Home Arte Intervista a Feofeo

Intervista a Feofeo

344
SHARE

A TU PER TU CON FEOFEO – L’ARTISTA SELEZIONATA PER LA MOSTRA “IL GRANDE CANALE DELLA PACE” CHE SI TERRA’ A VENEZIA PALAZZO BOLLANI DAL 9 MAGGIO P.V.  \r\n\r\nChe cosa significa per lei essere stata selezionata per la mostra “IL GRANDE CANALE DELLA PACE”, curatore Gregorio Rossi, che si terrà a Venezia dal 9 maggio?\r\n\r\nE’ stata una conferma che il lavoro che sto svolgendo come artista va nella direzione giusta; sto lavorando da diversi anni alla trasmissione di un messaggio di pace e di rinascita attraverso le mie opere; l’umanità che sta attraversando un periodo cosmicamente travagliato, ha bisogno di conferme e consapevolezza, perché molti hanno dimenticato dove stiamo andando ed il vero perché dell’esistenza umana.\r\n\r\nQual è il suo messaggio artistico?\r\n\r\nCredo che artisti si nasca e si nasca con un preciso compito, ossia quello di trasformare in simbolo  un messaggio che con le parole non si può trasmettere, perché nasce dal cuore e dalla Gioia .\r\n\r\nCome nasce un’idea?\r\n\r\nUn’idea non nasce, è in potenza nel nostro essere, e prende via via forma  quando\r\n\r\ntrova i presupposti per essere realizzata.\r\n\r\nChe cosa è per lei l’ispirazione?\r\n\r\nNon esiste momento ispiratorio, bensì un flusso creativo ininterrotto che si concretizza in colore non appena le condizioni lo permettono.\r\n\r\nIn che circostanze vengono le idee migliori?\r\n\r\nPer rispondere a questa domanda bisognerebbe distinguere il concetto di migliore; per me ogni idea è apprezzabile, ma si deve rapportarla ad un gusto e ad un giudizio soggettivo.\r\n\r\nQual è la prova del nove per capire se un’idea è valida oppure no?\r\n\r\nSe per valida intendiamo che ha l’approvazione del pubblico, è sufficiente sottoporgliela e godere dei commenti, ma bisognerebbe andare oltre…, secondo me la maggior parte delle volte chi ha idee innovative e geniali è mal compreso dalla massa, che è ancora anni luce indietro…J\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nTre idee creative che piacerebbe fossero venute  a lei?\r\n

    \r\n

  1. Il primo gabinetto, che in Oriente risale fino a 2000 anni fa (Cina) , ma in Occidentesoltanto al 1596, frutto del genio di un figlioccio della regina Elisabetta d’Inghilterra;
  2. \r\n

\r\n \r\n

    \r\n

  1. la prima lampadina elettrica, inventata da Thomas Edison;
  2. \r\n

\r\n \r\n

    \r\n

  1. il primo paio di occhiali forse frutto di un italiano, maestro vetraio veneziano del 1200.
  2. \r\n

\r\nTre scoperte che, a mio avviso, hanno cambiato la qualità della vita di gran parte dell’umanità.\r\n\r\nQuando e come ha iniziato a vedersi come artista?\r\n\r\nEssere artisti è un modo di esistere, è relativo a come ci relazioniamo al mondo circostante e veniamo riconosciuti tali nel momento in cui il nostro modus operandi diventa trasmissione  di emozioni.\r\n\r\nPerché la maggioranza degli artisti ha delle personalità complesse?\r\n\r\nPerché sono in conflitto con quello che vorrebbero essere e quello che la società gli impone di diventare.\r\n\r\nCome si deve valutare un’opera artistica?\r\n\r\nCon gli occhi di chi cerca di comprendere un messaggio universale.\r\n\r\nL’artista deve reinventarsi ogni giorno?\r\n\r\nRealmente l’artista non ne ha bisogno: la sua sensibilità lo porta a confarsi ai mutamenti che le circostanze impongono.\r\n\r\nChe artisti ammira e in che modo hanno influenzato le sue opere?\r\n\r\nRitenendo ogni idea umana il concretizzarsi di un barlume divino, ogni espressione artistica per me è eccezionale.\r\n\r\nSicuramente la mia pittura è istintiva, quindi più vicina all’Action Painting, e a Pollock, ma ritengo che sia un percorso obbligato a cui la sperimentazione approda: il mio primo dripping lo ho realizzato molto prima che di Pollock sentissi anche solo il nome.\r\n\r\nQual è la sua opinione sulle sovvenzioni pubbliche artistiche?\r\n\r\nNon ho grande preparazione in materia, credo che sia una domanda strettamente tecnica per gli addetti ai lavori.\r\n\r\n \r\n\r\nLe dispiace doversi staccare da un pezzo che ha venduto?\r\n\r\nSempre, sono pur sempre figli nostri.\r\n\r\nSi compra l’opera o si compra l’artista?\r\n\r\nNon c’è separazione fra l’opera e l’artista, l’una è il prodotto dell’altra, dunque si comprano entrambi.\r\n\r\nNell’arte non ci sono guide, come sa qual è la cosa successiva da fare?\r\n\r\nMi basta ascoltarmi dentro, d’altronde” Conosci te Stesso” è stato la dottrina dell’umanità.\r\n\r\nChe ruolo hanno giocato nella sua traiettoria le figure del mercante, rappresentante, gallerista e intermedi in generale?\r\n\r\nNe ho viste davvero di tutti i colori, se mi passate la battuta; ho conosciuto persone bieche assoldate al puro interesse economico, ma anche persone straordinarie che hanno fatto dell’Arte la loro realizzazione terrena.\r\n\r\nChe cosa consiglierebbe a chi inizia?\r\n\r\nConsiglierei tanta determinazione e fiducia in se stessi.\r\n\r\n‘L’Arte, con la lettura maiuscola, così come l’hanno intesa i più grandi pensatori e filosofi, è il più potente mezzo per arrivare a dialogare col profondo del nostro essere, poiché il luogo più bello dell’universo è proprio dentro di noi.\r\n\r\nIntervista di: Daniela Lombardi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.