Home Libri Valentina Lombardi in libreria con Il treno delle 8,28

Valentina Lombardi in libreria con Il treno delle 8,28

356
SHARE

Alle 8.28, orario palindromo, dalla città dove vive la protagonista passa un treno che Letizia non riesce mai a prendere, ed esiste un motivo per il quale si svolge tutta la trama.

“Un testo che ci fa riflettere come oggi la conflittualità, dentro e fuori di noi, sia ormai a livelli incontrollabili. Un conflitto che genera sofferenza, spesso violenza, ma che ormai guida l’uomo. La felicità è relegata a oggetto da comprare o cercare con scelte di vita coraggiose e spesso rischiose. Il libro invita alla lotta, cioè a tornare protagonisti, in positivo, della propria vita. Ma il percorso non è facile. E non tutti sono disposti a lottare. Letizia parla al nostro animo e ci invita a non desistere dai nostri ideali e dalle nostre convinzioni, per rimettere al centro della vita sociale l’uomo come protagonista del proprio destino.”

Luca Collodi, giornalista

 

” Il treno delle 8.28” è un viaggio alla ricerca di noi stessi. Di ciò che siamo, di ciò che vorremmo. Ma è soprattutto la messa a nudo di un’anima che vuole sapere chi è realmente. La nostra vita è nostra veramente? O qualcuno tira i fili e noi seguiamo un percorso già scritto? E possiamo ribellarci?

L’autrice ci porta per mano , con delicatezza in questa ricerca. Una storia che ci fa pensare a Lewis Carrol e ad “Alice del paese delle meraviglie” ambientato nel nostro secolo. Letizia, la protagonista, è una giovane donna di oggi che vive i suoi amori, le sue storie come ognuno di noi. Una vita normale che si accende quando lei decide di ribellarsi ad una realtà che le sembra precostituita e diretta da altri.

Laura Aprati, giornalista, autrice.
Valentina Paoletti Lombardi nasce a Livorno.

Dopo il diploma di liceo scientifico si iscrive all’università di Pisa, Scienze Politiche.

Consegue la laurea con una tesi in Sociologia della Comunicazione sul cinema dal titolo : ‘’Usi e approcci sociali delle nuove tecnologie nel cinema fantascientifico.’’ In questo lavoro, dopo aver analizzato le origini della fantascienza nella letteratura, nella emerografia e nel cinema, descrive i concetti di cyber cultura e di cyberspazio. Poi affronta un breve excursus storico dei film del genere soffermandosi, in particolare, su Blade Runner che viene confrontato con Fahrenheit 451, assieme anche a un parallelismo tra i due libri dai quali sono tratti , ossia rispettivamente :‘’Ma gli androidi sognano pecore elettriche?’’ di P.K. Dick e l’omonimo ‘’Fahrenheit 451’’di R.Bradbury.

 

Amante della poesia e dell’arte.

Attrice (spettacoli drammatici e commedie nei teatri romani e toscani. Fiction movie recenti : ‘’Romanzo famigliare’’ di F. Archibugi, ”Gran finale”di V.Groppa, ”Caruso” di S.Reali, ”Don Matteo 6 ”, ”Amiche mie”, Canale 5, ”Tutti pazzi per amore 3 ”) .

 

Poetessa, dal 2006 vive tra Roma e Livorno.

Il 17 Giufno alle ore 18.00 il libro verrà presentato alla Libreria Feltrinelli di Livorno, interverranno il Prof Franco Sumberaz, pittore ed Emanuele Barresi, attore e regista.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here