Home Eventi e News Africa dalla porta accanto: chiusura della mostra posticipata al 17 gennaio

Africa dalla porta accanto: chiusura della mostra posticipata al 17 gennaio

64
SHARE

È stata posticipata al 17 gennaio la chiusura della mostra fotografica “Africa dalla porta accanto… soyez le bienvenus”, inaugurata a Pisa, presso il Caffè letterario Volta Pagina (Via San Martino 71-73), lo scorso 21 dicembre. Organizzata dai volontari dell’Associazione UnAltroMondo Onlus, associazione di volontariato impegnata nella cooperazione internazionale in Africa (Mali, Senegal,Togo) e India (http://www.unaltromondo.it/).\r\n\r\nI volontari hanno preso parte a un campo di lavoro a Bene Barack, quartiere periferico di Dakar, partecipando alle attività didattiche della scuola Fabrizio&Cyril. La scuola è stata fondata da due motociclisti della Parigi-Dakar Fabrizio Meoni e Cyril Despres. In un paese dove non tutti possono pagarsi la retta scolastica, anche nella scuola pubblica, poter ricevere un’istruzione pagando una retta bassissima, molto spesso nemmeno quella, può davvero cambiare le cose.\r\n\r\nA darci qualche informazione in più su come si sia creata questa opportunità è Federica Facchetti, volontaria dell’associazione e che nell’estate scorsa ha prestato servizio nella scuola di Bene Barack insegnando ai bambini senegalesi e che ha ideato la mostra: “Dopo questa esperienza ho capito ancora di più quanto deve essere difficile per i ragazzi senegalesi che vengono in Italia doversi adattare, abituati a una vita comunitaria come la loro, in cui aiutarsi a vicenda è normale. Per loro è dura scontrarsi con il nostro individualismo.”\r\n\r\n“Grazie a questa attività – aggiunge Federica – è cambiata la mia idea di aiuto. Ho organizzato questa mostra per mandare soldi in Senegal non solo perché ne hanno bisogno, ma perché la forza motrice mi è arrivata dai bambini stessi: il loro impegno e la loro voglia di studiare… quando io sono andata in Senegal, per loro era vacanza, ma venivano ugualmente a scuola, non per giocare, ma per studiare matematica e inglese e a fine lezione facevo fatica a farli uscire di classe perché rimanevano incollati ai banchi per finire.”\r\n\r\nLa scopo della mostra è raccontare di questo paese favoloso, della sua accoglienza, colori e musica. Durante l’inaugurazione sarà allestito un mercatino con vendita di oggetti senegalesi e fotografie. Il ricavato sarà inviato alla scuola.\r\n\r\n Sara Missorini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here