Home Arte Itinerari d’arte da Seravezza alla Versilia

Itinerari d’arte da Seravezza alla Versilia

133
SHARE

La mostra dal titolo “L’occupazione della bellezza”, raccoglie 100 opere tra dipinti e sculture di Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi ospitate tra strade, piazze, edifici pubblici, sedi di associazioni, bar e alberghi. Inaugurazione a Palazzo Mediceo sabato 21 luglio

\r\nUn itinerario d’arte che da Seravezza (Lu) si dipana come una ragnatela in tutta l’area apuo – versiliese con oltre 100 opere tra sculture e dipinti realizzate da due artisti pistoiesi, Giuseppe Bartolozzi e Clara tesi, posizionati nelle strade, edifici pubblici, parchi, bar, alberghi e sedi di associazioni. E’ questa la mostra dal titolo “L’occupazione della bellezza” organizzata dalla Fondazione Terre Medicee e dal Comitato Archivio artistico – documentario Gierut e curata dal critico d’arte e scrittore Ludovico Gierut, che sarà inaugurata sabato 21 luglio alle ore 18 presso il Palazzo Mediceo, via del Palazzo 358 a Seravezza. Il percorso espositivo, che rimarrà visitabile fino al 31 gennaio 2013, raccoglie 20 sculture monumentali e 80 tra dipinti e sculture di piccole e medie dimensioni ( realizzate in marmo ma anche travertino, bronzo e resina), posizionate all’interno di vari locali di fruizione pubblica del territorio comunale di Seravezza, nel cortile e davanti al Palazzo Mediceo e nelle frazioni di  Querceta, Giustagnana e Cerreta San Nicola. Inoltre presso il Duomo dei SS. Lorenzo e Barbara, nel centro storico di Seravezza, è collocata una grande Croce scultorea connessa alla Via Crucis. Altre opere sono posizionate tra la Versilia e l’area apuana come a Pietrasanta (Area “Open One”-Via Aurelia Km 365,700), Camaiore (località Gombitelli), Montignoso (via dell’Arte e Cinquale), Stazzema (frazione Ponte Stazzemese). Per visitare tutti i luoghi della mostra sarà realizzato un depliant e durante tutto il periodo dell’apertura della mostra saranno organizzati eventi collaterali e aggiunte altre opere al percorso espositivo.  Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi, ambedue pistoiesi, operano ormai da decenni nel panorama artistico italiano con base a Montignoso ( Ms), e non solo, con mostre personali e di gruppo. Le loro opere scultoree, pittoriche e grafiche (realizzate “a quattro mani”) figurano in importanti collezioni pubbliche e private sia in Europa che in altri Continenti, mentre le documentazioni sull’attività sono reperibili presso le maggiori Biblioteche pubbliche e in Archivi specializzati. Autori di una ormai famosa scultura dedicata a Pinocchio che nel 2010 ha rappresentato l’Italia all’Expò di Shangai, hanno lavori monumentali inseriti in spazi pubblici e privati a Brescia, San Marcello Pistoiese, Montignoso, Pistoia, Verona, Pietrasanta. Di rilievo la loro presenza con opere monumentali nel maggio-giugno a Carrara Marmotec 2012. “Sono due grandi artisti – spiega il curatore Lodovico Gierut – che fanno dell’esaltazione della bellezza il fulcro del loro lavoro. Una scultura figurativa che si trasforma ricca di simboli come l’uovo, la conchilia e la luna, frutto di una costruzione equilibrata e ricca di disegno con un’impronta energica e dolce al contempo, tanto che le forme modellate in creta o in marmo o in bronzo, ci dicono di un’energia pulsante, acqua vitale ricca di comunicazione”\r\n\r\nInfo: tel. 0584.757443, e-mail: info@terremedicee.it, sito web:  www.terremedicee.it\r\n\r\nUfficio Stampa agenzia ILogo, Prato Fabrizio Lucarini tel.3407612178, Chiara Mercatanti tel.3479778005 E- mail: press@ilogo.it\r\n\r\nScheda mostra\r\n\r\nTitolo: “L’Occupazione della Bellezza”.\r\n\r\nAutori: Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi.\r\n\r\nLuogo: Seravezza (Lucca). Centro storico  e  Villa Medicea, Pietrasanta, Camaiore, Montignoso, Stazzema\r\n\r\nPeriodo: 21 luglio 2012 – 31 gennaio 2013.\r\n\r\nInaugurazione: 21 luglio 2012, ore 18 presso Palazzo Mediceo.\r\n\r\nOrganizzazione: Fondazione “Terre Medicee”-Seravezza (Lucca).\r\n\r\nCollaborazione: Comitato Archivio artistico-documentario Gierut\r\n\r\nEvento espositivo e cura del catalogo: Lodovico Gierut, critico d’arte e scrittore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here