Home Musica In anteprima su Rockit lo streaming del disco d’esordio da solista di...

In anteprima su Rockit lo streaming del disco d’esordio da solista di Simona Norato

705
SHARE

In anteprima su Rockit lo streaming \r\n\r\ndell’album d’esordio da solista \r\n\r\ndal titolo “La Fine del Mondo” (in uscita il 17 febbraio).\r\n\r\nProduzione artistica di Cesare Basile\r\n\r\n \r\n\r\nIn anteprima su Rockit.it lo streaming del disco d’esordio da solista di Simona Norato, “La Fine del Mondo” (produzione artistica di Cesare Basile), in uscita il 17 febbraio.L’album sarà accompagnato dal videoclip del brano “Esci e divertiti”, disponibile a breve su Youtube.\r\n\r\n \r\n\r\nSimona Norato racconta il suo nuovo lavoro discografico: “Questo disco è il frutto di una scrittura incoercibile, come il reflusso gastrico perpetuo dopo la sbronza. La morte alcolica dell’eroe senza pelle che si rinchiude in casa per paura e per amore dell’uomo, è necessaria. Perché è la fine che precede il principio, non il contrario.  Questo disco parla di Rinascita, parla di quella salvezza che proviene dalla scrittura, dal racconto. La bellezza del viaggio che prescinde dal risultato e nutre, qui ed ora. La ricerca di nuovi modelli culturali che cancellino quelli vecchi, ingoiati senza critiche. La rivoluzione allo specchio. Il cambiamento ed il movimento applicati innanzitutto a se stessi, perché lasciarsi non è la fine del mondo”.\r\n\r\n \r\n\r\nQueste le 12 tracce che compongono l’album: Welcome home”un brano sulla prima grande guerra che, dopo cent’anni, non è ancora finita; Scultore”l’alienazione dell’artista contrapposta al suo bisogno di fidarsi ancora del mondo; Esci e divertiti dove si descrive il vero peccato mortale, l’inconsapevolezza; Betty blu” che racconta l’infanzia che non torna più: rimane però la disobbedienza e il ricordo della timidezza di quegli anni; “La sposa americana”: fedeltà o tradimento, cultura contro natura; Intervallo”, brano strumentale che sospende il ritmo del disco dentro un capannone del circo equestre; Mezza mela”, una dichiarazione d’amore domestico in quarantatré secondi; Vertigine blu”, critica verso quell’industria discografica che non mette più al centro la musica; Un familiare”: baroni mascherati che banchettano con la carne umana, schadenfreude; “Scimmia” – “grazie per avermi fatto capire cosa non voglio diventare, piuttosto che pianificare il successo della mia apparenza, torno scimmia”: altra critica sui commercianti che tradiscono l’arte per trenta denari ma non si impiccano; Negli anni 80”, descrizione di “complicatissime questioni di auto amore alternato, inclinazione tipicamente umana”La fine del mondo”: manuale per la fine del mondo (una guida apocalittica), “beati coloro che godranno l’eternità di un amore anche dopo l’esplosione del fidanzamento, l’estinzione della coppia”.\r\n\r\n \r\n\r\nIl disco uscirà per La Fionda, un consorzio appena nato di musicisti siciliani (Catania/Palermo), fra cui anche Cesare Basile, che si prefigge l’obbiettivo di sperimentare, attraverso un’esperienza diretta di pubblicazione indipendente, un nuovo modello di gestione della ‘macchina’ che sostiene l’artista.\r\n\r\n \r\n\r\nLo streaming e il download delle copie digitali si potrà effettuare, con la formula della donazione (si può scaricare anche gratis), a partire dal 17 febbraio, e saranno disponibili esclusivamente su simonanorato.it. Sul sito saranno disponibili anche le copie fisiche al costo di 10 euro + spedizione. La distribuzione esclusiva sul sito, senza distribuzione digitale su piattaforme, incarna il manifesto de La Fionda “che rivendica l’appropriazione dell’opera da parte dell’artista senza intermediari2.\r\n\r\n \r\n\r\nNote biografiche: Simona Norato è un’autrice, compositrice e poli-strumentista attiva dal 2000. Con i F-male Croix, dal 2000 al 2006 partecipa all’Arezzo Wave Love Festival 2001 e ai programmi “Apocalipse Show” di G. Funari su RAI 1 e “Stella” di M. Costanzo  su SKY. Nel 2008 (e fino al 2012) comincia la collaborazione con Antonio Di Martino (coautrice – strumentista): Cara maestra abbiamo perso”(2010 – Cesare Basile, produttore artistico del disco / Pippola Firenze editore), “Sarebbe bello non lasciarsi mai” (2012, co-compositrice e strumentista / Picicca editore, Warner Chappel) e “Non vengo più mamma(2013, autrice e compositrice di “Come fanno le stelle / Picicca editore, Warner Chappel). Con i Famelica partecipa al Premio De Andrè 2009, a Musicultura 2009, all’ Italia Wave Love Festival 2009 e al Concerto del 1° Maggio in P.za San Giovanni a Roma.  Nel 2010 e nel 2011 sale sul palco dell’Ypsigrock Fest rispettivamente con Fabrizio Cammarata e con Dimartino. Nel 2010, dalla collaborazione con Serena Ganci, nasce il progetto IOTATOLA (primo premo Musicultura 2010, ospiti al Premio Tenco nel 2011, ospiti nel programma Parla con me” di Serena Dandini su RAI3):co-autrice e compositrice di “Divento viola” (2011) e “Pop Corner” (next 2014) per MaFi production. Co-autrice di “Un gioco senza fine” con Samuel Romano (Subsonica). Il brano è contenuto in Pop Corner (Iotatola 2014).\r\n\r\n \r\n\r\nPer informazioni:  www.simonanorato.it\r\n\r\nFonte: Gabriele Lo Piccolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.