Home Eventi e News Ospite del nostro spazio interviste Simone Cocciglia

Ospite del nostro spazio interviste Simone Cocciglia

517
SHARE

Simone cocciglia performer a 360° è il vincitore del Premio Mia Martini del 2017 raggiungendo un importante traguardo nella sua carriera già ricca di importanti esperienze

Simone Cocciglia, giovanissimo, ma con una sequenza di studi e di lavori in campo teatrale e televisivo notevoli
Sin da piccolo intrattenevo i miei parenti con esibizioni canore, balletti e scenette ideate da me, non ho fatto altro che seguire la mia indole e il mio istinto.
Poi è arrivato lo studio, il conservatorio a L’Aquila, la compagnia di danza hip hop, l’Accademia di musical Corrado Pani di Roma.
Tante sfumature diverse, per poter raccontare al meglio la Vita.
E poi le esperienze sul campo: i club, i live, il teatro, gli spettacoli, la televisione.
Sul palco porti tutto te stesso e la strada percorsa fino ad ora.

Attore, ballerino, cantante. La figura del performer completa, ma il primo grande amore?
La Musica.

È il filo rosso che lega tutta la mia esistenza, è strumento che mi libera e mi permette di arrivare a cuore delle persone.
Ancor di più, da quando ho iniziato a scrivere brani miei, che raccontassero, con le mie parole, la Vita vissuta ed osservata.

I tuoi Maestri
Mi sento di dire che la principale Maestra è la Vita, l’esperienze mi hanno insegnato più di qualsiasi scuola.
È stato ed è importantissimo continuare un percorso di crescita legato alla tecnica e ringrazio tutti gli insegnanti che mi hanno donato, e continuano a donarmi, ognuno, un tassello da aggiungere al mio bagaglio culturale e tecnico.

In un mondo “affollato” come quello della canzone come può un ragazzo riuscire ad emergere.
Portando a galla la propria unicità, di essere umano in primis e poi di artista.
La differenza, in un mondo così affollato, la fa la propria personalità, il proprio vissuto, la propria storia.
Penso che sia fondamentale conoscersi oltre la superficie, andare a fondo per trovare la propria strada.

Da Enti Serprenti a Pozzangera, passando per una cover di Arisa. Il tuo eclettismo a cosa è dovuto?
Nei miei brani c’è l’ironia, la solarità, la malinconia, la dolcezza, la delicatezza ma anche la rabbia.
La mia musica rispecchia la mia personalità.

Parlaci della tua partecipazione e vittoria al premio Mia Martini e quale è la tua canzone preferite di questa grande interprete della musica italiana.
Il premio Mia Martini è arrivato un po’ per caso; sono stato contattato dal direttore di Radio L’Aquila 1 Giovacchino D’Annibale che insieme all’Associazione Volart (che ringrazio) mi hanno chiesto se avessi voluto partecipare a questo importante Premio, così da rappresentare la Città de L’Aquila, insieme ad un altro talento aquilano, Antonella Scellini, che partecipava nella selezione
“Una voce per Mimì” (classificatasi seconda nella sua categoria).
Ho accettato ed ho partecipato alle varie selezioni, senza nessuna aspettativa ma con la voglia di far ascoltare un mio brano scritto da diverso tempo e che avevamo appena finito di arrangiare con Francesco Di Cicco.
Selezione dopo selezione sono giunto alla finalissima che si è tenuta a Bagnara Calabra, paese natale di Mimì, dove eravamo in 12.
Quando hanno annunciato il nome del primo classificato, sono crollato e sono scoppiato a piangere.
Lacrime di gioia, che hanno visto la strada fatta fino ad ora, i sacrifici, la passione, il lavoro, il sudore.
È stata un’emozione talmente forte che me la porto ancora appiccicata addosso e la ricorderò per sempre.
Sono fortunato.
Sono legato alla canzone “E non finisce mica il cielo” scritta da un grande Ivano Fossati con cui mi sono esibito in una puntata di Mezzogiorno in famiglia, in diretta su Rai due.

Progetti futuri.
Stiamo lavorando sul mio primo album che conterrà il brano vincitore del Mia Martini”Cercavo un senso” , gli altri inediti usciti fino ad ora “Pozzanghera (solo alibi)” , “Disidratato” e che vedrà la luce nella primavera 2018

 

Intervista di: Luca Ramacciotti 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.