Home Libri Da leggere Una mente prodigiosa di Vanni De Luca

Da leggere Una mente prodigiosa di Vanni De Luca

138
SHARE

Vanni De Luca ha rilasciato di recente una lunga intervista per la rivista Magia (https://www.cicap.org/new/magia_abbonamento.php) del CICAP spiegando il suo particolare percorso artistico e la sua metodologia di vita.

Una rivista che consiglio vivamente anche a chi non è appassionato di questa arte per gli interessanti articoli storici e culturali che contiene. Vanni De Luca reduce dai successi del suo spettacolo “Prodigi” propone una carellata di personaggi straordinari (da Mirian Dajo a Solomon Seresevskil ad Harry Kahne, a George Koltanowski a Datas ad una lettera di “Barnum”).

Palazzi della memoria, loci ciceroniani, conversione fonetica, Mappe Mentali, PAO, tecniche che all’inizio del secolo scorso, prima dei computer e di Internet, permettevano ai calcolatori umani dsi esibirsi accanto ai fachiri e ai mangiatori di spade. Le meraviglie della mente incantavano quanto quelle del corpo. Ora sono state dimenticate, sepolte sotto l’intelligenza artificiale, che ormai fa tutto al posto nostro: non serve più ricordare un numero di telefono, la lista della spesa la scriviamo sul cellulare, i calcoli li facciamo con la calcolatrice e la nostra memoria si atrofizza, invecchia prima di noi.

Vanni de Luca ci riporta indietro nel tempo, raccontandoci le storie esemplari di uomini e donne straordinari, ma soprattutto le tecniche che hanno o avrebbero potuto utilizzare. Sicuramente è un libro da leggere attentamente, personalmente consiglio di farlo poco alla volta. Penso che ogni capitolo vada studiato e approfondito a lungo prima di passare al successivo.

Dovremo armarci di pazienza e tanta volontà affinche il nostro cervello si alleni e piano piano la nostra memoria cambi (migliori) consentendoci di immmagazzinare quanto non avremmo mai immaginato. Tecniche notevoli, sconosciute che potrebbero essere di aiuto anche per sostenere esami di scuola quanto per chi deve organizzare lezioni, conferenze o semplicemente per chi crede di non possedere memoria. L’ha, ma non è allenata.

Articolo di: Luca Ramacciotti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.