Home Musica MUCHACHITO BOMBO INFIERNO Re della nuova musica spagnola

MUCHACHITO BOMBO INFIERNO Re della nuova musica spagnola

122
SHARE

 

MUCHACHITO

BOMBO INFIERNO

Re della nuova musica spagnola ed erede ideale di

 Los Delinquentes e Ojos de Brujo

 

IL 10 AGOSTO – UNICA DATA ITALIANA – A MARINA DI CASALABATE (LE)

FINALMENTE CON TUTTA LA SUA BAND

 

Giovedì 10 agosto, alle ore 22, a Marina di Casalabate (Le) arriva per la sua unica data in Italia Muchachito Bombo Infierno, uno dei migliori interpreti della moderna scena musicale spagnola ed erede ideale de Los Delinquentesnella sua band Diego Pozo detto “El Raton” – e Ojos de Brujoil suo primo disco è stato benedetto dalla partecipazione di Marina Abad detta “La Canillas”.

 

Il re del rhumba rock sarà protagonista dell’appuntamento più atteso di Band a Sud Festival e salirà su un suggestivo palco montato in riva al mare per portare finalmente dal vivo i classici del suo repertorio nella loro forma originale e il suo nuovo disco “El Jiro”.

 

A fianco del polistrumentista catalano – durante i suoi concerti canta e suona contemporaneamente chitarra e gran cassa – salirà, per la prima volta in Italia, tutta la sua band composta da: Diego “El Ratòn” Pozo, alla chitarra, Javi Geras, al basso e moog, Marcos Crespo, a trombone e tastiere, Alex Serrano, alla tromba e tastiere.

 

Il suo show fonde stili e umori differenti, musica impazzita che racconta storie d’amore e di ubriachi, piena d’ironia, impreziosita dai dipinti in diretta. Durante il concerto, infatti, dalla durata e scaletta imprevedibile, l’artista, pittore e decoratore Santos de Veracruz dipinge quadri in scena.

 

Originario di Santa Coloma, nella periferia rossa di Barcellona, Muchachito al secolo Jairo Perera – classe 1975 – è l’eccentrico leader del gruppo. La strada è la sua fonte di ispirazione, il suo piccolo cabaret ambulante, che alimenta la sua scatenata rhumba rock e cattura gli spettatori in un vortice incontenibile. Il suo cammino inizia nel 2004 quando si presenta per la prima volta dal vivo nella Sala Apollo di Barcellona. Grazie al successo di quel concerto si sparge la voce e Muchachito entra in studio per il suo primo disco “Vamos que nos vamos” (2005) benedetto dagli Ojos de Brujo, la band catalana che ha creato la via a quello che ora viene chiamato new flamenco. Nel frattempo, mentre il primo disco arriva a vendere più di 20.000 copie, Muchachito si lega a un altro grande gruppo flamenco-rock di quegli anni: Los Delinquentes. Intanto escono “Visto lo visto” (2007) e il penultimo “Idas y vueltas” (2010). Ogni disco è rigorosamente autoprodotto. Nel 2016 ritorna con il suo quarto album “EL Jiro”. L’inventore del rumboxing dopo aver composto i brani di questo album li ha testati live nel tour “La Maqueta”. In molti brani si ascoltano le chitarre di Diego Pozo – già ne Los Delinqüentes – che ha accompagnato Muchachito nei suoi ultimi concerti in trio e ha collaborato alla produzione dell’ultimo album. Memorabili gli arrangiamenti dei fiati di David Carrasco in “El Niño” e la produzione – mix e mastering – di Dani Alcover.

 

www.muchachito.net; www.facebook.com/Muchachito-Bombo-Infierno-36333756791; www.bpmconcerti.com

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here