Home Ambiente WWF: “E’ ALLARME SICUREZZA PER LA CACCIA IN ITALIA”

WWF: “E’ ALLARME SICUREZZA PER LA CACCIA IN ITALIA”

122
SHARE

L’attività venatoria in questo paese non rappresenta solo un problema per la biodiversità visto che l’Italia è il crocevia strategico di numerose specie migratorie patrimonio della comunità europea: la caccia è diventato un problema di sicurezza pubblica.\r\n\r\n“L’incolumità dei cittadini è messa seriamente a rischio dato che oltre un terzo dei cacciatori italiani non ha mai sostenuto l’esame di abilitazione all’uso delle armi, avendo la licenza di caccia da più di 40 anni e all’epoca questa abilitazione non era richiesta. Non dobbiamo quindi stupirci se si susseguono ad ogni stagione venatoria gli incidenti di caccia : lo scorso anno le vittime sono state 23 (e 50 i feriti), ma in passato si sono avute sino a 80 vittime. Questi incidenti sono in realtà omicidi colposi che si verificano esclusivamente per imperizia, negligenza e colpa grave da parte dello sparatore, che spesso ignora la pericolosità delle armi che imbraccia” dichiara Raniero Maggini vice Presidente WWF Italia.\r\n\r\nTra il 30 e il 40% dei 900.000 cacciatori ha più di 60 anni e non ha l’abilitazione all’uso delle armi, non ha una adeguata conoscenza delle leggi che regolano oggi la caccia, né è stata aggiornata visto che tale esame è stato instituito soltanto nel 1967 a seguito dell’entrata in vigore della Legge Quadro 799, la quale sostituiva la precedente farraginosa normativa del Regio Decreto nel 1939.\r\n\r\nPrima del 1967 non c’era esame o valutazione, era sufficiente pagare le tasse governative e di iscrizione ad un associazione venatoria e il rilascio della licenza di caccia era automatico senza alcuna valutazione di merito, soltanto la condotta morale poteva essere ostativa (precedenti penali, rissosità ecc.). Questo ha permesso il transito in blocco, senza nessun filtro, di 300.000 persone di cui non si conosce nè preparazione, nè perizia nell’uso delle armi.\r\n\r\nEd è per questo che il WWF chiede che anche questa quota di cacciatori si doti di apposita abilitazione in considerazione del fatto non trascurabile, tra l’altro, che le armi usate per alcuni tipi di caccia sono sempre più micidiali.\r\n\r\nInfatti, altro aspetto che fa della caccia un’attività ad alto rischio per chi la pratica e chi la “subisce” è la pericolosità delle armi stesse, denuncia il WWF.\r\n\r\nChi va a caccia del cinghiale o degli altri ungulati usa e detiene carabine a canna rigata, armi potentissime e precise. Alcuni modelli di carabine, come il fucile da guerra Kalanishkov oggi demilitarizzato, senza la funzionalità che consente di sparare a raffica, è oggi consentito per l’uso venatorio. Questo tipo di arma, utilizzata per la caccia, può sparare un proiettile (seppur senza alcuna precisione) fino a 3 chilometri di distanza, una potenza di fuoco inaudita e sproporzionata per il suo uso dilettantistico.\r\n\r\nE’ bene precisare che l’attuale norma vigente in materia venatoria, pur consentendo la liceità di acquisto e detenzione ad esempio delle micidiali carabine a canna rigata, ne vieterebbe di fatto l’uso, perché queste armi a lunga gittata non consentono di sparare in sicurezza, in prossimità di strade, immobili, vie di comunicazione.\r\n\r\nTenuto conto che la Carabina Remington calibro 30.06 spara proiettili ad oltre 3.000 metri e che la legge italiana consente di sparare ad una distanza di almeno una volta e mezzo della gittata massima dell’arma che si imbraccia, la domanda legittima è che fa il WWF: quanti sono i posti in Italia ove in linea d’aria non esistono strade, immobili, vie di comunicazione nel raggio di 4,5 chilometri?\r\n\r\nQueste armi “da guerra” non potrebbero essere usate in sicurezza in nessun luogo, ecco spiegate le ragioni per le quali sempre più Procure della Repubblica contestano ai cacciatori che le usano provocando gravi incidenti di caccia, il reato di omicidio colposo provocato da negligenza, imperizia e/o colpa grave nell’uso e maneggio delle armi, di chi spara da terra ad altezza preda e spesso uomo.\r\n\r\n“CAPOFILA” DELL’INSICUREZZA: LIGURIA E LOMBARDIA: CACCIA DI NOTTE E CANCELLAZIONE DELLA DISTANZA DI SICUREZZA\r\n\r\nLa Liguria si appresta a ‘festeggiare’ l’anno internazionale per la difesa della biodiversità introducendo la caccia al buio, con una proposta di legge palesemente incostituzionale che rischia di produrre migliaia di animali protetti uccisi per ‘sbaglio’ e accrescere il pericolo di incidenti alle persone. Martedi 28 va in aula la proposta di di estendere l’attività venatoria da appostamento fisso di mezz’ora oltre il tramonto.\r\n\r\nI cittadini lombardi invece rischiano di avere i cacciatori nel cortile di casa se passeranno le modifiche alla legge caccia L.26/93 da martedi 28 in discussione in Consiglio Regionale.\r\n\r\nLe modifiche prevedono in modo del tutto illegittimo, visto che la legge nazionale lo vieta di legittimare la pratica del trasporto di armi nei pressi di abitazioni e di strade vicinali ad uso pubblico senza che queste siano in custodia, senza rispettare le distanze di sicurezza fissata ora a 150 metri.\r\n\r\nDi fatto un cacciatore con un’arma pronta per la carica potrebbe passare vicino alle abitazioni mettendo in pericolo l’incolumità dei residenti.\r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa WWF Italia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here