Home Libri GLI IREMONGER – RITRATTI DI EDWARD CAREY

GLI IREMONGER – RITRATTI DI EDWARD CAREY

149
SHARE

Antonia Jannone Disegni di Architettura, Corso Garibaldi 125 – Milano\r\n\r\n22 ottobre – 6 novembre\r\n\r\n24 ottobre, ore 16 – Incontro con Edward Carey. Intervengono Alba Donati e Carmen Pellegrino\r\n\r\n“Dickens incrociato con Lewis Carroll. Una storia gotica spiritosa, dolce, meditativa, emozionante e magnificamente inquietante.” Kirkus Reviews\r\n\r\nBookCity dedica una mostra ai disegni di uno scrittore geniale: EDWAR CAREY in occasione dell’uscita in libreria di FOULSHAM secondo libro della saga degli IREMONGER  (traduzione di Sergio Claudio Perroni, Bompiani, pag. 400, € 18.00) svela il suo laboratorio di illustratore\scrittore ossessionato dai detriti, dalla spazzatura, dalla povertà ma anche innamorato del mondo silenzioso degli oggetti, a cui dà anima e parola.\r\n\r\nLa mostra, organizzata in collaborazione con Bompiani e Antonia Jannone Disegni di Architettura, raccoglie  41 disegni  nati intorno alla storia di una delle più eccentriche famiglie inglesi.\r\n\r\nScrittore dalla fantasia magnifica, Carey disegna un personaggio prima di scriverne: ecco in mostra in occasione di BookCity, i disegni da cui nasconi i suoi libri di narrativa, scritti per i ragazzi di oggi e di ieri. In mostra ci saranno i disegni del fatiscente ma incantato castello\immondezzaio di Heap House, e anche quelli di Foulsham, la grande discarica di Londra, secondo episodio della saga degli Iremonger. Come già Heap House anche Foulsham è sull’orlo del collasso. Le mura che contengono i rifiuti stanno per cedere, la spazzatura straborda dall’alto per tornare nella città da cui proviene. Negli uffici della famiglia Iremonger, nonno Umbitt, accecato dalla sete di potere, ha trovato un modo per far assumere forma umana agli oggetti di tutti i giorni e, allo stesso modo, per trasformare le persone in carne e ossa in oggetti. I due piccoli protagonisti si cercano senza trovarsi:Lucy Pennant abbandonata nella profondità dei cumuli è stata portata in salvo da una creatura terrificante, Clod è diventato una mezza corona d’oro ed è “perso”. Viene passato di mano in mano come denaro contante in giro per Foulsham, eppure lo stanno cercando tutti! Nel frattempo, però, in città gli oggetti, oggetti comuni, prendono vita. Il dono di Edward Carey sta lì, nella vita che riesce a dare alle piccole cose, ferri da stiro, ombrelli, forbici: la poesia degli oggetti animati è il suo segreto più profondo.\r\n\r\nEdward Carey sarà a Milano nella sede della mostra il 24 ottobre, alle ore 16, per un incontro col pubblico. A parlare degli Iremonger con lui ci saranno Alba Donati e Carmen Pellegrino.\r\n\r\nEdward Carey, nato nel 1970 nel Norfolk, scrittore, drammaturgo, illustratore, è autore  di Observatory Mansions e Alva e Irva. Le gemelle che salvarono una città, entrambi pubblicati da Bompiani, per cui è uscito anche il primo volume della trilogia dedicata agli Iremonger, I segreti di Heap House (2015).\r\n\r\nFonte: Davis & Franceschini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here