Home Ambiente L’economia civile per la felicità pubblica

L’economia civile per la felicità pubblica

229
SHARE

Sei “cantieri” per costruire un Paese più giusto, ecologico e solidale\r\nFar nascere nuove imprese, che si fondano sulle comunità e le relazioni con il territorio; puntare sulla rigenerazione urbana per recuperare spazi ed edifici abbandonati; contrastare la povertà con nuovi sistemi di welfare; creare lavoro grazie alla condivisione e all’innovazione; combattere gli sprechi alimentari, con il coinvolgimento di cittadini e operatori; promuovere partecipazione e protagonismo civico nell’amministrazione pubblica: sono questi, in sintesi, gli obiettivi dei “cantieri” che si aprono a Campi Bisenzio, in provincia di Firenze.\r\n\r\nLa prima edizione del Festival dell’Economia civile, promosso da Comune di Campi Bisenzio, Legambiente, Scuola di Economia Civile e Anci Toscana con il patrocinio della Regione Toscana si svolgerà dal 17 al 19 novembre. Tre giorni per parlare, ma soprattutto per sperimentare, nuove forme di welfare collaborativo, consumo consapevole, lavoro giovanile, enti pubblici e innovazione sociale, sviluppo sostenibile e rigenerazione urbana; tre giorni per avviare i cantieri per un futuro di qualità.\r\n\r\n \r\n\r\n“Realizzare la prima edizione in assoluto del Festival dell’Economia Civile – ha dichiarato il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi – ci riempie di orgoglio e responsabilità. È una ottima occasione per capire cosa è l’economia civile e come si sviluppa per non essere soltanto teoria ma pratica applicabile ai nostri territori. La comunità di Campi si candida a terreno di sperimentazione”.\r\n\r\n \r\n\r\n“L’economia civile – ha detto Enrico Fontana, Responsabile economia civile Legambiente – è un laboratorio di biodiversità, un teatro dove agiscono insieme imprese, associazioni e cittadini per sperimentare forme nuove. A Campi Bisenzio apriremo 6 ‘cantieri’ utili per una nuova economia del Belpaese. Campi Bisenzio sarà il primo distretto dell’economia civile d’Italia”.\r\nTre i temi affrontati nella prima giornata, giovedì 17: l’energia, con un workshop e un laboratorio didattico, per promuovere un nuovo modello energetico sempre più distribuito, pulito, innovativo, in grado di soddisfare tutte le esigenze della comunità, grazie al grande sviluppo delle fonti rinnovabili; il welfare collaborativo, con un seminario che coinvolgerà Terzo settore, imprese, commercianti e amministratori, assistenti sociali, con l’obiettivo di contrastare la povertà e l’esclusione sociale; il consumo consapevole, con due appuntamenti specifici mirati a strutturare reti territoriali funzionanti per ridurre gli sprechi coinvolgendo cittadini e imprese, GDO e imprese locali.\r\n\r\n \r\n\r\nLa giornata di venerdì 18 sarà dedicata alla rigenerazione urbana, con esempi e buone pratiche in materia di mobilità e urbanistica; all’ente pubblico come attore attivo, per valorizzare il ruolo dei Comuni per l’innovazione sociale, e al lavoro giovanile, per proporre e sperimentare nuovi strumenti, a partire dal coworking, che agevolino la costruzione di percorsi personali e professionali. In serata, alle ore 21.00, concerto di Ginevra De Marco, accompagnata da Francesco Magnelli e Andrea Salvadori, presso il teatro Dante Carlo Monni.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n“Contesti, città, comunità: l’Economia Civile prende campo”, è il titolo del convegno che sabato 19 novembre chiuderà la kermesse di Campi Bisenzio, con la presentazione dei primi risultati del lavoro svolto nei 6 “cantieri”.\r\n\r\nAll’incontro, aperto con una Lectio Magistralis del professor Stefano Zamagni, interverranno il Sindaco di Campi Bisenzio e responsabile Anci Toscana per la partecipazione, Emiliano Fossi, la Presidente nazionale di Legambiente Rossella Muroni, l’imprenditore Niccolò Manetti, il Presidente di Anci Toscana e Sindaco di Prato, Matteo Biffoni, l’europarlamentare Simona Bonafè e il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nInformazioni e programma sul sito www.festivaleconomiacivile.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.