Home Ambiente WWF e nucleare: una buona notizia dopo stallo di 1028 giorni

WWF e nucleare: una buona notizia dopo stallo di 1028 giorni

144
SHARE

“La decisione del Governo di abrogare le norme per la riapertura del nucleare in Italia è comunque una buona notizia. Dopo 1028 giorni – pari a 2 anni, 9 mesi e 5 giorni – dalla data del decreto legge n. 112 (del 25 giugno 2008) che rilanciava il nucleare in Italia, dopo decine di dichiarazioni caratterizzate da inossidabili certezze, dopo aver messo a rischio proprio nella prospettiva del nucleare anche la crescita delle energie rinnovabili, il Governo ci ripensa”. Queste le prime valutazioni del Wwf in seguito alla notizia che il Governo intende abrogare le norme che avrebbero reintrodotto il nucleare in Italia. “Fin troppo evidenti i motivi di questa scelta, ma nel merito è comunque una straordinaria vittoria del Paese che ha dato un segnale inequivocabile con la mobilitazione referendaria – prosegue la nota -. Occorre ora vedere in quali tempi e su quali contenuti si svilupperà il dibattito parlamentare, per evitare che si celino trappole che possano tra qualche mese o anno far riaffacciare l’ipotesi nucleare sulla quale certamente il referendum avrebbe messo una pietra tombale. Il tempo trascorse invano ha inciso sicuramente sullo sviluppo del Paese. Ora occorre assolutamente dettare tempi certi e condivisi per la definizione di una strategia energetico – ambientale che vada ben oltre la formulazione di un mix energetico. Occorre evitare che si concretizzi l’ipotizzato taglio degli incentivi per le fonti rinnovabili dando certezza alle imprese che operano in questo settore e scegliendo con determinazione la prospettiva delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica come asse strategico del nostro futuro.\r\n\r\nPer quanto riguarda i referendum, il WWF rilancia la sfida sull’acqua e ricorda a tutti che il movimento che ha portato ai referendum è radicato, trasversale, motivato. E’ anche questo è un tema di assoluta importanza, simbolo anche di una tendenza alla privatizzazione spinta che mette in gioco anche beni comuni essenziali da cui dipende la qualità della vita di tutti”.\r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa WWF Italia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here