Home Musica Unknown people…

Unknown people…

60
SHARE

\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nUNKNOWN PEOPLE(uscito per Folkclubethnosuoni/IRD lo scorso settembre), seconda fatica discografica dei siciliani “TERRAE – compagnia di musiche popolari” è l’unico disco folk-world premiato con 5 stelle da “CONCERTO”, la rivista austriaca più importante del settore.\r\nQuesto è un estratto della recensione di Juri Giannini: “Dedicato a tutti coloro che hanno combattuto per la libertà e la giustizia della Sicilia e nonostante tutto sono stati esclusi dalla storia “ufficiale”. Questo cd nasconde una sorpresa dopo l’altra. (…). Stili e assonanze si mescolano con naturalezza e senza arbitrio: musica del mondo, musica tradizionale della Sicilia, elettronica, sperimentale, rock e molto altro. Questa musica crea un continuo stupore. Musica siciliana che attinge contemporaneamente al passato, al futuro e al presente.”\r\nLa Compagnia sarà impegnata in un minitour siciliano di due date: mercoledì 22 dicembre TERRAE si esibirà per il Circuito del Mito a Roccalumera (ME) e il 6 gennaio 2011 al Lomax di Catania; in questa occasione verrà prodotto un video live dell’intero concerto.\r\n“UNKNOWN PEOPLEnasce dall’idea di raccontare, in musica, alcuni momenti significativi della storia siciliana, nei quali il popolo si è ribellato al potere per rivendicare un proprio ruolo e di come questi moti popolari siano sempre stati repressi, con ferocia, nel sangue e nell’oblio delle cronache e della storia ufficiale. Dai vespri ai fasci siciliani, dalle occupazioni delle terre a Portella delle ginestre: una volontà, che, particolarmente oggi appare nuova, di autodeterminazione e di riscatto da una condizione subalterna. Una visione “nuova” del popolo siciliano che, a dispetto di fatalismi e antichi stereotipi, ha provato nei secoli a giocare il proprio ruolo.\r\nL’album è un’unica storia corale, che attraversa 700 anni, raccontata dal punto di vista popolare. A narrare le vicende sono sempre direttamente i protagonisti, braccianti, bambini, rivoltosi, carcerati, pescatori. E trovano posto, in questa narrazione, anche episodi della storia europea come la guerra civile spagnola vista però con gli occhi di un combattente siciliano scappato dalla tirannia fascista.\r\nAlle sonorità consolidate del quartetto composto dal violino di Cesare Frisina, dal contrabasso di Francesco Di Stasio, dalla chitarra classica di Antonio Livoti e dalle percussioni di Giorgio Rizzo, si aggiungono elementi elettronici, chitarre elettriche e voci femminili che espandono i riferimenti sonori verso una possibile ridefinizione della “world music” in “musica popolare contemporanea”.\r\nTutti i brani sono composizioni originali eccetto il primo, che è un omaggio a un gruppo storico della musica popolare italiana (e siciliana) degli anni ‘70, la Taberna Mylaensis, e due brani della tradizione che invece sono due canti d’amore e che vogliono sottolineare il legame con la musica popolare siciliana e la sua grande capacità suggestiva. I testi sono per la maggior parte in dialetto siciliano, ma in tre casi sono in lingue straniere. Uno in francese, per ricordare la cacciata degli angioini; uno in spagnolo per raccontare la speranza di cambiamento rappresentata dalla guerra civile spagnola; uno in inglese, che racchiude in poche, significative strofe il senso di tutto il lavoro.\r\nQuesta la tracklist: “Coru di carcerati”, “Cantu di carcerati”, “Inestra russa”, “La vida breve”, “Quantu basinicò”, “Cicirì francisi”, “Attenzione attenzione!”, “C’è cu cci pensa”, “Marì”, “Si Ddiu pisci finu mi facissi”, Unknown people”, “Coru di carcerati”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here