Home Musica DHEITI ecco l’EP d’esordio “REBIRTH”

DHEITI ecco l’EP d’esordio “REBIRTH”

161
SHARE

«La scelta di far uscire l’EP il 21 marzo non è ovviamente casuale. La data d’inizio della primavera – stagione della rinascita, della rifioritura, del vitalismo, in cui tutte le forze sopite durante l’inverno finalmente si scatenano, risvegliando ogni cosa, richiamando all’amore, all’azione, alla comunicazione – mi sembrava perfetta per un lancio, poiché evoca molti elementi e significati presenti nel disco, non per nulla intitolato “Rebirth”.

Si tratta senza dubbio di una rinascita musicale, perché questo è il mio primo lavoro da solista, ma soprattutto di una rinascita personale, che coinvolge tutti gli aspetti della mia vita: mi sento infatti in un momento chiave, in un periodo di profondo rinnovamento.

“Rebirth” è sì un disco che parla di primavera, però scritto in pieno inverno. È come se ne parlasse dal punto di vista dell’inverno. Ha quel non so che di chiaroscuro, di contrasto che m’attrae molto. Non è la celebrazione di una primavera vissuta ma l’evocazione di una primavera attesa, sperata, gustata a un livello immaginativo».

Dopo un’anteprima in esclusiva su RockON esce “Rebirth”, EP d’esordio di Dheiti, pseudonimo dietro cui si cela la cantante, pianista e autrice Gemma Conforti.

«Canto da quando ho memoria. La musica è sempre stata al centro del mio mondo, grazie anche all’influenza e al sostegno della mia famiglia: una famiglia di buongustai musicali (non a caso mio fratello è diventato un ottimo flautista). Ho studiato pianoforte, canto lirico e jazz e frequentato una quantità esagerata di generi musicali, militando in band rock, pop, progressive, blues e funky. Credo però che la mia anima sia soprattutto legata al soul e alla musica nera: il blues e il jazz sono i linguaggi in cui mi sento più a mio agio e, per fortuna, penso di possedere una timbrica che vi si adatta bene».

Composto da 4 tracce (“Loser”, “Feel”, “A Long Walk” e “Bud in Bloom”), “Rebirth” si contraddistingue per una certa ecletticità stilistica attraverso cui l’artista intende presentare le diverse sfumature del suo universo musicale sintetizzandole ed inglobandole in una proposta coerente che funzioni quasi da biglietto da visita.

Si tratta, per l’appunto, di un lavoro eterogeneo che sottintende un tentativo di autoespressione a 360 gradi in grado di suggestionare anziché spiazzare l’ascoltatore lasciandogli presagire future (e inaspettate) trame di sviluppo.

Si va da ballate più intime a decise incursioni nel funk rock, dal pop rock moderno (che sa passare da momenti più tenui e distesi ad altri decisamente esplosivi, con brevi accenni di elettronica e bossa nova) a sonorità in apparenza più classiche o che comunque strizzano l’occhio agli anni ‘70.

«Non sono mai riuscita ad incasellarmi. Mi sembrerebbe di tradire la mia natura. Mi sento eclettica e un po’ imprevedibile (non solo per gli altri, anche per me stessa). In “Rebirth” ho tentato di dare libero sfogo a questa mia essenza multiforme. Si è trattato di una necessità: ho sempre fatto l’interprete, ma quando ho intrapreso il progetto dell’EP, sentivo che era arrivato il tempo di uscire fuori con la mia musica, di esprimermi totalmente, non solo con il canto».

L’ascolto di “Rebirth” garantisce, dunque, un breve quanto intenso viaggio sotto il segno dell’imprevedibilità, la quale, tuttavia, non fa trasparire alcuna confusione identitaria bensì riesce nell’impresa di comunicare una personalità musicale colorata e complessa, vero obiettivo dichiarato dall’artista.

«Perché un EP? Ci sono diverse ragioni: quella più pratica è che non vivevo un momento così sereno da potermi gettare a capofitto in un percorso lungo ed estenuante come la produzione di un album; il motivo principale è però un altro: volevo che il mio primo lavoro da solista fosse una sorta di biglietto da visita. Ritengo di aver proposto quattro brani in grado di sintetizzare vari lati del mio carattere artistico: da quello più delicato e intimista a quello più potente e carico di pathos. Insomma, dalla dolcezza alla grinta, dall’introversione all’estroversione… E poi, diciamoci la verità, per giudicare un artista, per capire se rientra o no nei nostri gusti, generalmente non ascoltiamo più di tre-quattro brani, spesso anche di meno. In un certo senso ho voluto facilitare il processo all’ascoltatore, presentandogli una mia personale selezione».

Scritto interamente da Dheiti (eccetto “A Long Walk”, cover di Jill Scott riletta in chiave funk rock), “Rebirth” è stato arrangiato da Sergio Bertolino e Domenico Anastasio, registrato al Bam Factory Studio di Sapri (SA), mixato da Sergio Bertolino e Giovanni Caruso e masterizzato da Salvatore Addeo agli Aemme Recording Studios di Lecco (LC).

L’artwork è di GioStone.

“REBIRTH” su Soundcloud
https://soundcloud.com/gemma-conforti/sets/rebirth

EMBED PER LA CONDIVISIONE DI “REBIRTH”
<iframe width=”100%” height=”300″ scrolling=”no” frameborder=”no” allow=”autoplay” src=”https://w.soundcloud.com/player/?url=https%3A//api.soundcloud.com/playlists/717590613%3Fsecret_token%3Ds-bmrbn&color=%23ff5500&auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&show_teaser=true&visual=true“></iframe>

Dheiti 02.jpg

BIOGRAFIA

Dheiti è il progetto solista di Gemma Conforti, cantante, pianista e autrice calabrese cresciuta a Torino. Dopo aver studiato pianoforte, canto lirico e jazz, si cimenta in vari generi musicali (rock, pop, progressive, blues, jazz, funky) militando come principale interprete in diverse band del capoluogo piemontese. Si definisce “legata al soul e alla musica nera” ma non ama le etichette, le definizioni troppo strette sia in senso artistico che personale.

Verso la fine del 2013, mentre risiede in Inghilterra, inizia a comporre le proprie canzoni, sicura che in questo modo avrebbe dato espressione più completa e autentica al suo mondo interiore. È così che nasce l’idea di un progetto solista, giunto oggi, con “Rebirth”, al primo risultato discografico.

Nel percorso che porta alla produzione dell’EP risulta decisivo l’apporto di Sergio Bertolino (cantante e autore degli Enjoy the Void), con il quale Dheiti aveva già condiviso alcune esperienze musicali a Torino. L’amicizia e la profonda conoscenza reciproca convince Dheiti ad avviare una collaborazione con lui, delegandogli il compito di perfezionare (assieme a Domenico Anastasio) gli arrangiamenti e facendosi introdurre all’ambiente della BAM!, la bottega artistico-musicale di Sapri, dove registra tutti i brani avvalendosi del contributo di musicisti del posto (Tony Guerrieri e Francesco Magaldi, oltre ai già citati Bertolino e Anastasio).

LINK UTILI

FACEBOOK: http:/www.facebook.com/dheitiofficial/

INSTAGRAM: http:/www.instagram.com/dheiti/

SOUNDCLOUD: http:/soundcloud.com/gemma-conforti

Dheiti - pendrive.jpg

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.