Home Musica Suono italiano per i Muse

Suono italiano per i Muse

70
SHARE

Foto Giovanni Versari\r\n\r\n“Drones”\r\n\r\nil nuovo album dei Muse, \r\n\r\nha un suono italianissimo firmato da Giovanni Versari, il “sound taylor” \r\n\r\nde La Maestà mastering di Tredozio\r\n\r\n \r\n\r\nE’ la prima volta che una band così importante decide di masterizzare il proprio disco in uno studio Italiano; da oggi in poi il made in Italy annovera anche l’arte del mastering musicale! Giovanni Versari dello studio La Maestà mette la sua firma sonora sul nuovo album della band britannica Muse.\r\n\r\n \r\n\r\nE’ uno  dei dischi dell’anno, ai vertici delle classifiche americane e inglesi, e porta la firma sonora di un master engineer italianissimo come Giovanni Versari, un musicofilo, un appassionato di suoni trasversali che dopo 15 anni di collaborazioni con artisti e progetti nello studio Nautilus Mastering a Milano, ha deciso di trasferirsi a Tredozio, un paesino a sud di Bologna, nella Romagna più intensa, vicino alle sue radici e a una naturalezza che da sempre incide sulla sua cifra stilistica: quella del “sound taylor”, un tecnico che cuce addosso ai musicisti un suono personalissimo, fatto di misura, ascolto e conoscenza di artigiano-artista.\r\n\r\n \r\n\r\nLa band da 17 milioni di dischi venduti nel mondo, che per il ritorno discografico alle radici rock ha voluto come co-produttore il grande Robert John “Mutt” Lange (AC/DC, Foreigner, Def Leppard, Maroon 5), come mixing engineer Rich Costey (oltre ai Muse Franz Ferdinand, Bloc Party, Rage Against the Machine), per il mastering, ovvero per l’ottimizzazione della resa sonora dei brani, ha scelto Giovanni Versari, da anni “l’uomo del suono” di artisti cult quali Subsonica, Negramaro, Verdena, Vasco Brondi o Vinicio Capossela. Un vero colpo grosso, perché è la prima volta che una band così importante masterizza in uno studio italiano. E anche europeo, se si esclude Londra. Tutto il disco, ad esclusione di un brano, porta quindi la firma di Versari e sottolinea l’audacia dei Muse, che hanno scelto senza condizionamenti.\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: Parole&Dintorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here