Home Interviste Katres: L’intervista

Katres: L’intervista

85
SHARE

Sulla secna musicale si affaccia la giovane Katres… conosciamola meglio…\r\n\r\nQuanto il tuo essere una donna del Sud influenza il tuo modo di comunicare?\r\n\r\nSono nata e cresciuta tra due vulcani, il sud con le sue atmosfere e colori ha da sempre influenzato non solo il mio modo di comunicare ma anche il mio rapporto con la quotidianità e il mio approccio alla vita che definisco creativo e romantico, passionale e ironico.\r\n\r\nQual è il modo migliore per raccontare l’universo femminile?\r\n\r\nTrovo che la chiave stia nella semplicità, nel saper raccontare la quotidianità senza troppe metafore.\r\n\r\nAmo raccontare storie di donne, quasi tutte le mie canzoni parlano di donne e lo fanno in modo che ogni donna possa riconoscersi in esse e ogni uomo possa accedere al mondo femminile senza sentirsi un estraneo.\r\n\r\nQuanto è importante l’ironia?\r\n\r\nL’ironia è fondamentale, l’ironia è il sale della vita. L’ironia per me è una filosofia di vita ed è spesso presente nella mia musica.\r\n\r\nTu hai avuto molti riconoscimenti che peso hanno avuto?\r\n\r\nOgni riconoscimento è stato per me una piccola grande tappa raggiunta. Ho sempre, con fatica e amore, cercato di portare in giro la mia musica.\r\n\r\nHo sempre creduto nella mia musica che come spesso dico è per me croce e delizia. Ogni riconoscimento è stato un incoraggiamento a non mollare, un motivo in più per crederci, la conferma che quello che sto facendo ha senso non solo per me.\r\n\r\nCome scegli le cose che racconti con la tua musica?\r\n\r\nNon le scelgo, sono loro che scelgono me. Compongo in maniera molto spontanea… inizio a scrivere e poi mi accorgo che quello che sto scrivendo va in una certa direzione piuttosto che in un’altra.\r\n\r\nNasce tutto in maniera molto inconsapevole.\r\n\r\nFarfalla a valvole è un titolo bizzarro 😉 come nasce?\r\n\r\nIl chitarrista che con me ha lavorato alla realizzazione dell’album un giorno mi scrisse una mail e mi disse che ero una farfalla a valvole, gli chiesi di spiegarmi il perché e lui rispose così: << Un amplificatore a valvole è il migliore che ci sia per la chitarra, caldo e potente ma anche raffinato e delicato, una farfalla a valvole è tutto questo e in più è anche bella da vedere>>.\r\n\r\nLessi questa definizione e l’istante successivo decisi che avrei chiamato così il mio album.\r\n\r\nCosa dobbiamo sapere su di te per iniziare a conoscerti?\r\n\r\nChe non so fare altro che scrivere canzoni… che le scrivo per la gente e se la gente vuole conoscermi non deve fare altro che ascoltarle perché nella mia musica c’è tutto quello che bisogna sapere di me perché io sono la mia musica e la mia musica è me.\r\n\r\nIntervista di: Elena Torre\r\n\r\nFoto di: Claudia Ragusa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here