Home Musica L’edera di Elisa…

L’edera di Elisa…

148
SHARE

Che Elisa fosse una creatura silvana, lo avevamo capito fin dalla sua prima apparizione, voce eterica, sottile, pura. Forte come una quercia e leggera come il vento, dirompente come un temporale e trasparente come acqua. Senza sovrastrutture, sempre naturale e diretta, timida forse o solo riservata, custode di un mondo interiore ricco di rispetto per la natura e per gli altri, Elisa torna con un progetto intimo e partecipato. “Ci sono cose che ti restano dentro senza che tu sappia spiegartene il motivo -dice Elisa- cose che ti appartengono e a cui tu appartieni…E queste sono le canzoni che mi sono rimaste dentro, in un posto dove sono arrivate nella loro essenza e nella loro semplicità. Questo è il posto speciale dove ho attinto, e queste sono alcune delle canzoni che nell’arco di questo tempo si sono depositate qui. E la loro bellezza e la loro forza è simile alle emozioni che trovo nella natura. La forza della semplicità, la forza dell’armonia, della dolcezza e della purezza.”\r\n\r\nUn album e un dvd a metà strada tra un lungo videoclip e una video intervista dove compaiono immagini artistiche per esaltare la natura, dove Elisa racconta e si racconta attraverso la narrazione delle sue nuove canzoni. Per definire Ivy. Elisa usa spesso la parola ‘organico’ nel senso di naturale, non a caso anche gli arrangiamenti sono stati pensati in quella direzione, bandito il digitale,  gli strumenti usati unicamente naturali senza però scadere in un  suono acustico freddo. Cori di voci bianche  e momenti corali  lo arricchiscono regalando particolari suggestioni.\r\n\r\nSettimo album in studio  composto di 17 brani in cui compaono pezzi inediti, cover e greatest hits, Ivy è una pianta ben radicata a terra, ma non ha fiori, è un sempre verde che avvolge ciò che tocca spingendo verso l’alto… si può parlare dunque di ‘un concept-album quasi autobiografico dove ogni canzone racconta un frammento di vita reale, schegge di ricordi che rimangono vivi nella memoria, richiamano al passato, ma lo rileggono con una nuova maturità e prospettiva.’\r\n\r\nFoto di: Fabio Lovino\r\n

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here