Home Interviste Ospite del nostro format Nicole Stella

Ospite del nostro format Nicole Stella

185
SHARE

Comincia ad esibirsi nel 2012 e subito qualche mese dopo riesce ad esibirsi in prima serata su Canale 5 nella trasmissione ”Io Canto”. Vince numerosi contest nazionali ed internazionali.
Dal 2013 collabora con l’autrice Eva Novello ideatrice del progetto ”EvacontroEva” con la quale ha registrato due singoli.
Nel 2016 esce il suo primo brano in inglese “The Blue Eyed Bride” una combinazione folk/country. È stata finalista al Festival di Castrocaro 2016 andato in onda su RA1 il 27 agosto.
Nicole collabora dal 2016 con Musicantiere con il quale sta lavorando per la realizzazione del suo primo disco in lingua italiana, seguita dal produttore artistico Alessandro Di Dio Masa.

Cosa significa lavorare nella musica oggi?
Il mondo della musica oggi è molto articolato, non si tratta di solo di fare musica in sè quanto di saper gestire e promuovere la propria immagine, sopratutto su internet, sui social e sempre più spesso, in televisione. è importante proporre un’immagine ben definita dell’artista che si vuole essere per non confondersi con i miliardi di musicisti che ogni giorno propongono cose diverse e fantastiche. E’ sempre più difficile distinguersi e distanziarsi dalla massa oggi.

Cosa rappresenta per te la musica?
Per me la musica è un lavoro ormai, ma il modo più bello di lavorare in assoluto. Resta la mia passione e il mio passatempo preferito. Ha un ruolo primario nella mia vita e non potrei pensare a me stessa.

Sei partita da “Io canto”.. Com’è stata questa esperienza?
La mia partecipazione a Io Canto, nel 2012, è stata importante e formativa. Ho consociuto per la prima volta il mondo della televisione, sono entrata nei backstage… Credo sia importante oggi, per un musicista, conoscere presto questo mondo per sapersi promuovere al meglio. La mia è stata una esperienza molto precoce, avevo 14 anni ed è stato, beh, forse anche un po’ traumatico. Passare da spettatore a cast non è mai così facile come sembra.

Cosa ti piace nel mondo e cosa detesti?
Amo che nel mondo della musicia ci sia così tanta varietà, non si finisce mai di imparare, ogni volta che apro youtube e comincio a fare “zapping” scopro artisti che non sapevo esistessero. E ovviamente non esiste solo Youtube ma chissà nel mondo quanta musica c’è da scoprire che non conosciamo. Allo stesso tempo questa enorme varietà penalizza L’artista che vuole “vivere di musica”, è sempre più difficile ed è risaputo che spesso il talento non è la compontente essenziale per il successo.

Come ti approcci ad un nuovo progetto?
Ad ogni nuovo progetto mi approccio con grande entusiasmo, iniziare a lavorare su pezzi nuovi è la cosa che preferisco. Prove, registrazioni, arrangiamenti, è un lavoraccio certo, ma ne vale completamente la pena quando poi si comincia a percepire il risultato finale.

Quali gli ingredienti di questa tua nuova avventura?
Gli ingredienti principali per questo progetto sono: la mia chitarra acustica, amica inseparabile, tanti testi di mia composizione, collaborazioni con autori eccezionali, tanto lavoro in studio e in sala prove e tanta dedizione e una grande passione per la musica. Oltre a questo, l’Ep è segnato dalle mie esperienze personali dell’ultimo anno, tutti i brani riflettono molto della mia personalità.

Cosa ti aspetta nei prossimi mesi?
Ora sto lavorando con il gruppo per preparare i Live. Spero di poter suonare tanto dal vivo nei prossimi mesi, perchè alla fine è per questo che ho scritto le mie canzoni. La musica vive sopratutto sul palco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here