Home Interviste Ospite del nostro formatusicale Tosello

Ospite del nostro formatusicale Tosello

369
SHARE

La musica di Tosello spazia dal pop italiano al rock con influenze british ed è sinonimo di semplicità, immediatezza ed evocazione. In un mix di atmosfere, di momenti intimisti e di altri più ritmici emerge la sua anima di cantautore raffinato. “IN CINQUE SECONDI” (TdE ProductionZ), è il suo nuovo disco di inediti, anticipato dal brano “Incanto”.

“Incanto” è il tuo nuovo singolo: quali sono le tematiche centrali che hai sottolineato nella canzone?

Con “Incanto” ho voluto rappresentare il tema centrale dell’incomunicabilità. Quella fase di un rapporto dove l’unica cosa rimasta è l’attrazione fisica ma in un contorno di totale assenza emotiva. Quando ci rendiamo conto che l’amore che si provava per una persona sta consumandosi, specie quando su una persona si aveva investito molto, in termini di speranze, di impegno e di tempo. E forse proprio per questo, quando si avverte che il rapporto si sta spegnendo, la prima reazione è aggrapparsi alla speranza che sia qualcosa di temporaneo.

E del tuo disco “In cinque secondi” cosa puoi dirci?

“In cinque secondi” lo vivo come una svolta musicale e artistica sia per la scelta degli arrangiamenti che per la sperimentazione.
Dal punto di vistra degli arrangiamenti, le chitarre elettriche sono state sostituite dal pianoforte, che è diventato lo strumento principale. È un disco a tutti gli effetti sperimentale che ci trasporta in un’altra dimensione, fatta di ritmi elettronici e synth analogici. Ho immaginato un viaggio nel futuro, con suoni moderni, mantendendo le caratteristiche solide del cantautorato italiano del passato. È un’opera che raccoglie la tradizione cantautorale parlando di una generazione malinconica e riflessiva. Racconta costantemente la nostra storia, le nostre emozioni, debolezze e confusioni.

In cosa hai cercato di apportare la tua personalità e ricerca musicale?

È fondamentale sperimentare e sottolinerare la propria personalità in un disco, è il nostro marchio, la nostra impronta che dev’essere riconoscibile. Ho cercato di mostrare quel che sono, attraverso le undici tracce.

Quali sono i generi in cui spazi per la tua produzione?

Se dovessi associare un gerere, sicuramente il pop alternativo con delle venature folk per certi versi.

Cosa significa lavorare nella musica oggi?

Oggi è davvero difficile associare la musica al lavoro. Stiamo vivendo un’epoca in cui non c’è più la possiblità di trovare persone che credono fortemente nel tuo prodotto. Dunque, è meglio parlare di passione, di libera espressione.

Pensi che i social network e il web in generale siano importanti per farsi notare oggi?

Certamente. Sono i canali più immediati e semplici da utilizzare. Si rivolgono ad un target specifico. Sono efficaci.
Sono dell’idea però che, accanto a questi supporti, sia fondamentale continuare a suonare live per farsi conoscere.

Farai una tournée prossimamente?

Alcune date previste nella mia regione, poi si guarderà fuori per qualche live in locali e festival prestigiosi. Tenete sotto controllo i miei social, sarà un piacere trovarvi sotto qualche palco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.