Home Interviste Stefano Piro: l’intervista

Stefano Piro: l’intervista

133
SHARE

Artista d’origine milanese e sanremese d’adozione, ex cantante del gruppo Lithium, Stefano Piro torna col nuovo album “Forme di vita del genere umano a colori” uscito il 23 ottobre. Lunedì 29 ottobre Piro sarà in concerto alla Salumeria della Musica a Milano per presentare il suo album, noi l’abbiamo incontrato per sapere qualcosa in anteprima…\r\n\r\nQuesto album può essere letto come un viaggio?\r\nSi, mi sembra la definizione giusta. Il viaggio di un uomo nei propri ricordi per cercare l’attaccamento alla vita.\r\n\r\nNel 2000 con i Lithium hai vinto il premio della critica e a seguire tanti altri rconoscimenti da allora cosa è cambiato nel tuo modo di far musica?\r\nAll’epoca avevo tanta passione ma meno esperienza… di vita. Ero molto più chiuso e certo. Oggi mi fido molto di più dei dubbi degli altri e, soprattutto, mi accetto per quel che sono.\r\n

Se tu dovessi indicarte tre tappe fondamentali del tuo percorso artistico quali segneresti?\r\nIl premio della Critica a Sanremo, il primo disco degli ARM ON STAGE e quest’ultimo lavoro.

\r\n

\r\n

Elementi di continuità e di novità in Forme di vita del genere umano a colori?\r\nContinuo a convivere con più anime musicali ma la novità è che assecondo più facilmente le mie idee di musica.

\r\n

\r\n

Quanto le contaminazioni di genere aiutano la musica?\r\nSono da sempre il fondamento dell’invenzione. C’è della meraviglia in tutte le sfaccettature dei pentagrammi, riuscire a fonderle è molto difficile, ma chi ci riesce, diventa originale.

\r\n

Qual’è il messaggio di questo tuo ultimo lavoro?\r\nTorniamo umani! che questa vita è una casualità incredibile… non roviniamocela.

\r\n

\r\n\r\nQuanto pesa la musica e quanto le parole quando componi un nuovo brano?\r\nLe parole sono fondamentali, ma spesso vorrei riuscire a impacchettarle in melodie riconoscibili. E’ sempre uno scambio continuo tra concetto ed estetica.\r\n\r\n

\r\n

Cosa ti incuriosisce nel mondo?\r\nSe mi scurisco, la follia dei potenti. Se sto sereno, il magico mondo della mia donna.

\r\n

\r\n

Intervista di: Cinzia Ciarmatori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here