Home Libri In libreia Sedici alberi il nuovo romanzo di Lars Mytting

In libreia Sedici alberi il nuovo romanzo di Lars Mytting

377
SHARE

Dopo il grande successo di “Norwegian Wood” (Utet, 2016) Lars Mytting torna in libreria con “Sedici alberi” (Dea-Planeta, 2017), una grande opera sulle ferite ancora dolorose della seconda guerra mondiale in Europa

La storia è raccontata con lo sguardo di Edvard, un giovane che da piccolo è scampato nel 1971 a un misterioso incidente stradale nella Somme dove ha perso entrambi i genitori. Da allora vive nei fiordi norvegesi, imparando dal nonno l’arte di mandare avanti una fattoria e allevare pecore.

In seguito alla morte del suo unico parente, Edvard inizia a indagare sui rapporti tra il nonno e il fratello Einar, famoso ebanista, cercando di ricostruire, costantemente in bilico tra necessità, curiosità e paura, i tasselli dei rapporti familiari intersecati e determinati dalle catastrofi delle due guerre.

Quello di Edvard è così per tutto il romanzo un lungo viaggio negli abissi della propria coscienza e dei propri ricordi, nella storia dell’Europa spezzata prima dalla grande guerra poi dalla lucida follia nazista. E’ anche un avvincente viaggio geografico e umano che dai fiordi norvegesi porta ai boschi della Somme, passando dalle meravigliose isole Shetland.

Per Edvard sarà un percorso doloroso e indispensabile, in cui il suo mondo si apre a relazioni e a passati che fanno parte inesorabilmente di ciò che è.

Se la storia colpisce per l’abilità di Mytting di gestire una trama complessa, dai connotati storici e geografici ben contestualizzati, ancora di più stupisce come l’autore sappia districarsi con grande capacità tra introspezione psicologica dei personaggi e paesaggio.

Ciò che coinvolge il lettore non è solo la vicenda principale che si snoda intorno a una fitta rete di misteri personali intrisi della grande Storia, ma anche lo svelamento dei personaggi che si alternano pagina dopo pagina: ciascuno di loro porta addosso ferite, sensi di colpa, omissioni e questioni irrisolte in un gioco di relazioni che si configura come una grande partita a scacchi per cercare di afferrare la verità, molteplice e sfaccettata.

Il paesaggio gioca un ruolo fondamentale nel romanzo perché Mytting mette al centro la relazione tra natura e uomo: quelli che magistralmente fa interagire nella sua opera non sono solo scenari, ma parti attive e determinanti degli eventi. In ogni luogo in cui la storia ci porta Mytting non dimentica, nella densa serie di eventi e di colpi di scena, di aprirci lo sguardo sull’umanità e la storia che abitano certi posti. Ed è forse in questo sottofondo di intenti ben riusciti che l’autore, oltre a una storia capace di tenere il lettore interessato in ogni pagina, ci offre un’Europa da riscoprire: quella di persone e paesaggi molto diversi e che ha condiviso storie atroci nel nome di una libertà da riscoprire come segno d’appartenenza.

 

Recensione di: Erika Pucci

www.erikaluna.net

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.