Home Libri Marco Pizzuti EVOLUZIONE NON AUTORIZZATA

Marco Pizzuti EVOLUZIONE NON AUTORIZZATA

47
SHARE

Dall’uomo 2.0 alla matrice universale della coscienza\r\n\r\nViviamo in un’epoca di cambiamenti rapidissimi e radicali. Con Evoluzione non autorizzata ti sei concentrato proprio su questi cambiamenti e sul futuro. Come li descriveresti? \r\nMarco Pizzuti: Credo che i cambiamenti in arrivo siano di una entità tale da far cadere dalla sedia chiunque cerchi di metterli tutti insieme. Può sembrare inverosimile, ma tra le ultime scoperte scientifiche e la loro divulgazione a livello di massa c’è un gap di circa cinquant’anni, che farà apparire le nuove tecnologie come un balzo improvviso nella fantascienza.\r\nSe queste tecnologie non verranno usate per il benessere collettivo, ma solo come strumento per un arricchimento smisurato dei soliti grandi gruppi industriali, si aprirà un futuro davvero umiliante per l’umanità. Già adesso è evidente ad esempio come l’informatizzazione crescente della società sia una grave minaccia per la privacy e la libertà individuale: la tecnologia è arrivata ormai a un punto tale che nessun dato privato può essere più considerato al sicuro. I grandi social network,poi, sembrano concepiti appositamente per una sorta di auto-schedatura inconsapevole della popolazione.\r\n\r\nLa seconda parte del libro ha invece un’impronta che tu hai definito in qualche modo “mistica”. Perché?\r\nMarco Pizzuti: Ho sempre ritenuto che ogni ramo della conoscenza sia collegato allo stesso albero. La scienza moderna ha diviso la tecnologia dalle questioni spirituali, ma ormai siamo giunti a un punto tale dello sviluppo tecnologico che porta anche a domande di carattere esistenziale.\r\nIn pratica, stiamo scoprendo di assomigliare sempre di più a delle macchine. Alcuni grandi fisici, inoltre, hanno iniziato a descrivere l’universo come un elaboratore quantistico, dove la nostra realtà sensibile sarebbe l’equivalente di una simulazione al computer. Tali conoscenze scientifiche ci portano a interrogarci con “occhi nuovi” su cosa siamo veramente, su cosa è realmente l’universo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here