Home Uncategorized Io non sono Giuseppe Verdi

Io non sono Giuseppe Verdi

134
SHARE

Dal 27 settembre è in vendita in tutti i negozi tradizionali e digitali “IO NON SONO GIUSEPPE VERDI”, il disco d’esordio di ANDREA GIOPS, prodotto da Nuvole Production (distribuito da Sony Music), l’etichetta voluta da Fabrizio De André e diretta da Dori Ghezzi.\r\n\r\nPer la prima volta, dopo numerose pubblicazioni dedicate al grande e indimenticabile Fabrizio, Nuvole Production sceglie di credere in un artista lontano dal mondo del cantautore genovese e di produrlo avvalendosi di un team di professionisti di cui fa parte anche Luvi De André.\r\n\r\nL’etichetta Nuvole Production nasce nel 1990 e fino ad oggi ha pubblicato esclusivamente raccolte di Fabrizio De André, alcune delle quali di notevole successo, come “In direzione ostinata e contraria” volume 1 e 2. Ha pubblicato inoltre il video del famoso concerto che De André tenne, nel febbraio 1998, al Teatro Brancaccio di Roma e il docu-film “Effedia”, curato da Teresa Marchesi.\r\n\r\nQuesta la tracklist di “IO NON SONO GIUSEPPE VERDI”: “Mai più” (primo singolo estratto dall’album, in rotazione radiofonica da inizio settembre, con testo e musica firmati rispettivamente da Niccolò Agliardi e Andrea Giops) ; “Nel letto di Davide”; “Genet”; “È colpa mia”; “Un amore troppo”; “Sweet sorrow”; “L’opportunista” (adattamento italiano del brano “L’opportuniste”); “Finisce l’estate”; “Svegliati” (cover di un brano di Donatella Rettore); “Io non sono Giuseppe Verdi”.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nLa produzione esecutiva del disco è di Nuvole Production, quella artistica di Andrea Giops, David Florio (che ha curato anche gli arrangiamenti) e Luvi De André, la supervisione artistica porta la firma di Dori Ghezzi. Il coordinamento del marketing e della promozione è stato affidato a Stefano Senardi.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nAndrea Gioacchini, in arte ANDREA GIOPS, nasce a Melzo (MI) il 31 luglio del 1980. Muove i primi passi nella musica verso i 16 anni, imparando a suonare la chitarra e abbozzando arrangiamenti con il computer. A 20 anni crea la sua prima band sperimentando principalmente sonorità funky e rock.\r\n\r\n \r\n\r\nNel 2003 si avvicina alla musica reggae, in particolare a Bob Marley e alla musica giamaicana prodotta tra gli anni 70 e i primi anni 80. Con il demo Face The Music, cantato in lingua inglese e distribuito gratuitamente in internet, esordisce nel mondo della musica. Grazie a questo primo lavoro e al successivo Natural Born Natty (prodotti insieme ad Alessandro Soresini, noto batterista della scena reggae italiana), Giops viene in contatto con grandi personaggi della musica reggae internazionale come the Wailers. La band giamaicana rimane colpita dalla sua interpretazione e concezione della musica reggae (denominata “roots” dagli appassionati), inusuale per un italiano, ed incuriositi invitano Andrea ai loro concerti in Italia. In particolare Junior Marvin, storico chitarrista di Marley, prende a cuore la sua causa, e decide di dargli una mano indicandogli contatti discografici del circuito reggae internazionale. Nel gennaio del 2009 Giops decide di rimettersi in gioco e di avvicinarsi alla musica italiana. E, quasi per gioco, partecipa ai provini del programma televisivo X Factor dove viene notato da Morgan che lo sceglie come concorrente. X Factor lascia ad Andrea un forte bagaglio di esperienza e consapevolezze su se stesso, con le quali torna a concentrarsi sulla musica italiana. Quasi un anno dopo, nel dicembre 2009, viene proclamato uno dei vincitori di SanremoLAB, l’accademia del Festival di Sanremo, con un brano da lui composto ed arrangiato. Nel febbraio 2010 prende invece parte al progetto Ostinati e Contrari, spettacolo teatrale-musicale sulla poetica di Fabrizio De André organizzato dalla ONLUS musico-terapica La Stravaganza che riceve un riconoscimento dal Presidente della Repubblica e una medaglia come premio di rappresentanza per la passione e l’impegno civile.\r\n\r\nFonte: Parole & Dintorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here