Home Arte DRESS CODEX urgenze contemporanee in veste di rivista

DRESS CODEX urgenze contemporanee in veste di rivista

370
SHARE

inaugurazione mostra e presentazione di BAU Tredici

\r\n

sabato 18 giugno 2016  – ore 15.30-23.00 – ingresso libero

\r\n

GAMC – Galleria dArte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani”

\r\n

Palazzo delle Muse – Piazza Mazzini Viareggio

\r\n

Sabato 18 giugno presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani” di Viareggio verrà presentato in anteprima il numero Tredici della rivista d’autore BAU Contenitore di Cultura Contemporanea e verrà inaugurata l’esposizione multimediale DRESS CODEX urgenze contemporanee in veste di rivista (fino al 17 luglio).

\r\n

La singolare pubblicazione “in scatola” prodotta dall’associazione no profit BAU di Viareggio, realizzata in sinergia con la storica azienda tessile Bonotto Spa, è incentrata quest’anno sul tema dell’abito d’artista e raccoglie, in edizione di 150 copie, opere originali nel grande formato A2 (cm. 42 x 60) di oltre sessanta autori internazionali attivi nelle più diverse discipline, dalla poesia visiva al design alla videoarte.

\r\n

La mostra comprende le opere di BAU Tredici, una selezione dal progetto Rosso di Donna/1522 curato da Alessandra Borsetti Venier e altri lavori visuali e installazioni inedite che esplorano l’ambito dell’abbigliamento creativo, un vasto territorio la cui ricca tradizione spazia dagli stravaganti capi Dada e Futuristi fino alle estrose vesti di scena di musicisti come David Bowie e Lady Gaga o alle creazioni di stilisti fuoriclasse come Gianfranco Ferrè e Alexander McQueen. BAU ha sollecitato un’indagine sull’indumento nelle sue più disparate applicazioni, sia dal punto di vista dei materiali impiegati che dell’innovazione e dei processi sociali attivati. DRESS CODEX propone quindi un “codice d’abbigliamento” del tutto fantastico, che non esprime l’obbligo di adeguarsi a norme rigide bensì al contrario auspica proposte insolite, utopiche e visionarie sull’universo dell’abito.

\r\n

L’inaugurazione della mostra DRESS CODEX (dalle ore 15.30, con ingresso libero e apertura straordinaria fino alle ore 23.00) sarà seguita dalla presentazione della rivista BAU Contenitore di Cultura Contemporanea a cura della redazione (ore 17.30-19,30). Introdotto dallAssessore alla Creatività, Rossella Martina e dal Direttore Scientifico della GAMC, Alessandra Belluomini Pucci, levento comprenderà un “defilé artistico” in cui svariati autori di BAU Tredici sfileranno indossando i loro capi creativi, oltre alle performance degli ospiti speciali: il poeta sperimentale Sarenco, la compositrice elettronica Amelie Duchow, il gruppo post-punk Klam e la cantautrice Verdiana Raw.

\r\n

Gli autori di BAU Tredici: Andrea Abati, Aboutiful, Paolo Albani, Silvia Ancillotti, Fernando Andolcetti, Stella Bach, Nora Bachel, Nanni Balestrini, Vittore Baroni, Golnaz Bashiri, Anna Valeria Borsari, Antonino Bove, Luca Brocchini, Myriam Cappelletti, Andrea Chiarantini, Weixin Chong, Cosimo Cimino, Massimo Cittadini, Carla Crosio, GianLuca Cupisti, Anne & Mario Daniele, Jakob De Chirico, Luca De Silva, Gabriele Dini, Graziano Dovichi, Amelie Duchow, Laura V.d.B. Facchini, FBarbara Fluvi, ForA, Monica Fossi Giannozzi, Ingrid Gaier, Annaklara Galli, Carlo Galli, Delio Gennai, Chiara Giorgetti, Gumdesign, Valentina Lapolla, LeRusco, Margherita Levo Rosenberg, Lolamur, Claudia-Marie Luenig, Marcantonio Lunardi, Ruggero Maggi, Manuela Mancioppi, Ubaldo Molesti, Rachel Morellet, Gertrude Moser-Wagner, Mario Mulas, Murat Önol, Virginia Panichi, Guido Peruz, Lamberto Pignotti, Giorgio Poli, ProgettoUtopia, Quek & Cambrai, Claudio Romeo, Massimo Salvoni, Sergio Sansevrino, Sarenco, Eva Sauer, Gue Schmidt, Simoncini.Tangi, Lorena Sireno, Serena Tani, Nicola Felice Torcoli, Päivi Vähälä, Tommaso Vassalle, Giacomo Verde, Elisa Zadi, Lucrezia Zaffarano.      

\r\n

Altri artisti in mostra: Said Atabekov, Emanuela Baldi, Alessandra Borsetti Venier, Gloria Campriani, Carlo Cantini, Cinzio Cavallarin, Guglielmo Achille Cavellini (Archivio Carlo Palli), Antonio Ciarallo, Adolfina De Stefani, Gianni Dorigo, Mirella Ferrari, Kiki Franceschi, Caroline Gallois, Cristina Gozzini, Kappa, Bruno Larini, Elena Marini, Luca Matti, Lisa Nocentini, Rita Pedullà, Rosali Schweizer, Gianna Scoino, Giuseppe Secchi, Kinichi Tanaka, Elena Trissino, Stefano Turrini, Tatiana Villani.

\r\n

Testi: Vittore Baroni, Massimo Bianchini/Aboutiful, Antonino Bove, Luca Brocchini, Francesca Cattoi, Andrea B. Del Guercio, Alessio Guano, Patrizio Peterlini, Maurizio Marco Tozzi, Helena Velena.

\r\n

La grafica del Contenitore di Cultura Contemporanea e dell’allestimento mostra è di Gumdesign.

\r\n

Orario: giugno – 15.30 / 19.30 – luglio: 18:00 / 23.00 – chiuso il lunedì

\r\n

www.gamc.it  gamc@comune.viareggio.lu.it  – t. 0584 581118

\r\n

www.bauprogetto.net  info@bauprogetto.net  – t. 0584 944546

\r\n

BAU

\r\n

Lassociazione BAU è nata a Viareggio nel 2004 ad opera di un gruppo di autori con esperienze decennali quali operatori nellambito della ricerca artistica. Approdata in numerosi musei, biblioteche e collezioni internazionali, dal Mart di Rovereto alla Tate Modern di Londra, BAU Contenitore di Cultura Contemporanea è una delle più originali e significative pubblicazioni dartista attive oggi in Italia, prodotta annualmente in edizioni limitate con contributi originali numerati e firmati di numerosi autori internazionali. BAU ha coinvolto dal 2004 oltre settecento partecipanti da trenta nazioni (tra cui personaggi come Arturo Schwarz, Edoardo Sanguineti, Emilio Isgrò, Julien Blaine, Ben Vautier), operanti nelle più diverse discipline, dalla poesia sperimentale al libro dartista, dalla musica alla video arte, dalla fotografia alla performance.

\r\n

GLI OSPITI

\r\n

SARENCO

\r\n

Nome darte di Isaia Mabellini, nato a Vobarno (Brescia) nel 1945. Poeta, filmmaker, editore, mercante, esploratore, artista totale. Tra le sue mostre più importanti: Stedeljik Museum, Amsterdam, 1970; Documenta 5, Kassel, 1972; Biennale di Venezia, 1972, 1975, 2001; Biennale di Siviglia, 2004; Fondazione Mirò, Barcellona, 2004; Biennale di Malindi, 2006; Castello Visconteo, Pavia, 2006. Ha pubblicato oltre sessanta libri, realizzato cinque film proiettati in vari festival (Venezia, Québec, Trento, Montecatini, Marsiglia, Parigi). Per Dress Codex, lautore interpreterà il poema sonoro  “Viva Babele (ti amo nelle 149 lingue del mondo che conosco)” e presenterà con la collaborazione di Elena Marini un abito dellartista uzbekistano Said Atabekov.

\r\n

AMELIE DUCHOW

\r\n

Nasce ad Amburgo, si interessa di musica elettronica dai primi anni Novanta sviluppando il proprio percorso artistico nella scena di Monaco ed Amburgo. Nel 2007 in collaborazione con Marco Monfardini dà vita al progetto Schnitt, un connubio artistico italo/tedesco scaturito dal comune interesse per il suono di ricerca. Nel 2014 dà vita a Tonstich, un progetto basato sulla creazione di un abito sonoro, una performance audio-video (presentata dal vivo a Dress Codex) incentrata sulla realizzazione di un abito immaginario le cui caratteristiche sono interamente affidate alle variabili del suono. Tonstich è stato pubblicato da Sync in tiratura limitata su vinile. Per BAU Tredici, Amelie ha prodotto il cd Kleiderkonstruktion, una composizione audio realizzata partendo dai parametri di costruzione del cartamodello di un abito. www.amelieduchow.com 

\r\n

KLAM

\r\n

I Klam sono un quartetto post punk-shoegaze nato nel 2012: Luca Musetti (batteria, tastiere), Alberto Rindi (chitarra), Tommaso Salvini (voce, chitarra), Valerio Stivè (basso). Il loro primo album “Bleak” è stato pubblicato nel 2014 dalla White Birch records. Del 2016 è la loro recente cassetta-ep “Concrete Vagina” sull’americana Land Animal tapes. https://www.facebook.com/klamtheband/?fref=tshttps://klam.bandcamp.com/

\r\n

VERDIANA RAW

\r\n

Verdiana Raw (voce, piano, violino) è cantautrice e performer, ventinovenne artista poliedrica e completa che fonde passione e tecnica in una continua ricerca e crescita attraverso il lavoro artistico, lo studio e le collaborazioni in svariate discipline: musica, teatro, danza, pittura, poesia. Nel maggio 2016 ha pubblicato per letichetta Pippola Music il suo secondo album Whales know the route, a quattro anni dallesordio Metaxy (Ark Records). Nel mezzo tante collaborazioni artistiche in varie discipline e lesperienza  della maternità che ha accompagnato e segnato la sua crescita personale e artistica. Il nuovo album è stato prodotto da Paolo Favati (che collabora anche al basso) con lapporto di Antonio Bacchi (chitarre), Fabio Chiari (batteria), Erika Giansanti (viola). www.verdianaraw.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.