Home Interviste Intervista ad Andrea Gamanossi

Intervista ad Andrea Gamanossi

552
SHARE

Da poco in libreria il nuovo libro di Andrea Gamanossi dedicato ai nuovi genitori noi l’abbiamo incontrato per sapere qualcosa in più.

Dal thriller a Il libro bianco della cicogna il passo è stato breve?
I diari, i libri bianchi dove scrivere le proprie esperienze e le proprie emozioni mi hanno sempre affascinato. Quindi, quando con l’editore Antonio Pagliai abbiamo parlato di questo nuovo progetto, mi ci sono gettato d’impulso e devo dire che, seguendo l’istinto, non ho avuto difficoltà particolari nel curare questo libro bianco.

In ogni tuo libro, da quelli dedicati alla cucina, ai gialli fino a questo, il filo conduttore sembra essere la memoria. Che ruolo ha per te?
La memoria storica è una parte essenziale della nostra esistenza, ma direi più in generale, di tutte le civiltà. Nella frenetica corsa di tutti i giorni, purtroppo, la stiamo perdendo. Stiamo perdendo la capacità di tramandare le nostre esperienze in ogni settore, sia nel campo affettivo che in quello lavorativo, affidandoci esclusivamente alle nuove tecnologie. E questa scelta, se non ce ne avvediamo presto, sarà pagata a caro prezzo.

Come curatore di questo “libro di ricordi”, su cosa hai posto l’accento?
Essendo un diario che racconta dell’infanzia ho cercato di far mettere in evidenza le emozioni e le sensazioni che i genitori provano durante la nascita e la crescita del proprio figlio. Poi, essendo un libro bianco, saranno proprio i genitori a riempire le pagine con i loro sentimenti. Loro, in realtà, sono i veri scrittori di questo libro.

In un momento in cui tutto sembra essere affidato alla tecnologia digitale, un libro di questo genere non è controcorrente?
Infatti questo libro è una sfida. Come ho detto prima dobbiamo cercare di invertire la tendenza. Le esperienze personali, le memorie devono essere una parte fondamentale del nostro pensiero, della nostra vita. La tecnologia è importante, ma non dobbiamo diventarne schiavi, e utilizzarla nel migliore dei modi. L’uomo non è robot, questo dobbiamo mettercelo in testa.

Qual è stata la difficoltà maggiore nell’affrontare questo nuovo lavoro? Quale la soddisfazione più grande?
A me piacciono le sfide e cimentarmi in questo genere di libro è stata una vera e propria sfida. Mai, qualche anno fa, avrei pensato di diventare il curatore di un libro del genere. Poi, nata l’idea, tutto è venuto da sé, senza particolari difficoltà. La soddisfazione più grande? Dimostrare a me stesso che sono in grado di affrontare anche altri settori editoriali, oltre al thriller e alla gastronomia.

A questo punto cosa possiamo aspettarci da te?
La mia grande passione è il thriller in tutte le sue sfumature, dal giallo al noir. Sto lavorando proprio su un giallo, ma nel contempo ho qualche altro progetto in cantiere. Ma aspetto a parlarne, anche un po’ per scaramanzia…

Intervista di: Elena Torre

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.