Home Libri Maurizio de Giovanni vince il Premio Camaiore di letteratura Gialla

Maurizio de Giovanni vince il Premio Camaiore di letteratura Gialla

127
SHARE

MAURIZIO DE GIOVANNI VINCE IL PREMIO CAMAIORE LETTERATURA GIALLA 2011 “Il giorno dei morti” votato a larga maggioranza dalla giuria popolare. Grande accoglienza del pubblico per il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia.\r\n\r\nMaurizio de Giovanni con “Il giorno dei morti” (Fandango) vince l’ottava edizione del Premio Camaiore di Letteratura Gialla organizzato dalla Fondazione Città di Camaiore con la direzione artistica di Giampaolo Simi.\r\n\r\nDurante la serata svoltasi al Teatro dell’Olivo di Camaiore, la giuria popolare ha assegnato a Maurizio de Giovanni trentanove voti contro gli undici andati a Marco Malvaldi per “Odore di chiuso” (Sellerio). Un solo voto per l’opera prima di Marco Cannella “Tutto deve crolare” (Perdisa Pop).\r\n\r\n”Sono felice di questo prestigioso premio, un riconoscimento che dedico alla mia città, Napoli, e a tutti i napoletani. Un premio che viene dato dai lettori in questo splendido teatro dell’Olivo. Che voglio di più? Su questo palco ci sono tre vincitori anche perché Malvaldi e Cannella se sono qui è perché hanno già superato il giudizio di giurie qualificate. Ringrazio la Fondazione Città di Camaiore e la mia casa editrice, Fandango, che mi ha permesso di pubblicare il quarto giallo che vede protagonista il commissario Ricciardi, forse il romanzo più complesso ed emozionante tra quelli che ho scritto.”\r\n\r\nAl termine della appassionante serata c’era un po’ di delusione nei volti di Malvaldi e Cannella. Il pisano Malvaldi, dato per favorito, ultimamente ha ricevuto numerosi premi vendendo un numero record di libri.\r\n\r\nI tre autori finalisti sono stati protagonisti di un avvincente confronto sui temi dei loro romanzi incalzati dalle domande dello scrittore Giampaolo Simi.\r\n\r\nEmozionante lo scrutinio delle schede dei giurati dopo l’apertura della grande urna di vetro al centro del palcoscenico. Tra i giurati figurava anche l’ex allenatore di calcio Eugenio Fascetti, appassionato giallista, che da anni segue con affetto e partecipazione la manifestazione camaiorese.\r\n\r\n \r\n\r\nAll’inizio della serata il pubblico che ha affollato il teatro dell’Olivo ha accolto con grande calore l’intervento di Antonio Ingroia, procuratore aggiunto di Palermo, che con Giampaolo Simi ha parlato del fortunato libro “Il labirinto degli dèi”, edito da “Il Saggiatore”.\r\n\r\n“Onoriamo Il lavoro e la tragica fine di Falcone e Borsellino – ha detto Ingroia – il loro esempio è stato e sarà sempre importante. I loro giovani assistenti del tempo sono adesso degli appassionati magistrati che lottano quotidianamente per sconfiggere il crimine e la mafia.” Leggo pochi gialli di autori contemporanei – ha aggiunto sollecitato dalle domande degli scrittori finalisti – e me ne scuso con i colleghi. Amo i classici e tra questi inserisco sicuramente i romanzi di Leonardo Sciascia. I suoi gialli politici devo dire che hanno contributo alla mia formazione giovanile e condizionato le mie scelte professionali.”\r\n\r\nIl libro di Ingroia è un appassionato, dolente e serrato racconto dell’Italia di questi anni, quella che va da Radio Aut di Peppino Impastato, ucciso a Palermo dalla mafia nel 1978 all’omicidio Dalla Chiesa, dalle stragi del 1992 fino alle scottanti inchieste su mafia e politica dei giorni nostri. Anni che hanno visto Ingroia dapprima formarsi giovanissimo accanto a Rocco Chinnici, Giovanni Falcone e soprattutto Paolo Borsellino, per poi lavorare assieme a Gian Carlo Caselli, fino a diventare un importante pubblico ministero impegnato in prima linea nella lotta alla mafia.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nSul palco per la premiazione, oltre a Giampaolo Simi, il presidente della Fondazione Città di Camaiore Maria Vecoli e il direttore generale Alvaro Marchetti. Ha portato il saluto del sindaco e dell’amministrazione comunale il vice sindaco Alessya Dini.\r\n\r\n“La manifestazione è ormai una certezza nel panorama dei premi nazionali – ha detto Maria Vecoli, presidente della Fondazione Città di Camaiore – tanto che avremmo intenzione di proporre anche una sezione aperta agli scrittori stranieri.”\r\n\r\n“Il genere noir appassiona un numero sempre crescente di lettori – ha aggiunto il direttore Alvaro Marchetti – e noi ci sentiamo in dovere di dare una vetrina sempre più prestigiosa a questi autori. Ci auguriamo di portare fortuna ai nostri finalisti così come è avvenuto in passato con De Cataldo, Carofiglio, Perissinotto, Roversi, Giuttari, Carrisi e Vichi”.\r\n\r\nAi tre finalisti, oltre ai premi in denaro, sono stati consegnate delle opere realizzate dal Maestro Giampietro Cipollini.\r\n\r\nLa serata di premiazione, condotta con il giusto ritmo da Claudio Sottili, ha visto l’applaudita esibizione del duo pianoforte e voce Lino e Simona.\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: demetrio Brandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here