in cui hai scoperto che avresti voluto intraprendere la strada della musica?

La strada della musica l’ho imboccata da parecchio tempo e non saprei dirti quando decisi di intraprenderla, so comunque che è un percorso entusiasmante e fa si che la mia vita abbia sia ogni giorno qualcosa di fantastico.

Quali sono i generi in cui spazi nella tua produzione?

Quando mi fanno la domanda: Che genere fai ? Io amo rispondere che faccio Crossover. Mi piace mischiare vari generi senza essere legato a dei crismi, nel mio lavoro ogni brano è un piccolo mondo e aspetta solo d’essere scoperto.

Cosa significa lavorare nella musica oggi?

Non è facile, come detto non sono uno che fa musica a tavolino. Al giorno d’oggi conta più copiare i brani delle band di successo che creare qualcosa di originale, ne è l’esempio lampante il boom che stanno avendo le tribute band.

Cosa ne pensi dei social e del web in generale come mezzo per farsi conoscere?

Sono favorevole a questi mezzi di comunicazione, se sei bravo a venderti su Facebook puoi avere una visibilità che 20 anni fa dovevi sudarti con tour estenuanti. Ma attenzione, i Like valgono tanto quanto i soldi del Monopoli e i follwers faticano ad alzare il culo dalla sedia per andare ai concerti.

Cosa non deve mai mancare in un brano che ascolti e in uno che scrivi? 

Quella piacevole sensazione che mi prende in pancia e che sale verso la nuca. Se un brano non mi invoglia a volerlo riascoltare… beh, lascio perdere! 

Cosa pensi dei talent show? Hai mai pensato di parteciparvi?

Penso che siano un eccezionale macchina da guerra per far guadagnare soldi alle major; Il meccanismo oramai è conosciuto rodato. Non mi piace quello che fanno e non mi è mai passato per la testa di prendere parte ad un provino…

Dicci dieci cose che ti piacciono e dieci che ti fanno arrabbiare.

Cose che mi piacciono:

1 – la musica 

2 – il cibo 

3 – la fotografia 

4 – la natura 

5 –  il mare

6 – le ferie

7 – i concerti

8 – il vino

9 – l’amicizia

10 – la sincerità

Cose che mi fanno arrabbiare:

1 – il bullismo

2 – il razzismo

3 –  i bugiardi

4 – svegliarmi prima che suoni la sveglia

5 – i ritardatari

6 – i telegiornali

7 – i leoni da tastiera

8 – i ladri (quelli in giacca e cravatta, li detesto)

9 –  la sofferenza dei deboli per gli interessi di pochi

10 – l’egoismo 

Prossimi appuntamenti dal vivo?

27 Aprile presenterò il mio CD alla MediaMarkt di Lugano

2 Maggio a Poestate (Manifastazione di poesia) a Lugano presso il Bar Laura.

Sono in contatto con la radio Svizzera RSI per degli eventi live, ce ne saranno delle belle… 

Progetti?

Sto valutando delle collaborazioni, ma è ancora tutto Top Secret J

Stay Tunes…

Contatti

Mi potete trovare su 

Facebook :

https://www.facebook.com/vaniggio

Instagram :

https://www.instagram.com/van_iggio/

MuscForce :

http://www.musicforce.it/catalogo-produzioni/1927-vaniggio-solo-un-sogno

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.