Home Teatro Prato: Aprite quella porta all’Officina Giovani

Prato: Aprite quella porta all’Officina Giovani

80
SHARE

Si svolgerà nel suggestivo spazio di Officina Giovani a Prato (piazza Macelli 4) mercoledì 30 marzo e avrà la struttura di un vero e proprio spettacolo teatrale “Aprite quella porta”, il nuovo progetto ideato dal Coordinamento Donne Cgil Prato insieme al Centro Anti-violenza La Nara. Dopo il grande successo di presenze lo scorso novembre con l’iniziativa “Il Lato C – Le donne hanno un lato che la Tv ignora: Il cervello”, stavolta la scelta del Coordinamento Donne è caduta su una dolorosa problematica, in crescita anche sul territorio pratese: la violenza di genere. L’iniziativa pensata, scritta e messa in scena fianco a fianco con il Centro Anti-violenza a cui, dal 1997 ad oggi, si sono rivolte 1697 donne, nasce dall’urgenza di portare all’attenzione delle persone e delle istituzioni la tragedia che di anno in anno si sta compiendo e che i dati descrivono in maniera inequivocabile: 127 donne uccise nel 2010 in Italia, 8 in più rispetto al 2009 e 15 in più rispetto al 2008.\r\n\r\nDopo l’aperitivo alle 20, a partire dalle ore 20,45 l’attrice Manola Nifosì, del Teatro Dante di Campi Bisenzio, ci condurrà attraverso una narrazione a capitoli, fatta di proiezioni di video e fotografie, momenti di teatro, di lettura e di danza: forme artistiche finalizzate alla comprensione della violenza e dei suoi effetti, fino ai motivi che spesso spingono le donne a restare in un contesto violento e quali invece possono essere i percorsi d’uscita. Subito dopo intorno alle 22, con gli spunti offerti dalla performance, prenderà vita il dibattito.\r\n\r\nL’ingresso è gratuito.\r\n\r\nLa stampa è invitata a partecipare.\r\n\r\nPer maggiori informazioni\r\n\r\nUfficio stampa\r\n\r\nCoordinamento Donne Cgil Prato – Martina Rafanelli +393397976952\r\n\r\nResponsabile Coord. Donne Prato – Nora Toccafondi +393408272490\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: Martina Rafanelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here