Home Da non perdere Lucca Jazz Donna… light aspettando la 16ma edizione

Lucca Jazz Donna… light aspettando la 16ma edizione

169
SHARE

Lucca Jazz Donna… light
Aspettando la 16ma edizione della manifestazione, rinviata al 2021,
4 interpreti animano l’estate musicale lucchese al Real Collegio,

i giovedì 13, 20, 27 agosto e 10 settembre.

Ingresso libero, mascherina obbligatoria, posti limitati

Il festival Lucca Jazz Donna affronta l’anno del Covid 19 con una versione light nel cartellone di “Musica Estate” al Real Collegio di Lucca, aspettando la 16ma edizione della manifestazione nel 2021. Lucca Jazz Donna è ilfestival dedicato ai talenti jazz al femminile organizzato dal Circolo Lucca Jazz insieme al Comune di Lucca, al Comune di Capannori, alla Provincia di Lucca, con il sostegno della Regione Toscana, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca

Le date di questa edizione “light” sono giovedì 13, 20, 27 agosto e 10 settembre, tutte a ingresso libero, nel chiostro di Santa Caterina, con il limite di 150 persone.

Il programma
Giovedì 13 agosto alle 21 apre questa edizione light Claudia Tellini
, cantante ed autrice, 20 anni di incisioni, ospite recentemente di Piero Frassi nel disco “Our Factory” dedicato a Andy Wharol, già ospite di Lucca Jazz Donna e reduce dal lavoro di prossima uscita del pianista fiorentino Alessandro Galati con un pugno di brani da lei interpretati.
Tellini è cantante ed autrice di testi in italiano, inglese e francese con all’attivo una nutrita discografia a partire dal 1997. 

Giovedì 20 agosto alle 21 sul palco il Sara Maghelli Quintet. Giovane e attivissima jazz singer della scena toscana, Sara Maghelli porta il suo “Great American Songbook” e si esibisce insieme a Marco Cattani alla chitarra, Michele Vannucci alla batteria, Mirco Capecchi al contrabbasso, Fabrizio Desideri al sassofono.
Maghelli propone un viaggio attraverso le composizioni dei grandi autori americani quali George Gershwin, Cole Porter, Irving Berlin e molti altri resi celebri dalle voci di Ella Fitzgerald, Frank Sinatra, Billie Holiday.

Giovedì 27 agosto alle 21 è la volta di  Michela Lombardi, che a Lucca Jazz Donna è di casa sin dalla prima edizione, con l’album “Shape Of My Heart – The Music Of Sting”, il nuovo disco realizzato con il Piero Frassi Circles Trioper celebrare la gigantesca opera di Sting. Sul palco insieme a lei saliranno Piero Frassi al pianoforte, Gabriele Evangelista al contrabbasso, Bernardo Guerra alla batteria.
Si tratta di una rilettura jazz dei brani più noti di Sting, sia nei suoi dischi da solista che in quelli della fase in cui era in frontman dei Police: da “Wrapped Around Your Finger” a “Fragile”, da “Message In A Bottle” a “Fields Of Gold”. Il trio ci guiderà attraverso i maggiori successi di Sting, tra melodie familiari e arrangiamenti sorprendenti. Il disco è recentemente passato all’americana Radio Free Brooklyn in una puntata dedicata a importanti riletture jazz Police ed è stato recensito da All About Jazz definendolo un “nuovo standard”.

Chiude questa edizione “light”, giovedì 10 settembre alle 21, un’altra voce femminile toscana, quella di Titta Nesti, anche lei ospite più volte del festival. Con il progetto “Muziki”, la accompagnano sul palco Franco Santarnecchi alle tastiere, Ellie Young al violoncello e flauto, Pietro Borri alla batteria.
Questo quartetto di recente formazione è il naturale approdo della collaborazione intrecciata fra questi musicisti in svariate altre formazioni tra le quali la Waves Orchestra diretta da Franco Santarnecchi. La caratteristica  dell’ensemble è quella di esplorare, grazie alla libera  improvvisazione costruita sia su temi  originali di propria composizione, sia su frammenti di standard del jazz e della popular music, timbriche e colori musicali diversi. Saranno proprio  gli  strumenti, acustici ed elettronici, ad  evocare ambientazioni diverse in un dialogo sonoro aperto sempre a nuove possibili suggestioni. Momenti  onirici, spazi  evocativi, tappeti sonori che rendono la performance un viaggio musicale dove tutto può accadere.

L’immagine di quest’anno: scatto di Laura Casotti, fotografa ufficiale di Lucca Jazz Donna, elaborato graficamente da Ilaria Ferrari, art director della manifestazione. A dirigere il palco e presentare il festival Michela Panigada

Tutti i concerti sono a ingresso libero fino ad esaurimento posti e con obbligo di indossare la mascherina. L’accesso è da via della Cavallerizza. Per informazioni: www.luccajazzdonna.it, Fb, Insta, Twitter: @luccajazzdonna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.