Home Musica “pop rock jazz…e non solo” Saraluce

“pop rock jazz…e non solo” Saraluce

141
SHARE

Saraluce
La fine non esiste
(album autoprodotto)

            Classe ’88, bresciana d’ascendenze (anche) catanesi, Sara Magra in arte Saraluce esordisce ufficialmente autoproducendosi questo primo album -quasi un concept, su un passaggio problematico della sua vita sentimentale- dopo tanti anni di gavetta dal vivo e un primissimo singolo: che però comunque non ha voluto includere nel disco d’esordio.

Ovviamente, trattandosi d’un debutto, su alcuni fronti la ragazza dovrà dimostrare nel tempo una sua cifra e della profondità convincente: specie confrontandosi, che prima o poi dovrà farlo, con temi diversi dall’amore.
Però promette bene, Saraluce, in questo suo iniziale viaggio sfizioso: condotto con una voce roca, sensuale, molto “vera” fra discreti episodi d’una scrittura che mira al pop d’autore, e a tratti vi si avvicina grazie a un poco usuale suo buongusto nel mescolare ironia e fisicità, prosaicità quotidiana e coloriture fantasiose.

Anche musicalmente il disco piace, specie per gli arrangiamenti azzeccati che alternano suoni ruspanti a mood elettronici e che consentono alle melodie di vagare nel pop -con qualche vena rock- in modo moderno, e soprattutto grintoso.

A parte un pezzo obiettivamente labile, “Un’ora ancora”, le otto canzoni di “La fine non esiste” ridanno poi di Saraluce anche tante sfumature, e spesso si rivelano pagine quantomeno interessanti: capita con l’orgogliosa “Fumarmi un po’ di te”, la decisa ed eterea “Sto risalendo”, il bell’indie pop teso e aperto di “Lasciami” che paga semmai un po’ troppo il testo: non eccelso.

Il meglio delle sue potenzialità comunque Saraluce lo esplora, ci pare, nel folk-indie-pop scuro e fascinoso di “Scarpe nuove”, nel pop melodico d’impatto (in stile-Elisa, suo dichiarato modello) di “Momento perfetto” e in quelli che potremmo definire i due estremi del disco, per molti motivi: “Tu e noi” e “Settembre”.

“Tu e noi” è probabilmente, degli otto del disco, il brano che meglio fotografa a oggi livello e qualità della ragazza: testo sfizioso, voce ferma, una solarità latente che conquista pur apparendo fra le quinte d’un mondo sonoro per lo più di struggimenti. Però “Tu e noi” è comunque una ballad, per quanto riuscita, anche furbetta. Mentre “Settembre” no, è tutt’altra faccenda.

“Settembre” è proprio una bella canzone, sospesa, autorale anche grazie a una scrittura con passaggi complessi e solo qua e là, punteggiata da guizzi d’impatto. I quali peraltro non toccano l’immediatezza “facile” voluta per il brano precedente, in compenso però fanno capire che Saraluce, continuando a lavorare bene come ha fatto in questo esordio, potrebbe davvero regalare una nuova, intrigante voce all’indie pop italiano; magari, pure una voce d’autore.

Articolo di: Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare, “Settembre”:
https://www.youtube.com/watch?v=Smfle9LUngI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.