Home Arte MUSEO MARINO MARINI | Prorogata all’11 gennaio 2014 la mostra MELOTTI GUARDA...

MUSEO MARINO MARINI | Prorogata all’11 gennaio 2014 la mostra MELOTTI GUARDA MELOTTI

272
SHARE

 \r\n\r\nAl Museo Marino Marini di Firenze è stata prorogata all’11 gennaio 2014 la mostra Melotti guarda Melotti, un progetto che mette a confronto il ritratto di Fausto Melotti eseguito da Marino Marini del 1937, nella sua versione in cera, della collezione del museo fiorentino, e Teorema del 1971 di Fausto Melotti, una delle sue opere più leggere e trapunte d’aria, come scrive Fabrizio D’Amico nel testo che accompagna l’esposizione. La piccola mostra, che doveva chiudere il 4 gennaio, sarà aperta dunque per un’altra settimana, sempre con orario 10-17 (chiusa il martedì, la domenica e nei giorni festivi).\r\n\r\n \r\n\r\nPoste una di  fronte  all’altra, nel sacello della cripta del Museo, le due opere stabiliscono un dialogo tra i due artisti escludendo, data la lontananza nel tempo delle due sculture, riferimenti filologici e caricando di fascino evocativo questo immaginifico dialogo. Melotti guarda Melotti, grazie alla collaborazione con la Collezione Merlini, offre l’opportunità di iniziare a esplorare in maniera approfondita il rapporto tra i due artisti, permettendo agli studiosi di potersi soffermare grazie a indagini accurate su ciascuna delle due sculture.\r\n\r\n \r\n\r\nL’esposizione si collega a The Player. Viaggio nelle passioni contemporanee, un progetto annuale del Museo Marino Marini, curato dal direttore artistico Alberto Salvadori, dedicato a preziose collezioni private italiane e soprattutto alla passione che anima il collezionista nella continua ricerca e nella scelta delle opere, nella conoscenza dell’arte e degli artisti.\r\n\r\n \r\n\r\nIl catalogo a cura di Alberto Salvadori con Mariella Gnani, curatrice e conservatrice della Collezione Merlini, edito da Silvana editoriale, è arricchito dall’introduzione di Alberto Salvadori, dal fondamentale approfondimento di congiunzione tra i due artisti di Fabrizio d’Amico, dal testo di Denis Viva incentrato sulla scultura di Melotti, da quello di Mattia Patti che sta continuando qui la sua proficua ricerca sugli anni ’30 di Marino Marini e dal testo di Mariella Gnani che verte su approfondite indagini esplorative sulle tecniche esecutive.\r\n\r\n \r\n\r\nMuseo associato\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nMuseo Marino Marini\r\n\r\nPiazza San Pancrazio, Firenze\r\n\r\nOrario: 10:00 – 17:00, chiuso il martedì, la domenica e i giorni festivi\r\n\r\nBiglietti: intero: € 6, ridotto € 4, studenti € 3\r\n\r\nTel. +39 055.219432 – e.mail: info@museomarinomarini.itwww.museomarinomarini.it\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: Ufficio stampa Davis & Franceschini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.