Home Uncategorized DIANA & LADY D : Il Festival della Versiliana ospita, a vent’anni...

DIANA & LADY D : Il Festival della Versiliana ospita, a vent’anni dalla scomparsa di Diana, il primo spettacolo teatrale al mondo sulla vita della principessa triste

385
SHARE

L’ultima notte di Diana

Il Festival della Versiliana ospita, a vent’anni dalla scomparsa di Diana, il primo spettacolo teatrale al mondo sulla vita della principessa triste
DIANA & LADY D
Protagonista la straordinaria Serena Autieri
sabato 26 agosto ore 21.30

Marina di Pietrasanta (LU)_ L’ultima notte di Diana, un inno all’amore, un canto all’essenza pura della vita e alla bellezza di ogni donna, il primo musical sulla Principessa Diana. A 20 anni di distanza dalla tragica morte della principessa del popolo , il Festival della Versiliana si prepara ad accogliere la nuovissima e grande produzione di Diana & Lady D, primo spettacolo musicale al mondo sulla vita della principessa triste. Scritto e diretto da Vincenzo Incenzo e prodotto da Engage, lo spettacolo andrà in scena sabato 26 agosto alle 21.30 nel grande teatro immerso nella pineta nell’ambito della 38° edizione del Festival firmato da Massimiliano Simoni . Nel ruolo della principessa, una straordinaria Serena Autieri che inscena una performance verbale e fisica dai contrasti sorprendenti, facendoci rivivere l’ultima notte della principessa in un flusso di coscienza intenso e poetico, dove lampeggiano l’infanzia difficile di Diana, la stagione felice dell’adolescenza, la vita controversa con Carlo, le maestose cerimonie reali, le raggianti apparizioni nella moda e nella mondanità, il volontariato spettacolare, i discutibili amanti, la solitudine e il dramma. Fino al sorprendente, spettacolare epilogo, che colpirà il cuore di ogni spettatore.

31 agosto, è la sera dell’incidente; Diana sta per lasciare l’appartamento all’Hotel Ritz di Parigi e raggiungere Dodi in macchina; un ultimo colpo di cipria allo specchio ed ecco l’immagine riflessa, l’altra parte di se’: Lady D.

E’ l’occasione per confessarsi definitivamente una all’altra lontano da tutto e tutti, e mettere sul piatto senza più nessuna riserva le loro vite inadeguate. E’ un susseguirsi di colpe, un turbinìo di accuse, fino addirittura allo scontro fisico, ma è anche il tentativo estremo di essere ascoltate, comprese, abbracciate. Per arrivare al perdono, alla ricomposizione del se’, al ritorno all’Uno; dopo di cui tutto, anche la morte, può essere accolta con illuminata leggerezza. ( biglietti da 20 a 35 Euro Info 0584 265757 www.versilianafestival.it)

Il palco si fa luogo dell’anima e nostalgico dopomondo grazie al disegno scenico del Premio Oscar Gianni Quaranta (Zeffirelli, Yvori, Ross, Corbiau); le luci di A J Weissbard (Bob Wilson, Cronenberg, Sten, Greenaway), inventano suggestioni intense sdoganando spazio e tempo; le cadute e le resurrezioni vengono tratteggiate dalle ballerine di Bill Goodson (Diana Ross, Gloria Estefan, Steavie Wonder, Moulin Rouge). La luce e il colore incontrano la poesia nei vestiti di Silvia Frattolillo, costumista storica del teatro italiano. Immanente è la musica, diretta da Maurizio Metalli, a raccontare un cuore e un epoca, con inediti e successi planetari registrati tra Londra e Los Angeles da musicisti di fama mondiale come Russ Miller, Robert Cohen, Matt Bissonette, abitualmente al fianco di Elton John, Andrea Bocelli, Nelly Furtado, Tina Turner.

NOTA DELL’AUTORE-REGISTA

Diana & Lady D, il dialogo per voce sola in ognuno di noi

Un luogo comune e abusato considera doppie le personalità eccellenti. Parte pubblica e parte privata da sempre generano suggestioni di contrasti forti, violenti, talvolta fatali. Due anime in lotta, una fragile, l’altra invincibile, che condividono un unico corpo.

Mai come nel caso di Diana però tutto questo è stato così trasparente. La principessa e la maestrina d’asilo, la bulimica e la filantropa, la mamma e l’amante si sono ostacolate e combattute fino all’ultimo giorno, bruciando una il terreno dell’altra e rivendicando la loro impossibilità di coesistere mentre incessanti scorrevano copertine patinate, sorrisi, onorificenze ed applausi.

Da qui l’idea di un monologo verbale e fisico che potesse, entrando con violenza e tenerezza negli aspetti emotivi e nelle dinamiche psicologiche della complessa personalità di Diana, scardinare l’esteriorità per portare alla luce i lati più nascosti o taciuti di un personaggio ancora tutto da scoprire, e, con quel personaggio, il percorso duplice e misterioso che ognuno di noi attraversa oscillando tra ciò che si è e ciò che si vorrebbe essere. Strappare le radici di noi stessi per farle brillare senza paura al sole, nell’illusorio quanto coraggioso tentativo di fare un piccolo passo in avanti nella conoscenza dei nostri abissi e dell’origine ignota delle nostre lacrime e dei nostri sorrisi.

Ho pensato ad una lettura verticale del palco, concepito su due altezze differenti, perché il tracciato oculare dello spettatore potesse abituarsi ad una lettura “alto-basso” facilmente associabile a una bipolarità riflettente all’impatto l’essere e l’apparire.

Da qui ho immaginato una serie di suggestioni sceniche, con oggetti fuori scala, immagini sdoganate dall’arte classica e riformulate, perché tutto potesse apparire come filtrato dallo sguardo tormentato di Diana, nel tentativo di avvicinare il pubblico al suo paesaggio interiore, assediato da tutte le sue indotte o inseguite incoerenze. Gianni Quaranta ha dato forma ai miei sogni, e fondamentale sono state la presenza di Bill Goodson, le intuizioni di A J Weissbard, le proposte di Silvia Frattolillo, l’esperienza attoriale di Fioretta Mari.

Mancava la protagonista, un’attrice cantante tanto forte e incosciente da prendersi sulle spalle le due anime e vomitarle sulla scena. Mancava un’anima sicura e fragile, com’era Diana.

Dalla prima lettura del testo Serena era la principessa triste, come catturata da un richiamo; con una passione e una volontà commoventi giorno dopo giorno ne ha edificato la sua verticalità. Senza rete, senza ricette. Occorrevano, le viscere, più che il cervello. E cuore infinito. Nessuno specchio, nessun ologramma, nessun trucco di scena. Semplicemente il continuo errare a vista di un’anima da un involucro all’altro, dal pianto alla ragione, dalla tenerezza alla follia, dalla ribellione alla resa.

I forti contrasti, il personaggio e il suo doppelganger, la presenza solitaria sul palco, il ritmo serrato, portano Serena ad una prova d’attrice cantante assoluta, dove tutti i climi emozionali vengono sviscerati, con la volontà di consegnare al pubblico un tracciato di parola e di corpo che mi auguro lasci tutti con il fiato sospeso fino all’ultimo sorprendente quadro.

Diana & Lady D è la favola amara della principessa scomparsa, ma è anche il grido di ogni donna inascoltata, schiacciata nei suoi intendimenti, mortificata nella propria femminilità; un inno alla differenza, la celebrazione di un bene superiore, la promessa di fiducia e di pace alla donna che verrà. Perché ancora oggi, in una società devota alla religione dell’individualismo, la libertà femminile è una libertà spesso non prevista. Perché ancora oggi alle donne è rimproverato di non imparare a leggere in tempo i segnali della violenza per garantirsi una salvezza.

Ma è la donna, nella Storia del mondo a sovvertire sempre le regole, spesso attraverso il suo sacrificio estremo.

Dopo di cui niente può, o deve, essere più come prima.

Vincenzo Incenzo

SINOSSI

Il sipario si apre sulla notte dell’incidente; le parole di una bambina, come una memoria sbiadita, a ricordare intenti di una vita disattesa; poi notiziari da tutto il pianeta annunciano nel buio la morte della principessa. Quando si illumina la scena troviamo Diana nuda, senza vita, in terra, sotto un cumulo di giornali.

Dall’alto scendono angeli, che rimuovono i giornali, posizionano le lancette del grande orologio stagliato nel cielo due ore indietro e sollevano Diana.

Diana si volta. Ora è viva, e può riattraversare le ultime due ore della sua vita.

Si veste, va allo specchio per truccarsi. Dodi la sta aspettando nella hall dell’albergo, per fuggire via dall’ennesimo presidio dei fotografi. Ma allo specchio il rossetto le cade di mano. Qualcosa nella stanza la turba. E’ l’altra parte di se’, la parte pubblica, divenuta icona planetaria. E’ Lady D. Diana avverte il rancore, i rimpianti e i rimorsi per una vita inconciliabile con la sua vera natura.

Vengono alla luce i ricordi di un’infanzia ancora rimpianta, la scuola, le lezioni di pianoforte e di danza, le amiche di un tempo, ma anche i primi risentimenti, l’incubo in famiglia di un erede maschio, un padre assente che l’ha venduta alla famiglia reale. Il mondo di ragazza ora giace dietro una gabbia d’oro. Le ali dei gabbiani di un tempo sono ora la rete metallica del suo confine con la felicità.

Ma ecco in alto sul palco incombere Lady D, in un cuore di porpora e oro. Anche lei ha visto morire il suo universo. Il matrimonio più fastoso della storia, i grandi incontri, un compromesso accettato con Camilla. Lady D era pronta, ma Diana, la parte liberà di se’, non lo ha permesso. Così Lady D strappa indignata il suo velo nuziale, rivive con rabbia il primo parto, in una lotta furiosa con se stessa: reprimere quel figlio in grembo o andare fino in fondo nella grande commedia della vita?

La principessa si dissolve e ritroviamo Diana ubriaca, alle prese con i suoi fantasmi e le violenze psicologiche che è costretta a subire. La bulimia, la competizione con Camilla, la mortificazione dei farmaci, l’infelicità sentimentale e sessuale. La sua disperazione si fa denuncia in favore di tutte le donne oppresse, mentre su lei cala inesorabile la prigione dell’apparire.

Lady D non si arrende, vuole salvarsi, imporre il suo ruolo; in un vortice di televisori che trasmettono dall’intero pianeta grida con orgoglio la sua ascesa nel mondo della comunicazione, del glam e della moda.

La rabbia contro Diana non è servita, ed è sul piano del compiacimento che la principessa tenta ora di allearsi con la donna: perché non cavalcare l’onda degli eventi, perché non godersi la vita?

Ma ai primi flash dei fotografi la sua immagine si scompone, si polverizza; la sua armatura regale si sfalda e nuda in scena torna Diana, con la sua disperazione per una vita che le nega tregua, privacy e umanità. Ecco scorrere allora in un fiato la sua infelice parabola sentimentale, dal sogno del principe all’abisso di amanti inutili quanto vigliacchi.

Mentre Diana si concede all’ennesimo uomo in preda a un desiderio estremo di annullamento, Lady D passa ora al ricatto, puntando la lama nella carne viva di Diana: i suoi due figli. Le grida in faccia i doveri di madre disattesi, la vergogna a cui li ha esposti; Diana reagisce con violenza, si dispera. I suoi incubi la assediano. La donna e la principessa sono sempre più distanti.

Ma è un dolore estremo a muovere in entrambe il primo passo una verso l’altra. La morte del padre, e quel funerale al quale non si può partecipare se non accompagnati dai reali. Anche Lady D ha capito di non essere padrona di nulla, nemmeno del proprio dolore.

L’ultimo tentativo di fuga lo propone Diana, nello scenario dell’Angola, dove ha raggiunto donne e bambini per la campagna contro le mine antiuomo. I suoi sforzi verso chi soffre, che sovvertono il protocollo a Buckingham Palace, si rivelano però solo gli accessori nobili di una principessa triste che attraverso il dolore degli altri vuole salvare se stessa.

Ora, nel buio, il rumore di una frenata rompe l’intenso dialogo tra le due. Lady D e Diana si parlano. Cosa è successo? Lady D ha capito, il tempo è finito. Diana no, crede o vuole credere che tutto sia ancora possibile.

Su una grande altalena sospesa nel vuoto Diana e Lady D ora riunite in una sola immagine si parlano con le lacrime agli occhi, mentre controluce la sagoma di una bambina sull’altalena attraversa la scena in senso contrario. Poi l’altalena sparisce in quinta e torna vuota.

In un cielo di nuvole che si allontanano dal mondo ecco Diana e Lady D finalmente unite ascendere al cielo, dove si illumina il viso di Diana bambina. E’ il ritorno all’innocenza, o forse il Paradiso. Ma è soprattutto la scia di luce che la principessa triste lascerà nel cuore della gente per tutti i tempi a venire. Perché quella di Diana non è morte, è narcosi. Anticamera della resurrezione.

La protagonista: Serena Autieri

Inizia da bambina a studiare danza classica, recitazione e canto, una passione che la porta a incidere già nel 1997 il suo primo CD, “Anima soul”.

Diplomatasi all’Istituto d’Arte di Napoli, frequenta la Facoltà di Architettura dell’Università Federico II, intraprendendo contemporaneamente la sua carriera di attrice.

Nel 1998 entra nel cast della soap di Rai 3 “Un posto al sole”. Tra il 2001 e il 2002 è tra i protagonisti della prima e seconda serie di “Vento di ponente” (Rai 2). Ancora su Rai Due appare in “Tutti i sogni del mondo” (2003), in cui è anche l’interprete della sigla.

Nella stagione 2002-2003 è protagonista nel musical “Bulli & Pupe” e affianca Pippo Baudo al Festival di Sanremo 2003.

L’ amore per il teatro coltivato sin da piccola le fa operare da subito delle scelte mirate, volte alla qualità. Armando Trovajoli la sceglie insieme a Massimo Ghini, della prima edizione della commedia musicale “Vacanze Romane” diretta da Pietro Garinei. Nel 2004 per la grande cerimonia del Columbus Day a New York, rappresenta l’Italia con un concerto dal vivo al Manhattan Center.

Nello stesso anno gira il suo primo film, “Sara May”, diretta da Marianna Sciveres. Successivamente è protagonista di alcune miniserie tv: “La maledizione dei Templari”, “Callas e Onassis”, di Giorgio Capitani, (2005), e “L’onore e il rispetto” (2006), di Salvatore Samperi. Dopo esser stata protagonista nel film “Notte prima degli esami ­ Oggi” (2007), di Fausto Brizzi, gira “Liolà”, con la regia di Gabriele Lavia. Nel 2008 ritorna sul piccolo schermo come guest star della soap opera “Agrodolce” ed è protagonista del film tv di Canale 5 “Dr.Clown”, di Maurizio Nichetti.

Nel 2009 è tra i protagonisti dei film “L’ultimo crodino”, con Ricky Tognazzi e Enzo Iacchetti. Nello stesso anno Giorgio Albertazzi la vuole al suo fianco al Teatro Sistina nello spettacolo “Shakespeare in Jazz”.

Nel gennaio del 2010 torna su Canale 5 con la miniserie in due puntate “Nel bianco” di Peter Keglevic e nel film di Neri Parenti “Natale in Sudafrica”. Nel 2011 recita nel film “Femmine contro maschi” di Fausto Brizzi e nella fiction tv “Dov’è mia figlia?” di Monica Vullo. Nel 2012 partecipa al talent di Rai1 “Tale e Quale Show” che la vedrà protagonista nelle stagioni successive, oltre che vincitrice.

Nello stesso anno presenta con Bruno Vespa l’edizione annuale del “Premio Campiello”.

Conduce poi “Una voce per Padre Pio” con Massimo Giletti e “Cantare è d’amore” con Amedeo Minghi.

Nel 2013 è tra i protagonisti dei film “Il principe abusivo” di Alessandro Siani, “Un fantastico via vai” di Leonardo Pieraccioni e “Sapore di te” di Carlo Vanzina.

Sempre più il teatro diventa la sua ragione di vita. Nello stesso anno è one woman show nella commedia musicale “La Sciantosa”, scritta da Vincenzo Incenzo e diretta da Gino Landi, presentata al Festival di Spoleto. Doppia poi “Elsa, la regina delle nevi”, nel nuovo musical animato della Disney “Frozen-Il regno di ghiaccio”, di cui interpreta anche la versione italiana delle canzoni. Nel 2014, la Disney riconferma la sua voce sull’attrice Georgina Haig, nel ruolo di Elsa nella quarta stagione di “C’era una volta”.

Dal 2015 ha ripreso con straordinario successo “Vacanze romane”.

Nello stesso anno è tra i protagonisti del film “Si accettano miracoli”, di Alessandro Siani.

Nel 2017 è accanto a Neri Marcorè nella fiction Raiuno “Mia moglie, mia figlia, due bebè”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.