Home Libri Evoluzione non autorizzata, uno sguardo sul futuro

Evoluzione non autorizzata, uno sguardo sul futuro

103
SHARE

Il nuovo interessante libro di Marco Pizzuti

Nel 1957 Julian Huxley utilizzò per primo il termine transumanesimo, con l’intento di dare un nome e delineare quel movimento culturale che sostiene e appoggia lo sviluppo di nuove tecnologie con lo scopo di aumentare e definire in modo nuovo le capacità fisiche e cognitive della specie umana; solo pochi anni prima, sul finire del 1948, l’inglese George Orwell scriveva in 1984 la sua visione distopica di un futuro alla mercé di un Grande Fratello che tutto sa e tutto controlla. Alla luce delle più moderne scoperte tecnologiche, ci sentiamo ancora di considerare quel futuro inquietante solo la fantasia di uno scrittore?

Se lo chiede, Marco Pizzuti, scrittore, blogger e opinionista, divenuto negli anni, anche grazie alle sue precedenti pubblicazioni di successo il punto di riferimento per milioni di persone in cerca di un’informazione differente da quella dei media ufficiali. Se lo chiede e risponde con un saggio che ripercorre, con il consueto rigore, la storia delle invenzioni che hanno condotto la specie umana alla soglia di un’estinzione di massa dell’uomo per come lo conosciamo, a favore di una nuova generazione di uomini e donne ibridi, in cui la fusione con le macchine sarà completa. Anche i più scettici avranno notato come negli ultimi anni la dipendenza da dispositivi elettronici e informatici sia aumentata senza controllo, con un incremento dell’interazione uomo-macchina e della connessione ad un sistema informatico ventiquattr’ore su ventiquattro, sette giorni su sette, un sistema che raccoglie i dati sensibili e ne dispone.

Gli enormi progressi compiuti non solo in campo informatico, ma anche nella robotica e nella biologia stanno confluendo, segnando l’avvio di una nuova era bionica, in cui biologia ed elettronica si fondono. Dagli esperimenti di Manuel José Delgado ai trasponder sottocutanei, dai cyber-coleotteri alla tecnologia Brainet, non è semplice immergersi nella lettura senza dimenticare che non si tratta di fantascienza ma di dura e cruda realtà: quel futuro che sembrava così lontano è qui, le macchine si stanno umanizzando, stanno acquisendo un’intelligenza e una coscienza artificiali che non saranno più distinguibili da quelle umane, e noi non siamo più in grado di staccare gli occhi dagli schermi…

 

Evoluzione non autorizzata

-Dall’uomo 2.0 alla matrice universale della coscienza-

Marco Pizzuti

Edizioni Il Punto d’Incontro

2016

 

www.altrainformazione.it

 

Articolo di: Cinzia Ciarmatori

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here