Home Eventi e News Pisa Book Festival, pronti per la XIII edizione

Pisa Book Festival, pronti per la XIII edizione

89
SHARE
IL PISA BOOK FESTIVAL GIUNGE ALLA XIII° EDIZIONE

\r\n

6-7-8 NOVEMBRE – PALACONGRESSI DI PISA

\r\n

\r\n

OSPITE D’ONORE DELLA XIII° EDIZIONE: LA SCOZIA

\r\n

\r\n

150 EDITORI INDIPENDENTI, 200 EVENTI, 280 RELATORI NAZIONALI E INTERNAZIONALI 

\r\n

\r\n

LA CITTÀ UNIVERSITARIA DIVENTA UNA GRANDE LIBRERIA DA 100.000 VOLUMI 

\r\n

\r\n

SERENA DANDINI, MARCELLO FOIS, CARMINE ABATE, DACIA MARAINI, MARCO BALZANO, GAETANO SAVATTERI, ALESSANDRO MARI, MILENA AGUS, GIULIO ANGIONI, GIANNA FREGONARA, E I TOSCANISSIMI FABIO GENOVESI, MARCO VICHI, VANNI SANTONI E MARCO MALVALDI SONO ALCUNI TRA GLI OSPITI ITALIANI DEL PISA BOOK FESTIVAL, L’APPUNTAMENTO INTERNAZIONALE DEDICATO ALL’EDITORIA INDIPENDENTE.

\r\n

\r\n

Il Pisa Book Festival è un salone nazionale del libro dedicato alla case editrici indipendenti che ogni anno in autunno riunisce a Pisa editori, scrittori, traduttori, illustratori e artisti italiani e stranieri. Con 150 editori espositori e oltre 200 eventi organizzati nei tre giorni è diventato un evento difficile da perdere per gli appassionati della lettura. Per gli editori il festival è una piattaforma speciale per acquisire nuovi sbocchi commerciali e discutere di idee e innovazione, ma soprattutto per entrare in contatto diretto con i lettori e presentare le loro novità in una delle sette sale del Palazzo dei Congressi, attrezzate con le migliori tecnologie.

\r\n

Il programma culturale viene costruito ascoltando da una parte le proposte degli editori e dall’altra proseguendo lungo i percorsi ormai consolidati del Festival: le anteprime editoriali, il Focus sul Paese Ospite d’Onore, gli autori del Caffè la Repubblica, i Grandi Ospiti, il Translation Day e la sezione Junior, che porta avanti il rapporto privilegiato del Festival con le scuole e i giovani.

\r\n

 

\r\n

L’ospite d’Onore:

\r\n

La Scozia, ospite d’onore di questa edizione, sarà presente a Pisa con una folta delegazione di scrittori, guidata dal direttore dell’Edinburgh International Book Festival, Nick Barley. Tra gli autori in arrivo a Pisa, William McIlvanney, nominato dal Telegraph tra i 50 giallisti da leggere prima di morire, in Italia è stato pubblicato da Tranchida e Feltrinelli/FoxCrime. Al Pisa Book Festival presenterà Docherty, appena pubblicato dalle Edizioni Pagina Uno, un intenso racconto sulla Scozia del primo Novecento con cui ha vinto il prestigioso Whitbread Award for Fiction; Ewan Morrison, scrittore e regista, vincitore di numerosi premi letterari tra cui Scottish Book of the Year (SMIT) Fiction Prize 2013, Glenfiddich Scottish Writer of the year 2012/13 Not the Booker Prize 2012, in Italia è noto per il romanzo Scambisti, pubblicato da Fazi; Donald S. Murray, il più scozzese fra gli scozzesi, parla correttamente il gaelico, è autore di romanzi, saggi, poesie e racconti. Al festival presenterà il romanzo The Italian Chapel, in cui narra le storie dei prigionieri italiani nelle isole Orcadi durante la Seconda Guerra Mondiale; Allan Massie, scrittore, giornalista, critico letterario, autore di oltre 60 libri, tra romanzi storici sull’Antica Roma, studi critici e saggi sul rugby, a Pisa terrà una conferenza sulla Storia europea vista dalla Scozia. La sua pubblicazione più recente è Il Thistle and the Rose, una raccolta di saggi sul rapporto spesso spinoso tra Scozia e Inghilterra, in cui assume un forte punto di vista unionista; Jenni Fagan autrice del romanzo d’esordio Panopticon, (ISBN), tradotto in 8 lingue e a cui sarà ispirato il prossimo film di Ken Loach, racconta la storia di un’adolescente che sfida le aspettative della società. Nel 2013 Granta ha inserito Jenni Fagan tra i 20 Best Young British NovelistsKirsty Logan ha raggiunto il successo nazionale e internazionale con la fiaba per adulti The Gracekeepers con cui ha vinto nel 2013 lo Scott Prize for Short Stories. Da agosto 2015 è in libreria A Portable Shelter una raccolta di racconti sulla perdita e l’identità, ispirata a racconti popolari scozzesi; James Robertson è noto in Scozia per aver tradotto nel dialetto scozzese libri per bambini. Joseph Knight, il suo secondo romanzo, ha vinto i due più importanti premi letterari scozzesi, Saltire Book of the Year 2003 e Scottish Arts Council Book of the Year 2004. A settembre 2015 è uscito And the Land Stay Still, romanzo storico che abbraccia mezzo secolo di storia politico-sociale della Scozia a partire dalla seconda guerra mondiale.

\r\n

Altro ospite di rilievo lo scrittore per l’infanzia e illustratore Ross Collins. Le sue illustrazioni saranno in mostra al Palazzo Blu (Pisa) in contemporanea con il Festival.

\r\n

 

\r\n

Altri ospiti stranieri:

\r\n

Miguel Bonnefoy, nato a Parigi nel 1986 da madre venezuelana e padre cileno, Miguel Bonnefoy è cresciuto tra Francia, Venezuela e Portogallo. La sua scrittura, divisa tra Europa e Sud America, si ispira al realismo magico e al surrealismo, caratteristica che lo ha fatto accostare a scrittori come Gabriel García Márquez e Alejo Carpentier, presenta a Pisa Il meraviglioso viaggio di Octavio, 66thand2nd – uscito in Francia nel gennaio 2015 e accolto con entusiasmo da critica e pubblico – è finalista del Prix Goncourt du premier roman e si è aggiudicato il prestigioso Prix Edmée de la Rochefoucauld per l’opera prima.

\r\n

\r\n

Jean- Christophe Bailly filosofo e pensatore francese, autore di Il partito preso degli animali, nottetempo, un testo in cui l’interesse di Bailly è di passare dalla parte degli animali per rinnovare il nostro sguardo sul mondo, perché un animale è un altro accesso al senso. Dagli animali, con le loro strategie di vita, potremmo avere molto da imparare, se solo mettessimo in questione il principio assoluto dell’uomo come unico “costruttore del mondo”.

\r\n

 

\r\n

E poi lo scrittore angolano Ondjaki, che presenta  Nonnadiciannove e il segreto del sovietico (Il Sirente) Le sue opere sono state tradotte in 6 lingue, nel 2018 ha vinto il Premio Grinzane come migliore scrittore africano dell’anno e nel 2010 ha vinto il Brasile il prestigioso Premio Jabuti. 

\r\n

Interverrà a Pisa anche lo scrittore olandese Martin Michael Driessen che presenta Padre di Dio (Del Vecchio editore). 

\r\n

\r\n

Non solo fiction al Pisa Book festival:

\r\n

Desaparecidos, Note a margine di tre processi di Francesco Caporale, edito da 24 Marzo Onlus, con l’introduzione di Oliviero Diliberto che lo presenterà a Pisa, è la storia di una passione per la verità e la giustizia, il racconto di tre processi per i desaparecidos celebrati in Italia tra il 1999 e il 2010. 

\r\n

\r\n

Spassionati. Nuovi Cittadini nella Democrazia che verrà. Interviste a cura di Gianna Fregonara, edito da Upi University Press Italiane. Il volume raccoglie le interviste a dodici note personalità del mondo culturale e politico sul tema della disaffezione dei cittadini nei confronti delle istituzioni pubbliche. Anna Fregonara presenterà il libro a Pisa con Luciano Violante.

\r\n

 

\r\n

Luisanna Messeri presenta il suo nuovo libro 111 ricette italiane che devi sapere cucinare edito da Emons libri. Interviene con l’Autrice la giornalista eno-gastronomica Fiammetta Fadda.

\r\n

\r\n

Made in Tuscany:

\r\n

Una nuova sezione del festival che si inaugura domenica 8 sarà dedicata agli scrittori toscani e vedrà in scena nomi affermati e giovani esordienti in un rave party con caffè e brioche. Sono attesi Gianpaolo Simi e Francesco Recami.

\r\n

\r\n

Nuove collaborazioni:

\r\n

Questa edizione del Festival è ricca di nuove collaborazioni, quella con Trame il festival di libri sulle mafie, e quella con Leggendo Metropolitano il festival di Cagliari. Trame porterà a Pisa tre incontri sulla legalità e Leggendo Metropolitano farà conoscere al pubblico pisano la città di Cagliari raccontata da Milena Agus e da Giulio Angioni.

\r\n

La collaborazione tra questi festival è nata grazie al fatto che il Pisa Book Festival è inserito rete delle Città del Libro, creata del Ministero delle Attività Culturali allo scopo di creare collaborazioni tra i festival che condividano le stesse finalità e si svolge sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura.

\r\n

\r\n

Repubblica Caffè: 

\r\n

Incontri con l’autore e dibattiti curati dal quotidiano La Repubblica: i giornalisti Laura Montanari e Fabio Galati della Repubblica di Firenze condurranno diversi eventi presso il Caffè Letterario del festival.

\r\n

Giornate della traduzione letteraria, Translation Day:

\r\n

Un filone peculiare del Pisa Book Festival è quello dei seminari sulla traduzione editoriale, organizzati nella Sala Business da Ilide Carmignani (Direttrice del Centro per la Traduzione e Premio Nazionale del MIBAC per la Traduzione 2013) e rivolti ai traduttori. Si tratta di seminari a ingresso gratuito tenuti da professionisti del settore affermati e qualificati. 

\r\n

\r\n

Reading di attori:

\r\n

Speciale invito alla lettura per i visitatori del festival: Giulio Scarpati leggerà L’anno della lepre di Arto Paasilinna (Iperborea) e Marcello Fois Dr. Jekill e Mr. Hyde in tandem con la lettura in lingua originale di James Robertson.

\r\n

\r\n

Le scuole: Prosegue il progetto con le scuole Io leggo in biblioteca, che ha coinvolto gli scrittori Marco Santagata, Alessandro Mari, Marco Vichi, Fouad Laroui, Gianluca Favetto, Anthony Cartwright, Federico Appel e Tommaso Percivale che saranno ospiti del festival e dialogheranno con i ragazzi dei licei pisani. I libri del progetto sono stati acquistati dal Pisa Book Festival e fanno ora parte del patrimonio librario delle biblioteche delle scuole che si sono registrate.

\r\n

Pisa Book Junior. Il meglio dell’editoria indipendente per ragazzi:

\r\n\r\n

Il programma Education, organizzato in collaborazione con gli editori espositori della sezione Junior, prevede incontri con i migliori scrittori e illustratori per bambini e ragazzi, laboratori creativi con illustratori. 

\r\n

Il programma è organizzato in tandem con l’Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Pisa con l’obiettivo di diffondere l’amore per la lettura fin dalle prime classi del percorso scolastico.

\r\n

E ancora, sarà presentata una nuova collaborazione internazionale del festival dedicata ai giovani scrittori, editori e traduttori di quattro paesi, l’Italia, la Spagna, il Portogallo e l’Olanda. Si tratta del progetto Wintertuin, ideato e diretto da una squadra di giovani operatori culturali olandesi, che lanciano a Pisa Il libro lento. Il progetto ha il sostegno dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi e coinvolge anche la Scuola Holden di Torino.

\r\n

\r\n

Orari e costo dei biglietti:

\r\n

Da venerdì 6 novembre a domenica 8 novembre dalle 10,00 alle 20,00

\r\n

Venerdì 6 novembre – Ingresso gratuito

\r\n

Sabato 7 domenica 8 – biglietto d’ingresso 5 euro – ridotto 4 euro

\r\n

Ingresso gratuito per i ragazzi al di sotto i 18 anni e per i portatori di handicap con un accompagnatore.

\r\n

Il Festival si svolge al Palazzo dei Congressi – Lungarno Buozzi – Pisa 

\r\n

\r\n

Il Pisa Book Festival 2015 è promosso e sostenuto dal Comune di Pisa, dalla Fondazione Pisa e dalla Fondazione Palazzo Blu e si avvale del prezioso contributo di Creative Scotland per il programma Scozia Paese Ospite d’Onore. 

\r\n

Media Partner: la Repubblica

\r\n

Sponsor: IKEA – TOSCANA AEROPORTI – PALAZZO DEI CONGRESSI di PISA.

\r\n

Partnership: Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi – Ambasciata di Francia – Institut Français – FFF2015, Festival de la Fiction Française – Dutch Literary Fund – Collettività Territoriale Corsa – Festival Trame – Leggendo Metropolitano – Wintertuin Festival.

\r\n

Con il contributo di Camera di Commercio di Pisa.

\r\n

\r\n

***********

\r\n

Il festival: 

\r\n

Da 13 anni sosteniamo l’editoria indipendente. Da 13 anni in autunno a Pisa riuniamo editori e scrittori, italiani e stranieri, per celebrare il libro, la lettura e l’indipendenza di pensiero. 

\r\n

Il Pisa Book Festival è un salone nazionale del libro dedicato alle case editrici indipendenti italiane che ogni anno in autunno riunisce a Pisa editori, scrittori, traduttori, illustratori e artisti italiani e stranieri. Nato nel 2003 con la missione di valorizzare gli editori indipendenti italiani, il festival è passato dai 56 editori espositori del primo anno ai 150 della scorsa edizione 2014, confermandosi un evento leader nel settore dell’editoria. Per gli editori il Festival rappresenta una piattaforma unica per farsi conoscere, per acquisire nuovi sbocchi commerciali, per discutere di idee e di innovazione, per trovare quello spirito di collaborazione necessario per affrontare le sfide del futuro. Negli anni il Festival è cresciuto sino a diventare anche un luogo privilegiato dove il pubblico può incontrare i suoi autori preferiti. Dinamico e originale nelle sue scelte, il Festival ospita ogni anno più di 200 eventi, dall’incontro con l’autore, al convegno, dal laboratorio di scrittura al seminario per traduttori, fino allo spettacolo e al reading. 

\r\n

Il programma degli eventi è organizzato secondo cinque filoni: le anteprime degli editori, il focus sul paese ospite, i grandi ospiti, gli autori di La Repubblica Caffè, i seminari del centro traduzione e lo spazio Junior. Alla continua ricerca di sempre nuove attrazioni il Festival ogni anno ha arricchito il programma con nuove rubriche, nel 2011 la Repubblica Caffè, nel 2012 la serie di dibattiti Riflessioni, un forum per tutte le età dove il pubblico scambia opinioni con gli autori su temi di grande attualità. La novità del 2014 è stata serie di incontri sulla letteratura migrante e sugli scrittori africani. 

\r\n

 

\r\n

Paese Ospite d’Onore:

\r\n

Un viaggio nella letteratura e nella cultura di un Paese europeo. Un Focus del programma sono gli incontri legati alla presenza del Paese Ospite, un progetto nato con l’intento di internazionalizzare la fiera che negli anni ha potuto contare sulla collaborazione di partner culturali europei come l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, l’Ambasciata di Francia in Italia, l’Institut Français, Goethe Institut, Dutch Fund for Literature, le Ambasciate di Svezia, Danimarca e Norvegia. 

\r\n

Il contesto europeo è ormai imprescindibile sia sotto il profilo culturale sia sotto quello delle risorse: grazie, infatti, ai partner europei il festival ha potuto presentare un programma ricco di autori e ospiti stranieri. 

\r\n

 

\r\n

Pisa Book Junior 

\r\n

Il meglio dell’editoria indipendente per ragazzi 

\r\n

Siamo impegnati a sviluppare l’amore per la lettura fin dalle prime classi del percorso scolastico. Per questo il programma Education, organizzato in collaborazione con gli editori espositori della sezione Junior, prevede incontri coinvolgenti con i migliori scrittori e illustratori per bambini e ragazzi, secondo tre parole chiave: Partecipazione, Immaginazione, Creatività. Il programma è organizzato in tandem con l’Assessorato alle Politiche Scolastiche del Comune di Pisa. 

\r\n

\r\n

 Fonte: Fiammetta Biancatelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here